Riscatto laurea 2019: conviene calcolo importo Inps e domanda

Riscatto laurea 2019 under 45 conviene? Calcolo importo Inps da pagare per riscattare contributi pensione gratis agevolato flessibile requisiti domanda

Stampa

Riscatto laurea 2019: conviene il riscatto light agli under 45? Calcolo dei costi e requisiti domanda: il riscatto agevolato e flessibile degli anni di studio universitari è una novità introdotta dalla riforma delle pensioni 2019.

 

Il nuovo riscatto laura 2019 va quindi ad affiancarsi altre due opzioni di riscatto INPS, il riscatto laurea ordinario 2019 ed il riscatto laurea gratuito 2019 per gli inoccupati, e prevede quindi una nuova opportunità ed agevolazione per tutti coloro che hanno conseguito il diploma di laurea o titolo equiparato, di riscattare a fini pensionistici, al massimo 5 anni di studi universitari con uno sconto del 30% sugli oneri o la possibilità di riscatto flessibile, per chi decide di riscattare solo una parte.

 

In base a quanto previsto dalla riforma e dal relativo decreto pensioni 2019, quello di Quota 100 e reddito e pensione di cittadinanza per intenderci, è stato quindi previsto il riscatto laurea light 2019 con sconto del 30% sull’onere totale per chi non ha compiuto 45 anni.

Ciò significa che sarà ora possibile per gli under 45, riscattare gli anni di studio universitari pagando una somma forfettaria di circa 5mila euro all’anno per riscattare al massimo 5 anni di contributi per la pensione.

 

La suddetta nuova misura è stata inserita all’interno del capitolo sulla pace contributiva del decretone pensioni-reddito di cittadinanza, che sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale questa settimana, nell’attesa andiamo ad illustrare il riscatto della laurea cos’è e come funziona, come si calcola lo sconto 30% per gli under 45, i requisiti per la domanda INPS e a chi conviene riscattare gli anni di laurea per aumentare i contributi della pensione.

 

Vi ricordiamo che il decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, che disciplina l’accesso al trattamento di pensione Quota 100 alla pensione anticipata, ordinaria e cosiddetta e che introduce il riscatto agevolato laurea 2019 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed è in vigore dal 29 gennaio 2019.

Per leggere il decreto riscatto laurea 2019 Gazzetta Ufficiale all'articolo 2 del Capo II Trattamento di pensione anticipata «quota 100» e altre disposizioni pensionistiche.

 

Riscatto laurea 2019: requisiti Inps

Riscatto laurea 2019 requisiti INPS: In base a quanto previsto dal decreto pensioni 2019 Quota 100 e reddito di cittadinanza, da quest’anno sarà introdotta un’importante novità per chi intende riscattare gli anni di studio universitario a fini pensionistici, il decretone ha infatti ammesso una nuova opzione al riscatto degli anni universitari Inps, per cui ora oltre al riscatto laurea gratuito e al riscatto laurea ordinario, ci sarà anche una nuova possibilità, quello agevolato cd. riscatto della laurea light 2019, riservato solo a determinate persone in possesso dei seguenti requisiti:

  • non avere più di 45 anni;
  • non essere titolari di pensione.

In base a tale novità, il riscatto laurea 2019 per chi è in possesso dei suddetti requisiti per presentare la domanda Inps, prevederà uno sconto del 30% sugli oneri e la possibilità di detrazione dalle tasse del 50% della somma, arrivando così ad uno sconto totale dei circa 60%.

 

Riscatto laurea 2019 under 45: a chi spetta sconto 30%?

A chi spetta lo sconto 30% sul riscatto della laurea 2019?

Al fine di aumentare gli anni di anzianità pensionistica ai fini del regime contributivo, il governo gialloverde, ha deciso d’inserire una nuova opzione al riscatto della laurea che consente di ottenere uno sconto pari al 30% sugli oneri da versare.

 

Il riscatto della laurea light spetta, come abbiamo già visto nel paragrafo precedente, solo a determinate persone ovvero under 45, per cui nate dopo 1974 e che nel 1995 frequentavano ancora l’università in quanto l’opzione è valida solo per i periodi coperti dal regime contributivo, ossia dal 1996 in poi.

 

Va osservato inoltre che:

  • il suddetto limite di età, 45 anni, è stato posto per rendere matematicamente impossibile usare il riscatto della laurea per accedere alla pensione anticipata con quota 100. 
  • Il massimo riscattabile ai fini pensionistici, è di 5 anni, in base al titolo, per cui diploma triennale, specializzazione, dottorato ecc;
  • sono esclusi gli anni fuori corso.
  • il riscatto della laurea light deve ancora essere publicato in Gazzetta Ufficiale e deve affrontare l’esame delle Camere, per cui potrebbe essere modificato.
  • chi sceglie il riscatto agevolato previsto dal decreto legge deve tenere conto che tale opzione è valida solo per aumentare gli anni di contribuzione che servono per i requisiti di pensionamento e non anche ad aumentare l’importo della pensione, come invece avviene accade in caso pagamento del riscatto laurea Inps ordinario. Per cui può essere utile per raggiungere ad esempio la pensione anticipata: 42 anni e 10 mesi di versamenti se uomo e 41 anni e 10 mesi, se donna, indipendentemente dall’età e non Quota 100, poiché il limite di età non consente l'adesione all'opzione.

 

Riscatto laurea under 45: calcolo, esempio e quanto si paga?

Riscatto della laurea calcolo: in base allo studio fatto dalla Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro, il costo annuo da pagare per ogni anno di studio universitario con il riscatto agevolato è di circa 5.241,30 euro annui.

In pratica il costo totale da pagare con le agevolazioni, varia dai 15mila euro per riscattare gli anni di studio per una laurea breve ai 25mila di un corso di laurea completo ma sarà consentita la detrabilità dei costi.

 

Il costo dipende da due fattori:

  • il reddito;
  • e l'età anagrafica. 

Come si calcola il riscatto della laurea light:
Ai fini di calcolo del riscatto laurea light si deve tenere conto:

1) che il periodo da tenere in considerazione per il calcolo parte dal mese di novembre del primo anno di immatricolazione fino a tutta la durata legale del corso, per cui non vanno considerati gli anni di studio fuoricorso.

 

2) Il costo del riscatto della laurea light per cui agevolato con lo sconto del 30%, si calcola secondo le modalità oggi previste per il riscatto laurea gratis per gli inoccupati, ossia moltiplicando l’aliquota Ivs al 33% per il reddito minimo soggetto a imposizione della Gestione Inps di artigiani e commercianti, pari a 15.710 euro nel 2018, per una spesa di 5.185 euro circa per ogni anno riscattato.

 

Esempi di calcolo riscatto laurea agevolato con sconto 30%:

  • Un lavoratore che guadagna circa 40.000 euro lordi con il riscatto laurea ordinario paga poco più di 13mila euro l’anno mentre con il riscatto agevolato solo 5.000 euro l'anno;
  • Un lavoratore di 43 anni nel 2019 ed ha un reddito pari a 28mila euro lordi e 5 anni da riscattare, paga con il riscatto ordinario 46.200 euro mentre con il riscatto agevolato  solo 26.200 euro.

 

Riscatto laurea 2019 conviene?

Riscatto della laurea a chi conviene? Diciamo subito che il riscatto della laurea agevolato conviene solo a determinate persone, visto che per il costo del riscatto laurea per i neo laureati e per chi ha più di 45 anni, è lo stesso.

 

Il riscatto della laurea conviene quindi a chi è inoccupato e a chi oggi guadagna un pò di più, visto che l’onere del riscatto è parametrato all’ultima annualità di stipendio percepito, per cui se si ha un reddito:

  • fino a 30.000 euro si paga 9.900 euro l’anno;
  • fino a 45mila euro si pagano 14.850 euro;
  • fino a 60mila euro reddito, si pagano 19.800 euro.

Con gli stessi redditi, con il riscatto della laurea light, si dovrebbe ora pagare meno della metà. 

 

Per vedere esattamente a chi conviene il riscatto laurea agevolato con sconto 30% è a disposizione il servizio online riscatto laurea simulazione di calcolo INPS, per accedervi basta visitare la sezione del sito INPS con il Pin Inps online.

Anche la domanda di riscatto va presentata sempre online, tramite il sito Inps.

 

Riscatto laurea flessibile 2019: cos’è e come funziona?

Riscatto laurea flessibile: cos'è e come funziona? Il decretone Quota 100 e reddito di cittadinanza, ha previsto tra le altre tante cose, anche il cd. riscatto laurea flessibile per andare in contro alle esigenze delle persone che non non possono affrontare ingenti spese per i contributi.

 

Nella fattispecie il decreto pensioni 2019 consente la possibilità di un riscatto laurea parziale, per periodi più brevi rispetto alla durata legale del proprio corso di laurea.

Ciò significa che sarà lo stesso lavoratore a poter decidere in completa autonomia, quanti contributi riscattare e quindi pagare all’Inps.


Da ricordare sempre che sia il riscatto agevolato che il riscatto flessibili possono essere usati SOLO "ai soli fini dell’incremento dell’anzianità contributiva", cioè per andare prima in pensione prima e non per aumentare l'importo dell'assegno pensionistico.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?