TASI IMU Firenze 2018: aliquote prima seconda casa affitto e scadenza

TASI IMU 2018 Firenze prima casa seconda casa altri immobili in affitto, scadenza pagamento come e quando pagare con f24 e calcolo importo su nuove aliquote

Stampa

Tasi IMU 2018 Firenze: Il Consiglio comunale di Firenze ha pubblicato lo scorso 27 dicembre, la nuova Delibera IMU TASI 2018 contenente le nuove disposizioni e aliquote per la tassa sui costi indivisibili dei comuni e per l'imposta municipale propria sulla prima casa di lusso, seconde case e altri immobili.

Anche quest'anno è stata deciso dal Comune di mantenere l'esenzione TASI 2018 per i proprietari che pagano l'IMU. 

 

TASI Firenze 2018 scadenza acconto e saldo:

L'acconto TASI nel Comune di Firenze come in tutti gli altri comuni di Italia, si paga entro la scadenza del 18 giugno 2018.

I soggetti tenuti al versamento in generale sono coloro che detengono o possiedono un immobile come prima casa di lusso o seconda casa, o altri tipi di immobili ma il comune di Firenze ha deliberato che la TASI dovuta solo da:

  • Fabbricati costruiti e destinati dalle imprese costruttrici alla vendita non ancora ceduti o locati: 1,0 per mille;
  • Fabbricati rurali ad uso strumentale: aliquota Tasi 1,0 per mille.

La scadenza saldo Tasi è al 17 dicembre o in unica soluzione a giugno.

  

TASI IMU 2018 Firenze come si paga? F24 e nuovo bollettino TASI:

Come si paga la TASI IMU a Firenze? Il pagamento della TASI o IMU, può avvenire tramite modello f24 indicando i seguenti codici tributo TASI approvati dall'Agenzia delle Entrate: 

Codici tributo TASI 2018 F24 sono:

  • 3959 TASI – tributo per i servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale.
  • 3960 TASI – tributo per i servizi indivisibili per le aree fabbricabili.

Codici tributo IMU 2018:

  • IMU abitazione principale e relative pertinenze: 3912
  • IMU fabbricati rurali ad uso strumentale  3913
  • IMU aree fabbricabili - comune 3916
  • IMU altri fabbricati: 3918
  • Per il bollettino postale vedere il nostro articolo di approfondimento Bollettino Imu TASI 2018.

 

IMU Firenze aliquote acconto e saldo:

Le aliquote IMU 2018 Firenze sono state fissate dalla nuova delibera del Comune di Firenze:

Aliquota Imu ordinaria: 1,06%;

Immobili appartenenti a categorie diverse dalla categoria catastale D, di nuova costruzione, destinati ad insediamenti produttivi di tipo artigianale, commerciale, industriale o di servizi, direttamente e interamente utilizzati dal soggetto passivo - proprietario o titolare di diritto reale di godimento - per l’avvio di nuove attività imprenditoriali o di unità locali operative che producano nuova occupazione: aliquota 0,46%;

Unità immobiliari civili abitazioni appartenenti alle categorie catastali da A/2 a A/7 in relazione alle quali sussista uno stato di occupazione abusiva attestato da apposita denuncia alle competenti autorità e fino al provvedimento di avvenuta restituzione dell’immobile: 0,46%;

  • immobili appartenenti alle categorie catastali C e A/10, direttamente e interamente utilizzati dal proprietario giovane imprenditore di età inferiore ai 40 anni, o concessi in locazione a quest’ultimo, al fine di effettuare nuova attività di impresa, di lavoro autonomo o di startup in specifiche zone del territorio comunale, individuate con appositi atti dell’Amministrazione Comunale e riconosciute come soggette ad un alto tasso di abbandono di attività economico-commerciale e di degrado: 0,50%;
  • immobili classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 adibiti ad abitazione principale (e fattispecie assimilate dal Regolamento Comunale per l’applicazione dell’IMU) e relative pertinenze: 0,60%.
  • immobili accampionati a civile abitazione locati con contratto a canone concordato: 0,57%;
  • unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A/10, B, C, D in relazione alle quali sussista uno stato di occupazione abusiva attestato da apposita denuncia alle competenti autorità e fino al provvedimento di avvenuta restituzione dell’immobile: 0,76%.

E ancora:

  • g) immobili appartenenti alla categoria catastale D, di nuova costruzione, destinati ad insediamenti produttivi di tipo artigianale, commerciale, industriale o di servizi, direttamente e interamente utilizzati dal soggetto passivo - proprietario o titolare di diritto reale di godimento - per l’avvio di nuove attività imprenditoriali o di unità locali operative che producano nuova occupazione: 0,76% 
  • h) sale cinematografiche e teatri, accatastati nella categoria catastale D/3, direttamente utilizzati dal proprietario o titolare di diritto reale di godimento per la gestione di attività di programmazione cinematografica e/o teatrale o concessi in uso gratuito, senza produzione per il proprietario di alcun reddito da locazione o di altra natura, per lo svolgimento dell’attività suddetta: 0,76%.
  • i) immobili appartenenti alle categorie catastali C/1 e C/3 direttamente utilizzati dal proprietario soggetto passivo IMU per l’esercizio in via esclusiva di un’attività lavorativa artigianale o commerciale facente parte degli “Esercizi Storici Fiorentini” ed inserita nell’apposito albo comunale: 0,76%.
  • j) immobili appartenenti alle categorie catastali C/1 e C/3, direttamente utilizzati dal proprietario soggetto passivo IMU per l’esercizio di un’attività di libreria, iscritta presso la Camera di Commercio di Firenze esclusivamente come “Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati” (classe ATECO 47.61) e/o come “Commercio al dettaglio di libri di seconda mano”: 0,76%.
  • k) immobili appartenenti alle categorie catastali C/1 e C/3, direttamente utilizzati dal proprietario soggetto passivo IMU o concessi in locazione ove venga attivato nel corso dell’anno l’esercizio di un’attività di libreria, iscritta presso la Camera di Commercio di Firenze esclusivamente come “Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati” (classe ATECO 47.61) e/o come “Commercio al dettaglio di libri di seconda mano” (classe ATECO 47.79.1): 0,76%.
  • Case di categorie catastali A/2, A/3, A/4, A/5 e A/7 con provvedimento di sfratto esecutivo per morosità, emesso dall'Autorità Giudiziaria, l'aliquota del 9,9 per mille va applicata solo per il periodo tra la data di emissione del provvedimento e la data di effettivo sfratto: 0,99%.
  • l) immobili appartenenti alla categoria catastale D, direttamente e interamente utilizzati dal proprietario giovane imprenditore di età inferiore ai 40 anni, o concessi in locazione a quest’ultimo, al fine di effettuare nuova attività di impresa, di lavoro autonomo o di startup in specifiche zone del territorio comunale, individuate con appositi atti dell’Amministrazione Comunale e riconosciute come soggette ad un alto tasso di abbandono di attività economico-commerciale e di degrado: 0,76%.
  • n) immobili appartenenti alle categorie catastali C/1 e C/3 direttamente utilizzati dal proprietario soggetto passivo IMU per l’esercizio di un’attività lavorativa o commerciale.

Il bollettino postale IMU è utilizzabile nel Comune di Firenze ed è reperibile presso gli uffici postali, il codice identificativo del Comune è D612 ed il numero di c/c è il seguente n. 1008857615.

Per le aliquote IMU TASI Firenze 2018 nuova delibera.

 

Come si calcola l'IMU Firenze 2018?

Come si calcola l'IMU 2018 Firenze?

Per calcolare l'IMU quindi basta quindi riprendere la rendita catastale dell'immobile oggetto dell'imposta e moltiplicare per 5% che è la rivalutazione della rendita. L'importo ottenuto va poi moltiplicato per il coefficiente che ricordiamo varia a seconda della categoria dell'immobile per cui: 

  • 160 per le abitazioni del gruppo A (esclusa la categoria A/10) e categorie C/2, C/6 e C/7.
  • 140 per i fabbricati del gruppo catastale B, C/3, C/4 e C/5.
  • 80 per i fabbricati del gruppo catastale D/5 e d A/10.
  • 65 per i fabbricati del gruppo catastale D (ad eccezione dei D/5).
  • 55 per i fabbricati del gruppo catastale C/1.

Una volta ottenuto il nuovo dato si ha la base imponibile MU alla quale va moltiplicata l'aliquota specifica IMU. 

Ad esempio se si ha una rendita catastale pari a 500,00 euro e la si rivaluta al 5% si ottiene 25,00 euro che vanno sommati alla rendita per cui si ha una rendita catastale rivaluta a 525,00 euro.

Su tale importa si moltiplica il coefficiente quindi se è un'abitazione si applica il 160 e si ottiene 84.000. 

Ora va applicata l'aliquota IMU decisa dal comune di Firenze.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili