Reddito di cittadinanza Isee: requisiti domanda e limiti di reddito

Reddito di cittadinanza requisiti ISEE 2019 limite reddito, modulo domanda ultima ora quando come richiederlo dopo emanazione decreto documenti e istruzioni

Stampa

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo aiuto economico contro la povertà che entrerà in vigore in Italia a partire da marzo 2019.

Tale misura, infatti, come confermato più volte anche di recente dallo stesso leader del M5s nonché vicepresidente del Consiglio e ministro del lavoro del Mise e dallo stesso Salvini, farà parte, insieme alla famosa pensione di cittadinanza, di un decreto legge in arrivo entro Natale 2018, per cui staccato dal testo della nuova Legge di Bilancio 2019.

Avendo già visto nelle precedenti guide il reddito di cittadinanza 2019 cos’è e come funziona, a chi spetta e quanto spetta, la durata e come si calcola il nuovo sussidio contro la povertà, oggi andremo a vedere nel dettaglio il Reddito di cittadinanza Isee limiti e requisiti domanda, da quando sarà erogato e come saranno pagati i 780 euro ai beneficiari, se sarà necessario compilare un modulo domanda e presentare il modulo di domanda per richiederlo oppure se il diritto sarà riconosciuto in automatico da parte dello Stato come anticipato dal viceministro all'Economia, Laura Castelli e che cosa dovranno fare i beneficiari per mantenere nel tempo il contributo economico che secondo le notizie dell'ultima ora, partirà da marzo-aprile 2019 e da un importo di 780 euro.

 

Reddito di cittadinanza 2018 ultima ora:

Reddito di cittadinanza 2018 ultima ora:

  • secondo le ultime notizie 2018, il reddito di cittadinanza m5s, quale nuovo aiuto economico contro la povertà in Italia, sarà sicuramente una delle misure che il governo M5s-Lega intenderà approvare con la nuova Legge di Bilancio 2019.
  • Come confermato dallo stesso Luigi Di Maio, leader indiscusso del M5s nonché vicepresidente del Consiglio e ministro del lavoro del Mise e anche da Salvini, nella nuova Manovra ci sarà l'avvio della nuova misura contro la povertà ma probabilmente, alla luce delle ultime novità, potrebbe non partire da subito e soprattutto potrebbe non essere per tutti.
  • In pratica, l'ultima ora reddito di cittadinanza parla della sicura presenza della misura nella legge di Bilancio, nel Def 2019 infatti sono stati destinati 10 miliardi di euro al sostegno, inoltre stando alle ultime parole di Di Maio, il reddito di base potrebbe addirittura essere operativo dal 1° aprile 2019 con un importo di 780 euro per tutti o integrazione al reddito fino a 780 euro, così come previsto dal disegno di legge presentato al Senato dal M5s. Ok anche all'integrazione e quindi all'aumento a 780 euro con la pensione di cittadinanza.
  • Per cui avvio soft della misura da aprile 2019 attraverso l'assorbimento del REI al reddito minimo garantito dei 5 stelle ma con dei nuovi requisiti.
  • Una volta poi completata anche la riforma dei Centri per l'Impiego, indispensabile affinché il sussidio possa essere gestito e controllato, allora il reddito di cittadinanza sarà di 780 euro per tutti i beneficiari in possesso dei requisiti.
  • In base alle notizie dell'ulima ora il reddito di cittadinanza spetta solo agli italiani e non agli stranieri, in pratica per aver diritto alla misura sarà inserito il paletto dei 5 anni di residenza in Italia al fine di superare eventuali problemi di costituzionalità. Infatti le ultime sentenze della Corte di Giustizia, il reddito minimo, di base o di cittadinanza sono lasciate in piena libertà in mano agli Stati Membri.
  • Reddito di cittadinanza su Carta di cittadinanza e tramite app: il vicemistro dell'Economia, Laura Castelli ha confermato che l'erogazione reddito di cittadinanza è su Carta di cittadinanza e su app, per cui su supporto elettronico. Al via quindi la Carta di cittadinanza e app chiamata Io.italia.it che consentirà di effettuare bonifici e verificare i pagamenti.
  • La durata dell'aiuto secondo le ultimissime notizie, potrebbe scendere a 18 mesi.
  • Confermato il reddito di cittadinanza nella Manovra 2019 anche per gli stranieri con almeno 5 anni di residenza in Italia.
  • Confermato il diritto al reddito di cittadinanza per i proprietari di seconda casa, terreni, box ecc. In questo caso la quota immobiliare non deve superare i 30.000 euro.
  • Reddito di cittadinanza senza domanda con l'ISEE precompilato: Il riconoscimento del diritto al reddito di cittadinanza avverrà in automatico senza bisogno di presentare alcuna domanda. Sarà lo Stato, sulla base degli ISEE dell'ultimo biennio, a riconoscere il beneficio. Tale riconoscimento automatico però scatterà solo dopo l'entrata in vigore dell'ISEE precompilato. Per cui nel frattempo si dovrà presentare la richiesta seguendo le modalità descritte nel prossimo decreto.
  • in base alle ultime notizie, il disegno di legge reddito di cittadinanza arriverà in Parlamento con un Ddl a parte rispetto al testo della nuova Manovra 2019. Il disegno di legge, come confermato da Di Maio, arriverà entro Natale 2018.

In attesa di conoscere i nuovi sviluppi andiamo a vedere brevemente cos'è e come funziona il reddito di cittadinanza e poi nel paragrafo successivo ci soffermeremo e spiegheremo invece nel dettaglio, i requisiti Isee Inps necessari per avere diritto alle 780 euro nette al mese, le tempistiche e come richiederlo.

 

Reddito di cittadinanza: cos'è e come funziona dal 2019?

Cos'è il reddito di cittadinanza e come funziona dal 2019?

Il reddito di cittadinanza è la misura contro la povertà proposta dal Movimento 5 stelle con il Disegno di legge n. 1148/2013 presentato al Senato. Tale reddito di cittadinanza, chiamato anche reddito di base o reddito minimo garantito, prevede l'erogazione di un contributo economico parti alla differenza tra la soglia di povertà, calcolata dall'ISTAT ed aggiornata annualmente, ed il reddito familiare effettivamente percepito dalla famiglia beneficiaria.

La soglia di povertà, cui fa riferimento il M5s, non è un numero preso a caso ma è desunto dall'indice di povertà monetaria individuato dall’Unione Europea nel 2014, che corrisponde al 60% del reddito medio netto in un paese.

In Italia, tale soglia di povertà calcolata dall'indice su una persona adulta da sola è pari a 780 euro netti al mese, cioé 9.360 all’anno.

Partendo da questa soglia, tutti i coloro che si trovano al di sotto sono considerati poveri e dunque bisognosi di un aiuto economico sotto forma di reddito minimo garantito che sia in grado di farli vivere dignitosamente al pari di tutti gli altri cittadini più o meno benestanti.

Secondo il disegno di legge reddito di cittadinanza, l'importo che spetta alle famiglie beneficiarie è in funzione del numero dei componenti il nucleo familiare, per cui laddove il reddito della famiglia non superi la suddetta soglia, è compito dello Stato garantire l'integrazione al reddito.

Anche dal Ddl del M5s, appare chiaro quindi come, ai fini di riconoscimento del nuovo aiuto economico e del suo mantenimento nel tempo, il reddito familiare ed il numero dei componenti della famiglia, giochino ruoli molto importanti, non a caso, infatti, l'ISEE è uno dei documenti fondamentali che i cittadini dovranno farsi rilasciare, al fine di vedersi riconosciuto il diritto.

Andiamo quindi a vedere nel dettaglio reddito di cittadinanza Isee, requisiti e come funzionerà la domanda Inps.

 

Reddito di cittadinanza requisiti ISEE 2019 e limiti di reddito a 9.360 euro:

Reddito di cittadinanza Isee 2019 cos'è?

L'Isee Inps ai fini del reddito di cittadinanza è una documentazione molto molto importante, in quanto da questo, e da altri fattori, dipende l'ottenimento del reddito minimo.

L'ISEE, infatti, è lo strumento che viene utilizzato in Italia per misurare la condizione economica delle famiglie e per determinare l'accesso a determinate prestazioni sociali ed assistenziali previste dalla legge,

Attraverso l'indicatore della situazione economica equivalente, pertanto, è determinato il reddito della famiglia ed il suo accesso al reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza requisiti Isee:

  • L'Isee reddito di cittadinanza è molto importante perché è sulla base di questa documentazione che l'INPS ed il Comune, determinano a chi spetta il reddito di cittadinanza e quanto spetta reddito di cittadinanza 2019.
  • Infatti all'articolo 7 del disegno di legge presentato dai 5 stelle, si legge che tra i documenti necessari per ottenere il reddito di cittadinanza c'è l'ISEE poiché sia il diritto che l’importo sono in funzione dei redditi attuali dell'intera famiglia.
  • Il cittadino, inoltre, una volta che l'aiuto universale contro la povertà sarà a regime, non dovrà presentare alcuna domanda, perché sarà lo Stato a verificare il diritto a monte e a comunicarlo all'interessato. Ciò sarà possibile solo dopo l'entrata in vigore dell'ISEE precompilato. Fino ad allora, bisognerà presentare la richiesta.
  • Lo Stato al fine di procedere al riconoscimento del reddito di cittadinanza si baserà sull'ISEE presentato negli ultimi 2 anni. L'ISEE 2019 è quel documento riferito a tutti i redditi percepiti dal proprio nucleo familiare nei 12 mesi precedenti la richiesta di acceso al reddito di cittadinanza. Inoltre dovranno essere comunicati gli eventuali redditi che saranno percepiti nei dodici mesi successivi.
  • Con l'arrivo dell'Isee precompilato Inps, non si dovrà più presentare alcuna documentazione ai Centri per l’impiego o all'INPS perché il riconscimento del diritto avverrà in automatico.
  • in base alle notizie dell'ultima ora, il reddito di cittadinanza è riconosciuto solo a coloro che rientrano in un determinato limite di reddito ISEE, questo è stato uno dei paletti messi dalla Lega, visto ch nel disegno di legge dei 5 stelle, non c'è alcun limite ISEE. Nel provvedimento però sarà inserito un limite di reddito ISEE con la seguente soglia:
    • Reddito di cittadinanza per chi ha un reddito ISEE inferiore a 9.360 euro;
    • per chi ha una casa di proprietà: l'importo del reddito di cittadinanza sarà pari a circa 500 euro netti al mese.
    • per chi ha una seconda casa di proprietà, un terreno, un box, la quota immobliare deve essere fino a 30mila euro per avere diritto al reddito di cittadinanza.
  • Sempre sulla base delle ultime notizie, potrebbe essere inserito un altro paletto della Lega, ossia la durata limitata a 18 mesi.

 

Reddito di cittadinanza senza domanda sulla base dell'ISEE: da quando?

Reddito di cittadinanza modulo di domanda: come e a chi si presenta insieme all'ISEE?

Sulla base delle ultimissime notizie reddito di cittadinanza 2018 è nella nuova misura in Legge di Bilancio 2019 e con molta probabilità a partire dal mese di marzo-aprile 2019.

Per cui se ciò dovesse essere vero, appare chiaro che fino alla sua entrata in vigore troverà applicazione il reddito di inclusione e poi, una volta approvata in via definitiva la Manovra, emanati i decreti attuativi, ci sarà anche l'approvazione della misura a partire dal 1° aprile 2019.

Un altro problema che riguarda il reddito di cittadinanza domanda è quanto previsto dall'articolo 6 del Ddl, ossia l'istituzione di una struttura informativa centralizzata, nella quale far confluire in una sola banca dati, accessibile dal Centro per l'impiego, Comune e Regione, Inps e Agenzia delle Entrate, i seguenti dati:

  • fascicolo personale elettronico;
  • libretto formativo elettronico,

che conterranno tutti i dati anagrafici del richiedente, lo stato di famiglia, la certificazione ISEE, la certificazione del reddito al netto delle imposte riferito all’anno in corso, la certificazione del reddito di cittadinanza percepito, i dati Inps, i dati degli immobili di proprietà, le competenze certificate, stato di frequenza scolastica del minore. 

In base alle ultissimisse notizie il reddito di cittadinanza sarà senza domanda solo dopo l'entrata in vigore dell'ISEE precompilato Inps. Da quel momento in poi, sarà lo Stato ad individuare i cittadini beneficiari sulla base dei redditi ISEE presentati negli ultimi due anni, ad attribuire il beneficio e quantificare l'importo spettante.

 

Reddito di cittadinanza da quando parte? Dal 1° aprile 2019:

Da quando parte il reddito di cittadinanza? Ecco le tempistiche:

Le ultimissime notizie parlano di un reddito di cittadinanza richiedibile dal 1° aprile 2019 e con un importo ben inferiore alle 780 euro nette al mese, si dice infatti che si partirà da un importo di 300 euro per circa 4 milioni di cittadini che gravano in una situazione di disagio economico e di esclusione sociale, ma la notizia è stata smentita immediatamente da Luigi Di Maio.

Considerando le nuove tempistiche per la domanda reddito di cittadinanza quindi potremmo immaginare che:

  • entro il 31 dicembre 2018, la Legge di Bilancio 2019 deve essere approvata in via definitiva;
  • entro i primi mesi del 2019, saranno emanati con molta probabilità i primi decreti attuativi;
  • dal 1° aprile 2019 al via le domande di reddito di cittadinanza con i nuovi requisiti e partirà l'erogazione del reddito di cittadinanza sull'apposita Carta di cittadinanza 2019 e l'app per effettuare bonifici.
  • la pensione di cittadinanza dal 1° gennaio 2019 portando all'aumento pensioni 2019 per quelle che si trovano sotto la soglia.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili