Codice tributo 3961: modello f24 TASI, pagamento e ravvedimento

Codice tributo 3961 TASI seconda casa negozi uffici da indicare nel modello f24 per il pagamento acconto 18 giugno e saldo 17 dicembre e ravvedimento

Stampa

Il codice tributo 3691 TASI seconda casa, è la causale di versamento che i contribuenti devono indicare nel modello F24 per pagare la tassa sui costi servizi indivisibili del Comune. Tale codice, va quindi utilizzato nel caso in cui si debba pagare la tassa sulla seconda casa o altri immobili come ad esempio un negozio, un ufficio, un capannone ecc.e sia per versare l'acconto TASI ed il saldo, o se si effettua il pagamento in un'unica soluzione.

Ricordiamo che la scadenza per pagare l'acconto della tassa sui servizi indivisibili TASI 2018, è il 18 giugno mentre il saldo TASI è il 17 dicembre.

 

Chi paga la Tasi nel 2018?

Chi paga la Tasi nel 2018? La tassa sui servizi indivisibili forniti dai Comuni che i contribuenti sono tenuti a pagare per fruire dell'illuminazione stradale, giardini e parchi, asili, scuole, ecc e alla cui base del tributo, vi è il possesso dell'immobile e in parte l'utilizzo per chi è in affitto è dovuta, a seguito dalle novità introdotte dalla Legge di Stabilità da:

  • Proprietari prima casa di lusso: per gli immobili di proprietà adibiti ad abitazione principale + relative pertinenze appartenti alle categorie catastali A1, A8 e A9 è dovuta la Tasi; 
  • Proprietari di seconde case, altri immobili: è dovuta la TASI;
  • Fabbricati rurali ad uso strumentale;
  • Fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita ma non ancora venduti e locati;
  • Immobili in affitto: se l'immobile è detenuto da un soggetto diverso dal proprietario o dal titolare del diritto reale, la TASI è dovuta dal detentore nella misura del 10% dell'imposta complessivamente dovuta; la restante parte, cioè il 90%, è a carico di chi possiede l'immobile. Tale percentuale, può comunque variare in base alla delibera di ciascun Comune.

Per maggiori informazioni su comodato e canone concordato vedi: novità acconto TASI 2018.

 

Tasi 2018 scadenze:

Tasi 2018 scadenza pagamento con modello F24 o con bollettino: i termini per pagare la Tasi sono:

TASI scadenza 2018anno 2018
TASI in acconto o unica soluzioneentro il 18 giugno
TASI saldo entro il 17 dicembre

 

Per ulteriori informazioni leggi: scadenza Tasi 2018.

Ricordiamo inoltre che per effetto del decreto fiscale collegato alla scorsa Legge di Bilancio, è stato abolito l'obbligo f24 telematico sopra ai 1000 euro.

 

Come si calcola e paga la Tasi 2018?

Come si calcola la Tasi 2018? La Tasi 2018 si calcola in modo simile all'IMU, ossia, rivalutando la rendita catastale del 5% la rendita catastale e moltiplicandola per il coefficiente in base alla categoria dell'immobile.

Al risultato ottenuto, si applica l'aliquota Tasi decisa dal Comune in cui è ubicato l'immobile.

L'aliquota Tasi 2018, da applicare ai fini di determinazione dell'imposta che i contribuenti ed enti pubblici devono versare, dipende dal Comune di residenza ossia, se il sindaco e la giunta decidono di deliberare nuove aliquote Tasi 2018 che, ricordiamo possono aumentare per le seconde case e altri immobili non oltre l'11,4 per mille, ossia, il 10,6 per mille + 0,8 di maggiorazione Tasi.

L'importo da versare in acconto in questo caso, sarà nella misura del 50% di quanto dovuto per TASI, e conguaglio finale con il saldo del 16 dicembre (17 dicembre nel 2018).

Come si paga la Tasi 2018? Il versamento della Tasi entro la scadenza del 18 giugno e del 17 dicembre deve essere effettuato mediante il modello f24 Agenzia delle Entrate indicando i relativi codici tributo o tramite bollettino TASI 2018.

 

Tasi 2018 modello f24 semplificato, editabile o normale:

La Tasi f24 è la modalità di pagamento con cui i contribuenti tenuti al versamento dell'imposta sui servizi indivisibili Comune devono pagare entro la scadenza. I contribuenti pertanto possono scaricare gratis il modello f24 Tasi 2018 editabile, in pdf o semplificato direttamente dal sito dell'Agenzia delle Entrate. Tali versioni, consentono quindi sia di pagare i tributi che utilizzare la compensazione dei crediti, con la differenza che:

  • Tasi 2018 f24 editabile: è il modello f24 compilabile online direttamente dal computer, i dati dal nominativo contribuente al codice fiscale, dai codici tributo alle somme da indicare sono editabili, ossia, si possono compilare da pc, salvare e stampare.
  • Tasi 2018 f24 Agenzia delle Entrate: è il modello f24 in formato pdf scaricabile gratis dal sito dell'Agenzia. Questo tipo di versione consente solo di scaricare e salvare sul pc l'F24 ma non consente la compilazione online dei campi del modello.
  • Tasi f24 semplificato 2018: è una versione del tradizionale modello f24 cartaceo e online ma con campi ridotti, per cui più semplice da utilizzare per i contribuenti. Inoltre, consente il pagamento dei tributi, compensazione, ravvedimento operoso.

 

Codice tributo 3961 TASI F24 seconda casa:

Codice tributo TASI 2018 da utilizzare nella fase di compilazione del modello di versamento per il tributo per i servizi indivisibili. I codici tributo Tasi che il contribuente deve indicare sono per i privati:

  • codice tributo 3958 TASI servizi indivisibili per l'abitazione principale e relative pertinenze;
  • codice tributo 3959 TASI servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale;
  • codice tributo 3960 TASI servizi indivisibili per le aree fabbricabili;
  • codice tributo 3961 TASI seconda casa e altri fabbricati.

Per gli enti pubblici i codici tributo Tasi 2018 da utilizzare nel modello f24 EP sono:

  • 374E – Tasi, fabbricati rurali ad uso strumentale;
  • 375E – Tasi, aree fabbricabili;
  • 376E – Tasi, altri fabbricati;
  • 377E – Tasi, interessi;
  • 378E – Tasi, sanzioni.

 

Come si compila f24 TASI 2018? istruzioni:

Come si compila f24 Tasi 2018? Il modello f24 deve essere utilizzato per il pagamento della Tasi 2018, per cui ogni contribuente deve provvedere alla compilazione del modello facendo attenzione ad indicare gli esatti codici tributo, ossia, le diverse causali del versamento e i dati richiesti secondo le istruzioni dell'Agenzia delle Entrate.

In fase di compilazione modello f24 Tasi 2018, il codice tributo va indicato nella “SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna importi a debito versati, ossia, la somma a pagare.

Nello spazio codice ente/codice comune, il contribuente deve indicare il codice catastale del Comune in cui è ubicato l'immobile, lo spazio Ravv., deve invece essere barrato solo nel caso in cui il contribuente si avvale del ravvedimento operoso. Lo spazio “Acc” va barrato solo in caso di acconto imposta mentre lo spazio Saldo, va barrato solo se il pagamento si riferisce al saldo.

Nel caso invece che il pagamento Tasi avvenga in un'unica soluzione, va barrata sia la casella acconto che saldo.

Sempre sul modello F24 Tasi, il contribuente deve indicare poi, nello spazio Numero immobili, il numero degli immobili per cui si effettua il versamento e nello spazio Anno di riferimento, va invece indicato l'anno di imposta cui si riferisce il pagamento.

Per maggiori informazioni e approfondimenti su come si compila il modello f24 e istruzioni rimandiamo al nostro articolo Modello F24 editabile compilabile Agenzia delle Entrate.

 

Ravvedimento operoso tasi f24: codice tributo 3962 e 3963

Tasi ravvedimento operoso e codice tributo, si riferisce alla possibilità di tutti i contribuenti di sanare violazioni in termini di versamento della tassa sui servizi indivisibili. Infatti, prima che la violazione venga accertata e notificata, il contribuente può avvalersi del ravvedimento Tasi autonomamente e pagare sempre tramite modello f24 l'imposta dovuta, gli interessi e la sanzione ridotta.

La sanzione ridotta da calcolare è pari allo 0,1% , se il versamento avviene entro i primi 14 giorni dopo la scadenza, 1,5% se il pagamento è tra il 15° e il 30° giorno e il 1,67% se il versamento è entro 90 giorni.

Tale versamento entro 90 giorni, è stato introdotto con il nuovo ravvedimento operoso cd. intermedio.

Per i pagamenti effettuati a partire dal 91° in poi ma entro 1 anno, è prevista una sanzione pari al 3%. Il ravvedimento lunghissimo invece non si applica ai tributi comunali come TASI, IMU e TARI.

Riguardo al calcolo interessi di mora nel ravvedimento operoso, va applicato il nuovo saggio di interesse 2018 pari allo 0,3%.

Il contribuente che si avvale del ravvedimento operoso Tasi, deve barrare nel modello F24 lo spazio “Ravv.” e indicare l’anno in cui l’imposta avrebbe dovuto essere versata e i seguenti codici tributo: 

  • codice tributo ravvedimento operoso f24 Tasi: 3962 servizi indivisibili versamento INTERESSI.
  • codice tributo ravvedimento operoso f24 Tasi: 3963 servizi indivisibili versamento SANZIONI.

Si specifica che i suddetti codici tributo possono essere utilizzati anche per il versamento della TASI a seguito dell'attività di controllo da parte dell'Amministrazione finanziaria e quindi in caso di omesso, insufficiente o tardivo pagamento della Tasi.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili