Spiagge sicure, Salvini: cos'è e come funziona, multe e cosa prevede

Multe in spiaggia fino a 7.000 euro per chi compra merce, massaggi o tatuaggi, da ambulanti senza permesso, ecco l'operazione Spiagge Sicure di Salvini

Stampa

Multe in spiaggia fino a 7.000 euro per chi compra merce, massaggi o tatuaggi, da ambulanti senza permesso ecco cos'è e cosa ha previsto l'operazione Spiagge sicure 2018 di Salvini.

Matteo Salvini ha provveduto ad emenare a fine di giugno 2018, una nuova direttiva ministeriale denominata "Spiagge Sicure" da inviare a tutte le Prefetture d'Italia e che previsto la tolleranza zero contro i venditori ambulanti in spiaggia senza permesso e verso coloro che comprano merce irregolare.

Andiamo a vedere cos'è e cosa ha previsto l'operazione spiagge sicure che compre anche la lotta alla contraffazione e a quanto ammonta la multa per chi compra merce contraffatta.

 

Spiagge Sicure, Salvini: cos'è?

Che cos'è l'operazione Spiagge sicure di Salvini?

  • Spiagge Sicure è un'operazione promossa e fortemente voluta dal neo ministro dell'Interno e vice presidente, Matteo Salvini come risposta all'allarme lanciato da Confesercenti, il 13 giugno scorso, circa la contraffazione in Italia che da sola, è in grado di generare un introito di 22 miliardi di euro in settori come il commercio ed il turismo che ovviamente non vengono dichiarati.
  • L'operazione Spiagge Sicure di Salvini ha visto quindi il ruolo fondamentale della polizia urbana che avrà il compito di vigilare, verificare e controllare non solo le nostre spiagge ma anche chi affitta loro abusivamente alloggi e magazzini merce e saranno previste anche multe fino a 7.000 euro per acquista merce contraffatta da venditori ambulanti o per chi si fa fare massaggi o tatuaggi in spiaggia.

 

Operazione Spiagge Sicure 2018: cosa prevede?

Cosa prevede l'operazione spiagge sicure 2018 di Salvini? L'operazione spiagge sicure di Salvini ha previsto nello specifico i seguenti punti:

- prima di tutto dobbiamo dire che "Spiagge Sicure" è un'operazione che fa parte della nuova direttiva ministeriale che Matteo Salvini, in qualità di ministro degli Interni, ha diramato a tutta le Prefetture con l'obiettivo di tolleranza zero verso gli ambulanti senza permesso che vendono in spiaggia, fanno massaggi o tatuaggi.

Vale la pena ricordare che le linee guida volute da Salvini, non riguardano solo gli ambulanti ma anche coloro che comprano, in spiaggia o altrove, merce contraffatta.

 - l'operazione spiagge sicure ha previsto anche controlli e presidi dei litorali italiani, che ogni anno vengono presi d'assalto dai venditori ambulanti abusivi noti anche con il nome di "vu cumprà", e monitoraggio per chi affitta loro alloggi e magazzini per la merce.

- ricordiamo che il business generato dai venditori ambulanti sulle spiagge è un fenomeno estivo che si ripropone ogni anno e che ogni anno, secondo i dati di Confesercenti, genera un giro d’affari che da solo vale 22 miliardi di euro.

Per cui stop all'invasione dei vu cumprà sulle spiagge, alla fabbricazione, stoccaggio e diffusione di falsi prodotti griffati e stop dello smercio al dettaglio tra lettini e ombrelloni, fino all’occupazione di appartamenti messi a disposizione da parte di persone compiacenti e maggiore attenzione a certe zone come Napoli e Prato, dove la contraffazione di abiti, borse e accessori, sembra essere la più alta.

- con la direttiva spiagge sicure, inoltre, c'è stata una maggiore collaborazione tra forze dell'ordine e la polizia municipale delle zone balneare.

 

Multe spiaggia fino a 7.000 euro per chi acquista da ambulanti: merce, tatuaggi o massaggi

Multe spiaggia per chi acquista da ambulanti merce contraffatta, tatuaggi e massaggi: in base a quanto previsto dalla direttiva ministeriale denominata operazione spiagge sicure, sono stati avviati una raffica di controlli, di verifiche e di monitoraggi verso le zone balneari e sulle spiagge italiane sia per chi vende abusivamente merce contraffatta, fa tatuaggi o massaggi in spiaggia che per le persone che comprano la suddetta merce o che si fanno fare un tatuaggio o un massaggio da un abusivo.

  • Multe fino a 7.000 euro per chi acquista prodotti falsi e contraffatti, tatuaggi o massaggi: le sanzioni per chi acquista in spiaggia merce contraffatta, sono state previste dall'articolo 17 Contrasto alla contraffazione, legge 99/2009, che ha previsto multe da 100 euro fino a 7.000 euro per l’acquirente finale che "acquista a qualsiasi titolo cose che, per la loro qualità o per la condizione di chi le offre o per l’entità del prezzo, inducano a ritenere che siano state violate le norme in materia di origine e provenienza dei prodotti ed in materia di proprietà industriale". Per cui non si parla solo di abbigliamento ma anche di cd e dvd, software, orologi, occhiali, scarpe ecc. In base alla legge quindi, chi compra merce falsa per mero utilizzo personale incorre in una sanzione amministrativa mentre in caso contrario, può scattare anche il reato e la sanzione per ricettazione se la merce acquistata in spiaggia è rubata e se l'acquirente è consapevole di ciò.
  • Multe per chi vende merce contraffatta: per chi cede merce in aree pubbliche senza l’autorizzazione e fuori dal territorio previsto dalla autorizzazione stessa, il Dlgs n. 114/1998 ha previsto multe che vanno da 2.582 a 15.493 euro, più la confisca delle attrezzature e della merce. 
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?