Scadenze fiscali settembre 2018: Spesometro, liquidazioni IVA e INTRA

Scadenze fiscali settembre 2018 spesometro primo semestre al 1° ottobre, liquidazioni periodiche IVA invio, IVA, IRPEF, IRAP e cedolare secca saldo acconto

Stampa

Scadenze fiscali febbraio 2018:  tante sono le date da ricordare nel calendario fiscale 2018 a partire dalla comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute nel primo semestre del 2018 e della liquidazione periodiche IVA relative al secondo trimestre.

Le altre scadenze del mese di settembre 2018 che i contribuenti devono tenere bene a mente sono l'IRPEF, l'IVA, cedolare secca, per il ravvedimento operoso, ecc.

Andiamo quindi a vedere quindi nel dettaglio quali sono le scadenze fiscali di settembre 2018.

Ultimo aggiornamento: per effetto del decreto Dignità sono entrate in vigore le nuove scadenze Spesometro 2018.

 

Scadenze fiscali settembre 2018: 

Il mese di settembre 2018, dal punto di vista delle scadenze fiscali 2018, rappresenta un mese importante in quanto proprio in questo periodo partono, o scadono, importanti adempimenti fiscali, uno fra tutti, lo Spesometro.

E perché è così importante questa scadenza di settembre? Perché in base a quanto previsto dalla scorsa legge di Bilancio, quello dell'anno 2018, sarà l'ultima comunicazione IVA dei dati delle fatture emesse e ricevute che i contribuenti dovranno trasmettere, in quanto sarà abolita a partire dal 2019 con l'abolizione spesometro per effetto dell'entrata in vigore del nuovo obbligo della fatturazione elettronica tra privati obbligatoria.

Tra le altre scadenze previste dal calendario fiscale 2018 occorre poi ricordare un’altra scadenza quella della Liquidazione IVA relativa al secondo trimestre, i Versamenti F24 di ritenute, IVA e contributi.

Ecco invece le scadenze fiscali settembre 2018 ufficali dell'Agenzia delle Entrate.

 

Scadenze fiscali 17 settembre 2019:

Le scadenze fiscali previste per il 17 settembre 2018 sono moltissime, ecco quelle da ricordare:

A) Scadenza versamenti:

Irpef: saldo e acconto 4rata, 3a rata o 2a rata;

Addizionali IRPEF;

Altro: imposta sugli intrattenimenti, versamento quota canone rai pensionati, tobin tax, ecc.

Cedolare secca: saldo 2017 e acconto 2018;

ritenute: operate dai sostituti d'imposta;

IVA: split paymenti, Liquidazione periodica IVA  mese di agosto per i contribuenti tenuti al versamento dell’imposta mensile. Ricordiamo che il suddetto pagamento deve essere effettuato tramite l’F24 ed indicando l’apposito codice tributo 6001 come causale del versamento, 7a rata precedente dichiarazione IVA annuale

IRES: versamento 4, 3, o 2 rata saldo e acconto;

IRAP: versamento dell'imposta;

Imposte sostitutive.

B) Scadenza Comunicazioni IVA 2018:

C) Adempimenti:

  • Emissione e registrazione delle fatture differite per i beni consegnati o spediti nel mese solare precedente e risultanti da documento di trasporto e per le fatture riferite alle prestazioni di servizi.
  • Annotazione da parte delle ASD, pro-loco ecc, dell'ammontare dei corrispettivi del mese precedente;
  • Registrazione, anche cumulativa, delle operazioni per le quali è rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale del precedente mese.

 

Scadenze fiscali del 19 e 20 settembre 2018:

Il 19 settembreo 2018, è invece la scadenza fiscale che riguarda

Ravvedimento operoso:

  • versamento di imposte e ritenute non effettuati entro il 20 agosto 2018, con il ravvedimento breve;
  • Enti pubblici: versamento di imposte e ritenute non effettuati o effettuati in misura insufficiente.

Scadenze 20 settembre 2018:

  • Comunicazione all'Agenzia delle Entrate dei dati di dettaglio relativi al canone TV addebitato, accreditato, riscosso e riversato nel mese precedente.

 

Scadenza 25 settembre 2018:

Un’altra importante scadenza fiscale del mese di settembre 2018 che i contribuenti che hanno effettuato cessioni intracomunitarie devono ricordare di appuntarsi è la scadenza entro il 25 settembre, del modello Istrastat.

I soggetti obbligati, devono provvedere ad inviare gli elenchi riepilogativi Intrastat (Intra-1) per le cessioni intracomunitarie di beni e le prestazioni di servizi diverse da quelle di cui agli art. 7-quater e 7-quinquies del D.P.R. 633/72. 

A tale proposito, si ricorda che l’invio Intrastat acquisti, Intra-2 è stato abolito.

 

Scadenze fiscali del 30 settembre 2018 ma slitta al 1° ottobre:

Al 30 settembre 2018 scadono invece i seguenti adempimenti:

  • domande di rimborso dell'Iva assolta in un altro Stato membro riguardo a beni e servizi ivi acquistati o importati;
  • domanda di rimborso dell'Iva assolta nello Stato italiano in relazione a beni e servizi ivi acquistati e importati da parte dei soggetti stabiliti in altri Stati membri;
  • istanza di rimborso dell'Iva assolta nello Stato italiano in relazione a beni e servizi ivi acquistati e importati.

Per quanto riguarda lo Spesometro 2018 scadenze 30 settembre, il termine è rinviato al 1° ottobre in quanto il 30 cade di domenica. Per maggiori informazioni leggi le novità nuovo spesometro 2018 istruzioni.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?