Abolizione superticket sanitario: cos'è come funziona e a chi spetta?

Superticket cos'è, a chi spetta abolizione super ticket sanitario regionale novità Legge di Bilancio 2018, requisiti età e reddito esonero pagamento

Stampa

Abolizione superticket santario regionale nella Legge di Bilancio 2018.

In base alle ultime novità, sulle prestazioni sanitarie, è quasi sicura l'abolizione superticket per i redditi più bassi e per i minori che frequentano la scuola dll'obbligo, per cui fino a 16 anni.

L’emendamento, approvato nella serata del 28 novembre 2017 dalla Commissione Bilancio al Senato, prevede che vengano destinati 60 milioni di euro per 3 anni, al fine di consentire questo taglio, seppur parziale, al costo delle prestazioni sanitarie.

Per capire bene di cosa si sta parlando, andiamo a spiegare innanzitutto il superticket cos'è, quando e quanto si paga, a chi spetta l'esenzione e i requisiti di reddito e di età che esonerano dal pagamento, qualora l'abolizione del superticket venga confermata ed approvata in va definitiva dalla nuova Manovra 2018.

 

Superticket santario cos'è?

Che cos'è il superticket sanitario? Il superticket sanitario regionale, è una tassa pari a 10 euro che i contribuenti devono pagare alle Regioni che lo hanno applicato, al fine di effettuare visite specialistiche ed esami di laboratorio.

Il superticket sulle visite ed esami, è stato introdotto, in Italia, in piena spending review, per far fronte al taglio dei trasferimenti verso le amministrazioni locali.

L'obiettivo di far ottenere maggiori entrate alle Regioni grazie al superticket di 10 euro, fu subito raggiunto sia nel 2013 che nel 2014 ma poi come tante cose in Italia, il balzello da 10 euro è rimasto ma in modalità diversa da regione a regione.

Ora il Parlamento sta provando ad approvare una sua parziale abolizione almeno per i redditi più bassi con Isee a 15.000 euro e per i minori di 18 anni, perché, come affermato dal presidente del Gimbe, Nino Cartabellotta, il superticket è «una tassa estremamente iniqua perché pesa di più sui redditi bassi» e aggiunge «È fonte di diseguaglianze in quanto applicata in maniera diversa tra le Regioni e, determinando per molte prestazioni uno spostamento verso il più concorrenziale mercato privato, si traduce in uno svantaggio per le casse della sanità pubblica».

Lo svantaggio per le casse del SSN a favore del privato, è presto detto confrontando i costi di alcuni semplici e più comuni esami:

  • esame delle urine: costo con la sanità pubblica16,17 euro mentre con ii privato 2,70 circa;
  • emocromo: costa nel pubblico 20,89 euro mentre nel privato costa solo 9,89 euro.

 

Superticket sanitario: dove si paga e quanto?

Quanto si paga di superticket? Il costo del superticket è di 10 euro

Superticket dove si paga? l superticket si paga, secondo il monitoraggio di Cittadinanzattiva, in modo pieno quindi a 10 euro in 7 regioni: Abruzzo, Liguria, Lazio, Molise, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia.

Superticket in quali regioni non si paga? Le regioni che non applicano il superticket alla prestazioni sanitarie sono: Valle d'Aosta, PA Bolzano, Basilicata, Sardegna mentre la Provincia Autonoma di Trento lo applica dal 1 giugno 2015 per una quota pari a 3 euro.

Superticket dove si paga in base al reddito? Il pagamento del supertcket in base al reddito, è previsto in 5 regioni: Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche.

Superticket dove si paga in base al valore della ricetta medica? In Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia. E' notizia di oggi che la Regione Lombardia, abbia proposto la completa abolizione del superticket.

Ma le differenze non finiscono qui, perché ci sono regioni in cui sono applicati dei ticket differenti in base al tipo prestazioni, specialmente se di alto costo, quali ad esempio Tac, risonanza magnetica, Pet, chirurgia ambulatoriale e delle esenzioni ticket sanitario completamente diverse da regione e regione, visto che c'è chi prevede l'esonero dal pagamento dal ticket per reddito, gravidanza ed invalidità, chi sono per lo screening preventivi e chi invece esonera dall'obbligo di versare il ticket in presenza di particolari condizioni sociali, reddituali o per patologie.

Secondo i dati Agena, ogni anno 30 milioni di italiani devono fare accertamenti medici e di questi, 15 milioni, devono pagare il superticket perché non rientrano nei requisiti per l'esenzione imposti dalla Regione di residenza, ed è per questi utenti che la Legge di Bilancio 2018 sta cercando di abolire il superticket.

 

Abolizione superticket 2018 come funziona e a chi spetta? Requisiti reddito e età:

Come funziona l'abolizione superticket 2018? Per chi è? A chi spetta l'esonero esenzione dal pagamento del superticket sulle prestazioni sanitarie? L'abolizione superticket, è una novità, che si aggiunge alle nuove regole bonus bebè 2018, che il Senato ha modificato e proposto con la Legge di Bilanco 2018 e che se approvata in via definitiva, consentirebbe di abolire il superticket per alcune categorie di contribuenti.

Il costo del superticket sanitario 2018 pari a 10 euro a ricetta per le prestazioni di diagnostica e specialistica, potrebbe quindi essere finalmente cancellato, ma non per tutti i cittadini, ecco quindi a chi spetta l'abolizione superticket e requisiti:

L'intesa politica sul superticket c'è stata ma solo parzialmente, visto che all'inizio era stata proposta la totale abolizione del superticket sanitario nella Legge di Bilancio 2018.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?