Sanzioni 730: precompilato, non presentato omesso in ritardo

Cosa succede se il 730 non è presentato, risulta omesso o in ritardo tardivo? Sanzioni 730 e come rimediare con ravvedimento dichiarazione dei redditi 2017

Stampa

Cosa succede se non ho presentato il 730 entro la scadenza o se lo presento in ritardo?

Come tutti sanno, la dichiarazione dei redditi tramite 730, è un obbligo fiscale per tutti i contribuenti che nel corso del 2016, hanno percepito redditi di lavoro dipendente e assimilati, da lavoro autonomo per i quali non sussiste l’obbligo di partita IVA, di capitale, redditi diversi ed alcuni redditi soggetti a tassazione separata.

Ma cosa succede se non si fa la dichiarazione dei redditi? Quali sono le nuove sanzioni 730 2017 omesso, in ritardo o infedele?

Andiamo quindi a vedere tutte le conseguenze della mancata presentazione della dichiarazione dei redditi da parte dei lavoratori dipendenti e contribuenti tenuti al modello 730/2016.

 

Scadenza 730 precompilato e 730 ordinario:

Innanzitutto, ricordiamo che per effetto del decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017, è stata resa strutturale una delle tante scadenze della dichiarazione dei reddit 2017.

In base al decreto 193/2016 modificato poi successivamente con la conversione in legge, è stata fissata la nuova scadenza 730 precompilato.

A partire da quest'anno la scadenza 730 è la seguente:

  • Modello 730 ordinario: scadenza 7 luglio 2017.
  • 730 precompilato 2017 scadenza 7 luglio, per chi si avvale dell'assistenza fiscale di CAf, sostituti d'imposta, intermediari, commercialisti;
  • 730 precompilato 2017 nuova scadenza 24 luglio: per coloro che provvedono ad inviare da soli la propria dicharazione dei redditi precompilata e per i Caf, che al 7 luglio, hanno gà provveduto a trasmettere all'Agenzia delle Entrate, l'80% delle dichiarazioni.

 

730 infedele: quali sono le sanzioni per chi dichiara il falso?

Il 730 infedele, si ha quando all’interno della dichiarazione dei redditi, il contribuente indica un reddito falso e non veritiero. Ossia, quando il reddito indicato risulta più basso rispetto a quello risultate dalla certificazione unica 2016.

Cosa succede in caso di 730 infedele? Quali sono le sanzioni?

Dichiarazione infedele sanzioni 2017

A partire dal 1° gennaio 2016, la nuova sanzione per chi dichiara un falso reddito nel 730 o Unico, va dal 90 al 180% della maggiore imposta dovuta o della differenza di credito utilizzato, ovvero, da 250 a 1000 euro e solo per l'IVA fino a 2000 euro. Analoga sanzione, si applica se nella dichiarazione, vi sono state delle detrazioni e deduzioni d’imposta indebite, anche se attribuite in sede di ritenuta alla fonte.

La sanzione 730 infedele è aumentata dal 135% al 270% quando la violazione è realizzata mediante l’utilizzo di documentazione falsa o per operazioni inesistenti, mediante artifici o raggiri, condotte simulatorie o fraudolente.

Per l’omessa indicazione dei redditi prodotti all’estero, si applica l’aumento di 1/3.  

In assenza di documentazione falsa, la sanzione è ridotta di 1/3 se la maggiore imposta, o il minor credito, sono inferiori al 3% dell’imposta e del credito dichiarati, e comunque complessivamente inferiori a € 30.000.

Qualora però, il contribuente provveda a presentare la dichiarazione correttiva, entro il termine di quella dell’anno successivo, le sanzioni scendono dal 60 al 120%, attestandosi dalle 150 euro a 500 euro.

Anche in questo caso, opera il Ravvedimento operoso entro 90 giorni.

Sanzioni per chi Consegna 730 incompleto? Sanzioni: Per il modello 730/2016 presentato incompleto, ossia, senza indicare tutte le diversi fonti reddituali: sono le stesse previste per la dichiarazione dei redditi infedele.

 

Sanzioni 730 non presentato, omesso:

L’omesso 730 2017, si verifica quando il contribuente tenuto alla dichiarazione dei redditi, non provvede a compilare e trasmettere personalmente il 730 precompilato, o a far trasmettere, al proprio sostituto di imposta o a chi presta l’assistenza fiscale, CAF, commercialisti, il proprio 730 ordinario o precompilato.

Il 730 omesso è considerato tale quando:

  • il modello dichiarativo non viene presentato dal contribuente entro la scadenza fissata dalla legge;
  • il modello viene presentato oltre i 90 giorni.

Quali sono le sanzioni 730 non presentato?

A partire dal 1° gennaio 2016, il D.Lgs. n. 158/2015 ha riformato il sistema delle sanzioni amministrative tributarie, la cui efficacia, per cui, le nuove sanzioni 730 non presentato, sono:

  • Sanzioni 730 omesso con imposte dovute: la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi tramite il modello 730 sono dal 120% al 240% delle imposte dovute con un minimo di 250 euro. In presenza di redditi prodotti all’estero permane la consueta maggiorazione di 1/3 della sanzione. E' in vigore anche una nuova sanzione che va dal 60 al 120% delle imposte, applicabile nel caso in cui, il contribuente provveda a presentare una nuova dichiarazione entro i termini della dichiarazione per l'anno successivo, in questo caso, la sanzione minima è pari a 200 euro, mentre rimane dal 120 al 240% se non provvede alla nuova presentazione. Si ricorda inoltre che come ribadito dalla circolare n. 5/E del 2002 dell’Agenzia delle Entrate, per "imposta dovuta" deve intendersi la differenza tra l'imposta accertata e quella versata a qualsiasi titolo. 
  • Sanzioni 730 non presentato con imposte non dovute: le sanzioni sono da 250 euro a 1000 euro. Se si presenta la dichiarazione entro i termini dell'anno successivo, la sanzione va da 150 a 500 euro. Le sanzioni fisse applicabili quando non sono dovute imposte, possono essere aumentate fino al doppio nei confronti dei soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?