Sistema di interscambio: cos'è come funziona e si accede da privati?

Sistema di interscambio privati cos’è e come funziona SdI per la creazione, gestione trasmissione e conservazione e-fatture e come accedere tramite pin

Stampa

Sistema di interscambio fatturazione elettronica 2019 cos’è come funziona il SdI? Forse non tutti ancora lo sanno ma per effetto della Legge di bilancio 2018 entra in vigore nel nostro Paese, l'obbligo fattura elettronica dal 1° gennaio 2019 per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati in Italia. Tale obbligo è stato posticipato anche per le "cessioni di benzina o di gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori” e per le “prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con una PA" con l'emissione della cd. fattura elettronica carburanti che doveva scattare dal 1° luglio 2018 e poi rimandato al 2019.

Al fine di semplificare il nuovo adempimento, l'Agenzia delle Entrate nel provvedimento del 30 aprile 2018 ha provveduto a confermare che già dal prossimo 1° luglio 2018, le Entrate metteranno a disposizione degli operatori una serie di nuovi servizi online che andranno a facilitare la creazione, la trasmissione e la conservazione gratuita delle e-fatture tramite il SdI, Sistema di Interscambio agenzia entrate

Alla luce di queste importanti novità andiamo a vedere cos'è e come funziona il SdI, Sistema di Interscambio Agenzia Entrate, il sistema gratuito per la predisposizione, l'invio e la conservazione sostitutiva secondo i termini di legge, della fattura elettronica 2019.

 

Fattura elettronica 2019: novità

Fattura elettronica 2019: l'obbligo della fattura elettronica per le cessioni di carburanti per motori, benzina o di gasolio è stato prorogato per effetto del testo del Decreto Dignità al 1° gennaio 2019.

Dal nuovo obbligo della fattura elettronica carburanti, sono escluse fino al 31 dicembre 2018, le seguenti cessioni:

  • carburante per motori di gruppi elettrogeni;
  • carburante per impianti di riscaldamento;
  • carburante per attrezzi vari.

Alla luce di ciò, ai fini di detraibilità IVA e deducibilità delle suddette spese, continuano ad applicarsi le regole previste dal Dpr 444/1997, ossia la scheda carburante fino al 31 dicembre 2018, o alternativamente, la fattura elettronica emessa tramite il SdI, Sistema di Interscambio.

Per tutte le altre operazioni, cessioni e prestazioni effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati in Italia, l'obbligo della fattura elettronica è dal 2019, e più precisamente dal 1° gennaio. Esonerati da tale obbligo, come precisato dalle Entrate nel provvedimento del 30 aprile, i contribuenti che applicano il regime forfetario ed il regime dei minimi.

 

Sistema di interscambio privati: cos'è?

Che cos'è il Sistema di Interscambioper i privati? Il SdI, Sistema di Interscambio è la piattaforma messa a punto dall'Agenzia delle entrate in collaborazione con la Sogei, al fine di semplificare i nuovi adempimenti in termini di fatturazione elettronica.

Il Sistema di Interscambio nasce infatti nel 2015 a seguito dell'entrata in vigore dell'obbligo di emissione della fattura elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione con la cd. Fattura PA con l'obiettivo di facilitare i contribuenti obbligati e i loro intermediari, nella generazione, trasmissione e conservazione della fattura elettronica.

Per cui, che cos'è il SdI, Sistema di Interscambio privati Agenzia Entrate? Il Sistema di interscambio, noto anche con l'acronimo SdI, è una piattaforma online che consente quindi di:

  • ricevere le fatture sotto forma di file xml;
  • effettuare controlli sui file ricevuti,
  • inoltrare le fatture.

Tramite il Sdi, le fatture possono essere inviate alla piattaforma tramite:

  • Pec;
  • procedura web o App;
  • previo accredito al SdI, mediante l'applicazione web service;
  • sistema di trasmissione dati tra terminali remoti (Ftp).

 

Sistema di interscambio privati: come funziona?

Sistema di Interscambio privati come funziona? Il SdI, Sistema di Interscambio privati funziona così:

  • a partire dal 1° luglio 2018, l’Agenzia delle entrate mette a disposizione degli operatori economici obbligati alla fattura elettronica carburante e appalti, alcuni servizi volti a semplificare gli adempimenti. Tali servizi, riguardano la possibilità per chi usa il Sistema di Interscambio, di poter inviare le fatture elettroniche anche attraverso gli intermediari, con Pec, procedure web e App o per mezzo di un sistema di trasmissione dati tra terminali remoti (Ftp). 
  • Se la fattura elettronica emessa supera i controlli del SdI circa i dati obbligatori che deve contenere per legge, l'e-fattura è recapitata entro 5 giorni ed il Sistema invia un'apposita ricevuta di consegna a chi l'ha inviata e quel punto, la fattura si considera emessa.
  • Se la fattura elettronica è emessa nei confronti di un contribuente nel regime forfettario o nel regime dei minimi, per cui soggetti esonerati dall'obbligo della fattura elettronica, il Sistema di Interscambio dà la possibilità indicare nel campo "Codice Destinatario" un codice convenzionale.
  • I soggetti obbligati alla fattura elettronica che utilizzano il Sistema di Interscambio agenzia entrate, possono conservare online le fatture elettroniche gratis nonché le note di variazione, trasmesse e ricevute attraverso il SdI mediante il servizio di conservazione sostitutiva fattura elettronica.
  • Entro il 1° luglio 2018, il Sistema di Interscambio ha anche un servizio di ricerca, consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche emesse e ricevute.

 

Come accedere al Sistema di Interscambio agenzia entrate?

Come accedere al Sistema di Interscambio agenzia entrate? I soggetti interessati ad accedere al Sistema di Interscambio dell'Agenzia delle Entrate per creare, gestire, trasmettere e conservare le fatture elettroniche, devono seguire una apposita procedura di accreditamento al Sistema.

Per accedere al Sistema di Interscambio agenzia entrate gli utenti devono essere in possesso di una delle seguenti credenziali:

 

Come generare, trasmettere e conservare la fattura elettronica tramite SdI:

Come generare, trasmettere e conservare la fattura elettronica tramite il SdI, Sistema di Interscambio agenzia entrate? Gli utenti per accedere al SdI ed emettere le fatture elettroniche devono essere in possesso di Pin Fisconline, SPID o CNS.

Una volta ottenute le credenziali è possibile poi:

1) Inserire le proprie credenziali sulla piattaforma Fatture e Corrispettivi;

2) scegliere se proseguire con la generazione, trasmissione e conservazione della e-fattura;

3) Per generare la fattura elettronica tra privati tramite Sistema di Interscambio, l'utente deve passare attraverso le seguenti fasi:

  • Accedere al Servizio e scegliere l'utenza di lavoro;
  • Generare la Fattura elettronica;
  • Selezionare il formato della Fattura: se è una fattura verso una PA, se è una fattura Ordinaria o una fattura Semplificata;
  • Compilare il primo quadro indicando i Dati fornitore (Ereditati da Anagrafe Tributaria);
  • Compilare il secondo quadro: indicare i Dati cliente (Contatti Rubrica);
  • Compilare il terzo quadro: indicare i Beni/Servizi forniti;
  • Compilare il quarto quadro: indicare i Dati di Riepilogo e azioni sulla Fattura;
  • E' possibile anche riprendere l'ultima fattura elaborata;
  • Importare una Fattura da file XML.

Il provvedimento AdE del 30 aprile 2018, sopra menzionato, definisce oltre alle modalità di applicazione dell’e-fattura, anche l'arrivo di una nuova App in grado di leggere il QR Code fattura elettronica generato da un servizio web, in modo da consentire a chi emette la fattura di acquisire in automatico i dati identificativi Iva del cessionario/committente.

Ricordiamo che il SdI, Sistema di Interscambio è già attivo e le sue funzione si arricchiranno di nuove aree entro il 1° luglio 2018, data ufficiale in cui in Italia parte l'obbligo della fattura elettronica carburante mentre l'obbligo vero e proprio per tutti gli operatori scatta dal 1° gennaio 2019.

Il Sistema di Interscambio agenzia entrate, è stato creato in primis per la fattura elettronica PA in modo da aiutare gli utenti a creare, visualizzare e salvare le fatture elettroniche e di scegliere come trasmetterle attraverso un servizio pubblico, gratuito ed alternativo ai software disponibili sul mercato.

Il SdI permette quindi non solo di creare la e-fattura e trasmetterla ma anche di conservarla gratuitamente per tutto il periodo obbligatorio previsto dalla legge, sia che sia stata emessa che ricevuta, purché rispetti gli standard minimi, come ad esempio il formato XML valido sia per la pubblica amministrazione che per quelle tra privati, B2B (business to business).

 

Fattura elettronica 2019 a pagamento e gratis con SdI e Camera di Commercio

Costo fattura elettronica 2019: quanto costa generare, trasmettere e conservare le fatture elettroniche? A seconda della piattaforma o del software scelto per la fattura elettronica, i prezzi possono variare e anche di molto.

Il servizio di fattura elettronica gratis è ad esempio garantito da:

  • Fattura elettronica 2019 gratis con SdI: A dispetto di tanti software fatturazione elettronica presenti sul mercato che ovviamente sono a pagamento, quello offerto dall'Agenzia delle Entrate tramite il Sistema di Interscambio è gratis. La fattura elettronica gratis con Sistema di Interscambio consente quindi ai soggetti obbligati e non alla fatturazione elettronica, di accedere ad un sistema per la generazione, trasmissione e conservazione delle e-fatture completamente gratuito
  • Fattura elettronica gratis anche con il servizio di Infocamere della Camera di Commercio: le PMI iscritte alla Camera di Commercio che non hanno più di 250 dipendenti e ultimo fatturato non superiore a 43 milioni di euro, possono accedere al servizio di fatturazione elettronica gratuito ed alla sua conservazione digitale per 10 anni successivi all'emissione, ai sensi di quanto previsto dal D.M. 23 gennaio 2004

La fattura elettronica è a pagamento con altri provider come Poste Italiane e Aruba, vediamo qualche costo fattura elettronica 2018 a confronto.

Costo fattura elettronica 2019prezzo/servizio
Fattura elettronica Aruba

DocFly Fatturazione PA

25,00 euro + IVA/anno

Servizio + 1 GB di spazio incluso

Fattura elettronica Aruba - Conservazione digitale

DocFly - Conservazione Sostitutiva

25,00 euro + IVA/anno

Conservazione Sostitutiva di base

1 Archivio, 1 GB di spazio di conservazione, 2 classi documentali, 3 Utenti

Fattura elettronica Infocert - Legalinvoce PA

gratis per i primi 6 mesi e 79,00 euro + IVA per 12 mesi 

Include firma, invio e conservazione delle fatture PA.

Fattura elettronica Poste Italianecosto 120 euro l'anno con spazio 10 MB e 

Importazione o generazione fattura in formato xml, firma digitale,

invio tramite il Sistema di Interscambio, conservazione sostitutiva decennale.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili