Reddito di inclusione 2017: requisiti, cos'è e a chi spetta?

Reddito di inclusione 2017 requisiti Reis contro povertà cos'è come funziona? A chi spetta, importi, reddito Isee, come richiederlo e modulo domanda

Stampa

Reddito di inclusione 2017, è il nuovo sussidio universale nazionale contro la povertà delle famiglie che risiedono in Italia e che presto entrerà in vigore al posto del SIA, sostegno inclusione attiva.

Il REIS, approvato dal Senato con il Ddl povertà 2017, ossia, il disegno di legge recanti norme per il contrasto alla povertà e per il riordino dei servizi sociali in  realtà ciò che è stato approvata è la delega sul reddito di inclusione attiva di 500 euro al mese per le famiglie che conferisce al Governo, una delega per l’adozione, entro 6 mesi dalla data di entrata in vigore della legge (quindi entro settembre 2017, di uno o più decreti legislativi.

Il nuovo reddito di inclusione attiva, non sarà però un regalo o un contributo economico una tantum, ma un aiuto al reddito vincolato e condizionato ad un accordo tra il cittadino ed gli enti locali, basato sull’impegno a seguire un percorso mirato e personalizzato che parta dal mandare i figli a scuola fino ad arrivare ad accettare  lavori o seguire corsi per un’eventuale formazione professionale.

In data 14 aprile 2017, firmato dal Premier Paolo Gentiloni e l'Alleanza contro la povertà, lo storico Memorandum reddito di inclusione sociale.

Vediamo quindi cos’è e come funziona il REI, Reddito di inclusione sociale 2017 requisiti per ottenerlo e quant’è l’importo del bonus che spetta alle famiglie povere che varia in funzione del n° dei componenti del nucleo familiare e che può arrivare fino a 500 euro al mese.

 

Reddito di inclusione 2017: cos’è?

Il Reddito di inclusione 2017, REIS è il nuovo sussidio universale conto la povertà delle famiglie, a cui il Governo sta lavorando affinché la nuova misura venga introdotta ed applicata entro i prossimi mesi, con il Ddl povertà 2017, appena approvato al Senato.

Il nuovo piano nazionale contro la povertà si caratterizza, quindi, per il fatto di essere una misura universale, un reddito di inclusione che si affiancherà a quelle già in essere, come ad esempio la carta acquisti MEF altrimenti detta social card, riservata ai minori di 3 anni e ai maggiori di 65 anni e l’assegno sociale; a differenza di queste, il RIA non sarà però riservato solo ad alcune categorie di persone ma a tutti i cittadini poveri.

Inoltre, il reddito inclusione sociale, o assegno di povertà, non sarà una tantum ma un intervento strutturale, ossia, presente e richiedile per sempre in Italia, o almeno fino a quando ci saranno abbastanza risorse economiche per mantenerlo.

Con la nuova legge delega, il Governo, dovrà quindi:

  • introdurre la nuova misura nazionale di contrasto della povertà, per garantire a tutti i cittadini un tenore di vita dignitoso e favorire l'inclusione sociale attraverso il cd. RIA, reddito di inclusione sociale per quanti, in possesso dei requisiti di reddito ISEE ed altri, presenteranno la domanda per ottenere un bonus da 500 euro al mese.
  • Riordinare e razionalizzare le prestazioni di natura assistenziale contro la povertà, fatta eccezione delle prestazioni rivolte ai cittadini non più in età da lavoro, famiglie con fgli o con disabili ed invalidi;
  • Rafforzare l coordinamento dei servizi sociali.

 

Reddito inclusione sociale 2017, REIS Memorandum:

In data 14 aprile 2017, il premier Paolo Gentiloni, ha firmato insieme all’Alleanza contro le povertà un memorandum reddito inclusione sociale, Reis contente le linee guida e:

Requisiti per determinare l’accesso al nuovo assegno universale per le famiglie povere;

I criteri per fissare l’importo spettante con il REIS;

I meccanismi per ridurre al minimo le possibilità che il contributi del reddito di inclusione sociale si trasformi in un disincentivo economico alla ricerca di una nuova occupazione;

L'attivazione di finanziamenti strutturali per i servizi alla persona e dei servizi;

L'individuazione di una struttura nazionale permanente che aiuti le amministrazioni territoriali competenti, la definizione delle attività di monitoraggio continuo della misura e la definizione di forme di gestione associata della stessa. 

E poi ancora:

  • Raggiunta anche una nuova intesa tra Stato ed Alleanza, per quanto riguarda il reddito Isee, infatti, al fine di non renderlo l’unico requisito per accedere al Reddito Inclusione sociale (Reis), la nuova misura terrà conto anche del reddito disponibile, in modo tale da consentire l’accesso anche da parte di quelle persone che pur possedendo la casa di abitazione versa comunque in uno stato di povertà. La soglia ISEE per accedere al Reis, quindi passa dagli attuali 3.000 euro previsti dal SIA, a 6.000 euro di reddito ISEE.
  • Riguardo l’importo del reddito di inclusione sociale, sarà calcolato sulla differenza tra il reddito disponibile e la soglia di riferimento ISR, ossia, la componente reddituale dell'Isee che tiene conto della scala di equivalenza. In base a ciò, il contributo economico REIS, dovrà coprire il 70% della differenza così calcolata che comunque non potrà essere inferiore all’importo dell’assegno sociale che per il 2017 è pari a 448,07. Dal suddetto importo, vanno inoltre sottratte le somme percepite dalle altre misure assistenziali percepite dal nucleo familiare, ad eccezione dell’assegno di accompagnamento. 
  • Al fine di evitare che reddito di inclusione si trasformi in un disincentivo alla ricerca di un'occupazione stabile, il Ministero del Lavoro, è a lavoro per mettere in atto meccanismi per i quali il Reis, possa essere erogato anche nel caso in cui vi sia un aumento del reddito al di sopra della soglia di accesso al beneficio. 
  • Riguardo invece ai servizi per l'inclusione, il memorandum, prevede che Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali s'impegni ad introdurre nel Fondo alla lotta alla povertà dei finanziamenti strutturali per i servizi relativi al Reis in forma di quota vincolata da destinare ai territori, per garantire adeguate risorse umane ed economiche. 
  • Entro la fine dell'anno, il Ministero del Lavoro, illustrerà il piano di monitoraggio per verificare l'applicazione del Reis in Italia.

 

Reddito di inclusione 2017: come funziona il REIS?

Come funziona il Reddito inclusione sociale? Il REIS, è un contributo economico che spetta ai cittadini che vivono in povertà. Tale sussidio universale, è un nuovo strumento cugino al SIA, Sostegno di inclusione attiva, avviato dal Governo l settembre scorso in via sperimentale.

Ora la sperimentazione è terminata, ed entro pochi mesi, il RIA prenderà il posto dell'attuale Carta SIA.

I cittadini pertanto che vivono in una situazione disagiata dal punto di vista lavorativo, economico e abitativo potranno contare ora, sul nuovo sussidio contro la povertà ma questo sostegno non sarà riconosciuto senza chiedere nulla in cambio. Il cittadino, infatti, percettore dell’assegno di povertà sarà obbligato a sottoscrivere un accordo personalizzato ed hoc con il Comune basato su impegni ben precisi, quali ad esempio:

  • Mandare i figli a scuola e mantenere una performance scolastica adeguata;
  • Tutelare la salute dei ragazzi e dei bambini;
  • Impegnarsi nella ricerca attiva di un’occupazione, per velocizzare così il reinserimento delle persone disoccupate ed inoccupate all’interno della famiglia;

Il progetto REIS, pertanto vedrà da una parte i Comuni che avranno il compito di erogare il sussidio universale in associazione ad un accordo personalizzato con il cittadino, l’INPS che sarà l’ente pubblico che si occuperà di attuare il piano e mettere a disposizione l propri servizi telematici per ricevere e trasmettere ai vari organi, la domanda reddito inclusione attiva da parte dei cittadini ed infine il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che avrà il compito di vigilare e verificare l’efficacia del nuovo sussidio universale contro la povertà con l’effettiva integrazione sociale della famiglia.

 

Reddito di inclusione 2017: quanto spetta di bonus e come si calcola?

Come spiegato dal ministro Poletti, subito dopo l'approvazione del Ddl povertà ala Senato, "A breve grazie alla maggiore disponibilità di risorse (1,6 miliardi per il 2017) sarà emanato un decreto che amplierà la platea di beneficiari raggiungendo oltre 400 mila nuclei familiari, per un totale di 1 milione e 770 mila persone".

Il bonus da 400 euro al mese previsto dall'attuale SIA, sarà elevati a circa 480 euro estendendo i requisiti di accesso.

Come si calcola l'importo che spetta con il reddito inclusione sociale? Il calcolo degli importi mensili spettanti alla famiglia beneficiaria del Reis, si effettua sulla base della differenza tra il reddito disponibile e la soglia di riferimento ISR, ossia, la componente reddituale dell'Isee che tiene conto della scala di equivalenza. In base a ciò, il contributo economico REIS, dovrà coprire il 70% della differenza così calcolata che comunque non potrà essere inferiore all’importo dell’assegno sociale che per il 2017 è pari a 448,07. Dal suddetto importo, vanno inoltre sottratte le somme percepite dalle altre misure assistenziali percepite dal nucleo familiare, ad eccezione dell’assegno di accompagnamento. 

Per sapere esattamente quanto spetta con il REI, occorrerà attendere il nuovo decreto visto che gli importi carta REI reddito di inclusione, saranno più alti di quelli previsti dai seguenti importi carta SIA:

  • bonus 80 euro al mese a persona;
  • Bonus 160 euro per 2 componenti;
  • bonus fino a 240 euro al mese per le famiglie di 3 persone con minori;
  • Bonus fino a 320 per 4 persone;
  • bonus fino a 400 euro al mese per le famiglie con 5 componenti ed oltre.

 

A chi spetta il Reddito di inclusione sociale 2017? Requisiti domanda:

Dal momento che il nuovo sussidio universale per i poveri, non è ancora giunto ad essere un intervento ufficiale finito, per adesso possiamo solo prevedere quali potrebbero essere, gli eventuali requisiti e condizioni per presentare la domanda ed avere diritto all'assegno di povertà 2017 ed ottenere quindi il REI, una sorta di reddito di cittadinanza per le famiglie che vivono in povertà.

Tra i requisiti reddito di inclusione e i criteri preferenziali per ottenere il bonus, si deve attendere l'emanazione del decreto.

C'è che dice che comunque il requisiti Reddito di inclusione, saranno molto simili ai requisiti Carta SIA 2017 che sono:

  • presenza di figli minori,
  • nuclei familiari monogenitoriali per esempio madre single,
  • presenza di disabili in famiglia,
  • presenza di disoccupati
  • Basso ISEE. Con il passaggio dal SIA al REIS, la soglia di reddito ISEE è aumentata a 6.000 euro.

In attesa del decreto di attuazione del REIS e dell'approvazione del modulo domanda reddito inclusione sociale 2017, ricordiamo che è richiedibile la nuova social card 2017.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili