Reddito di cittadinanza domanda online: Spid e sito ufficiale

Reddito di cittadinanza 2019 domanda online sito e Spid per richiederlo da marzo verifica Inps Carta RdC Poste chiamata Centri per l'Impiego e Navigator

Stampa

Reddito di cittadinanza 2019 domanda online Spide e sito ufficiale da marzo per richiederlo, verifica requisiti Inps, chiamata dai Centri per l'Impiego e poi Navigator ecco l'iter per richiedere ed ottenere il reddito di base: ecco la nostra guida che spiega nel dettaglio come funziona la domanda reddito di cittadinanza, il colloquio e sottoscrizione del patto di lavoro o del patto di inclusione con i Centri per l'impiego o Agenzie per il lavoro private, presa in carico del beneficiario, da parte del Navigator e chiamata per svolgere le 8 ore settimanali per la Comunità.

 

Andiamo quindi a vedere il reddito di cittadinanza 2019 cos'è e come funziona, requisiti ISEE, come fare domanda reddito di cittadinanza alla posta, cosa succede dopo e cosa fanno i Centri per l'impiegochi è il Navigator che aiuterà i beneficiari del reddito a formarsi e ricollocarsi nel mondo del lavoro, alla luce anche delle novità introdotte con la Legge di Bilancio 2019 pubblicata in Gazzetta Ufficiale e della conferma da parte di Di Maio che, l'entrata in vigore del reddito di cittadinanza è da marzo 2019 mentre i pagamenti partono da aprile 2019.

 

Reddito di cittadinanza: cos'è, come funziona e requisiti Isee 2019

Reddito di cittadinanza cos'è e come funziona: il reddito di cittadinanza è la nuova misura contro la povertà in Italia che entrerà in vigore da marzo 2019.

Tale contributo, infatti, è stato inserito con un apposito emendamento nel testo della Legge di Bilancio 2019 reddito di cittadinanza e spetta agli inoccupati, disoccupati e a chi, pur avendo un reddito da lavoro, non supera la soglia di povertà stabilita dall'ISTAT a 780 euro netti al mese.

 

Per accedere al reddito di cittadinanza 2019, il cittadino, deve però essere in possesso di determinati requisiti ISEE 2019, seguire una procedura standard fare la domanda e per fare l'iscrizione ai Centri per l'Impiego e sottostare a determinate regole ed obblighi, pena la revoca del sussidio.

 

Reddito di cittadinanza requisiti e ISEE 2019:

In base al nuovo decreto reddito di cittadinanza approvato in via ufficiale, ecco quali sono i requisiti per ottenere il reddito di cittadinanza dal 2019 sono:

  • aver compiuto 18 anni di età;
  • essere disoccupato, inoccupato o avere un reddito da lavoro inferiore a 780 euro netti al mese.
  • rientrare in un certo limite di reddito:
    • ISEE: il limite di reddito ISEE 2019 è pari a 9.360 euro.
    • Reddito familiare: per chi è solo il limite massimo è pari a 6000 euro, mentre per la Pensione di cittadinanza è pari a 7560 euro e a 9.630 euro per l nucleo familiare che abita in una casa in affitto come da DSU ai fini ISEE. Il limite del reddito familiare è parametro in funzione alla Scala di equivalenza e cioè al numero di componenti del nucleo familiare.
  • durata reddito di cittadinanza è di 18 mesi + 18 mesi con stop di 1 mese.
  • in caso di possesso della prima casa: l'importo scende a 500 euro.
  • limite patrimonio mobiliare: inferiore a 6 mila euro + 2000 per ogni familiare dopo il primo fino ad un massimo di 10.000 euro, incrementati di 1000 euro per ogni figlio dopo il secondo e di 5000 per ogni componente disabile.
  • limite patrimonio immobiliare: 30.000 euro esclusa la prima casa di abitazione.
  • per chi è titolare di un assegno di disoccupazione, l'importo del reddito di cittadinanza, è decurtato della stessa cifra dell'assegno.

Per maggiori informazioni leggi anche reddito di cittadinanza 2019 requisiti ISEE.

 

Sito ufficiale reddito di cittadinanza da marzo 2019:

Da quando sarà online il sito ufficiale del Reddito di cittadinanza 2019? Abbiamo detto che secondo quanto confermato dal governo e dallo stesso Luigi Di Maio, il reddito di cittadinanza partirà da marzo 2019 e sarà erogato da aprile previa presentazione del modulo domanda alle Poste ed accettazione da parte dell'INPS.

A tal fine, da marzo 2019 sarà online il sito ufficiale reddito di cittadinanza, una piattaforma online nella quale saranno convogliati tutti i dati delle banche dati dei soggetti coinvolti dalla nuova misura, ossia:

  • Inps;
  • Comune;
  • Agenzia delle Entrate;
  • Centri per l'Impiego;
  • ANPAL;
  • Centri per la formazione privati.

Tale sito web quindi servirà a far compilare la propria scheda e quindi a presentare la domanda online reddito di cittadinanza direttamente dai cittadini e servirà allo Stato a controllare e verificare l'operato del beneficiario del reddito ed il rispetto delle regole.

 

Reddito di cittadinanza 2019 domanda online Spid e sito ufficiale:

Reddito di cittadinanza come si presenta la domanda online? La procedura per presentare la domanda reddito di cittadinanza 2019 sarà ufficializzata a breve con l'approvazione del decreto e la relativa circolare Inps.

Ecco come quindi come funziona la domanda reddito di Cittadinanza secondo la bozza di testo del decreto reddito di cittadinanza.

  • Reddito di cittadinanza da quando la domanda? La domanda di redddito di cittadinanza può essere presentata a partire da marzo 2019.
  • Reddito di cittadinanza dove si presenta la domanda: La domanda di redddito di cittadinanza deve essere compilata online sul sito ufficiale, poi dopo qualche settimana, in caso di esito positivo, l'interessato deve presentarsi agli uffici postali per ritirare la Carta RdC 2019 con l'importo spettante.
  • Reddito di cittadinanza modulo domanda come si presenta: la domanda per ottenere l'RdC è tramite modulo telematico da inviare tramite sito ufficiale che a detta di Di Maio sarà online da marzo. Dopo la domanda, si andrà allo sportello di Poste Italiane a ritirare la Carta. Al modulo domanda reddito di cittadinanza dovrà essere allegata la documentazione necessaria, come ad esempio l'ISEE 2019 o il permesso di soggiorno per gli extracomunitari.
  • Presentato il modulo, l'INPS verifica il possesso dei requisiti per ottenere il reddito di cittadinanza e si riceverà a casa l'esito della domanda, sia in caso di accoglimento della richiesta che in caso di rifiuto.
  • Se l'esito è positivo, entro 30 giorni dalla domanda, per cui entro il 30 aprile 2019 se la domanda si presenta a marzo, il cittadino può recarsi all'ufficio postale e ritirare la sua Carta RdC, reddito di cittadinanza, una sorta di carta bancomat, sulla quale viene accreditato l'importo del reddito di cittadinanza spettante.
  • Entro poi il mese di maggio, cioé entro i successivi 30 giorni, il beneficiario viene chiamato dal Centro per l'Impiego o dall'Agenzia per il lavoro privata, per sottoscrivere a seconda dei casi, un patto di lavoro, un patto di inclusione sociale o un patto di formazione. Il cittadino, infatti, al fine di mantenere il reddito, deve seguire attentamente le regole e gli impegni ben precisi, pena la revoca del contributo di 780 euro al mese.
  • Sempre entro il mese di maggio, il cittadino beneficiario, è chiamato dal Comune a svolgere le 8 ore settimanali di lavoro socialmente utile, fatta eccezione delle persone disabili o chi ha carico familiari con disabilità o figli piccoli.

Da marzo 2019 oltre all'emanazione del decreto ci sarà anche la messa online del sito ufficiale reddito di cittadinanza attraverso il quale, il cittadino potrà accedere previa autenticazione tramite SPID (ecco la nostra guida su Spid cos'è e come richiederlo) e compilerà la sua scheda.

Il sito internet reddito di cittadinanza a regime sarà quindi una struttura informativa centralizzata nella quale verranno uniti in una sola banca dati, i dati dei Centri per l'impiego, Comune e Regione, Inps e Agenzia delle Entrate ossia, i dati anagrafici del richiedente, lo stato di famiglia, la certificazione ISEE, la certificazione del reddito al netto delle imposte riferito all’anno in corso, la certificazione del reddito di cittadinanza percepito, i dati Inps, i dati degli immobili di proprietà, le competenze certificate, stato di frequenza scolastica del minore. 

 

Reddito di cittadinanza Centri per l'impiego: patto di lavoro, patto di inclusione e patto di formazione

Reddito di cittadinanza Centri per l'impiego e regole per averlo e mantenerlo e sottoscrizione del patto di lavoro, del patto di inclusione sociale o del patto di formazione:

Sempre secondo la bozza del decreto reddito di cittadinanza, il cittadino dopo aver ricevuto il primo pagamento viene chiamato entro i successivi 30 giorni, per cui entro il mese di maggio se ha presentato la domanda a marzo 2019, dai Centri per l’impiego o da un'Agenzia per il Lavoro, per effettuare un colloquio conoscitivo e firmare il patto di lavoro mpegnandosi nella ricerca attiva di un lavoro o un patto di inclusione sociale che prevede l'attivazione del Comune e dei Servizi sociali, nel caso in cui il richiedente sia una persona svantaggiata e con problemi di disagio sociale.

Il beneficiario dell'RdC con la firma del patto si impegna al rispetto di regole e di obblighi e la cui inosservanza porta alla revoca del reddito di cittadinanza, obblighi come:

  • Destinare almeno 8 ore settimanali alla comunità per progetti e lavori socialmente utili;
  • Frequentare corsi di qualificazione o riqualificazione professionale sia all'interno dei Centri per l'Impiego che presso centri privati ed aziende;
  • Comunicare qualsiasi variazione di reddito;
  • Accettare una delle prime 3 offerte di lavoro congrue pervenute:
    • per chi percepisce il reddito di cittadinanza da 6 mesi: la prima offerta congrua è entro i 100 Km di distanza dalla residenza;
    • per chi lo percepisce da 12 a 18 mesi: la prima offerta congrua è entro 250 km;
    • per chi percepisce il reddito oltre i 18 mesi: ovunque in Italia.
  • Dedicare almeno 2 ore al giorno alla ricerca di un lavoro;
  • Non recedere da un contratto senza giusta causa 2 volte in un anno.
  • Mandare i figli a scuola.

Il Patto di formazione reddito di cittadinanza è invece un meccanismo che prevede che i datori di lavoro che comunicano ai Centri per l'Impiego o all'Agenzia per il lavoro, eventuali posizioni vacanti, di ottenere uno sgravio contributivo da 5 a 18 mensilità e 6 mensilità se trattasi di donne o disoccupati di lunga durata.

Qualora l'impresa assuma poi direttamente dall'Agenzia o da un ente di formazione, lo sgravio arriva al 50%.

 

Reddito di cittadinanza Navigator: chi è e cosa fa?

Reddito di cittadinanza: chi è il Navigator? Il Navigator è una nuova figura professionale che come anticipato dal vicepremier Luigi Di Maio, fungerà da intermediario tra il disoccupato beneficiario del reddito di cittadinanza e le aziende.

Navigator cosa fa? I Navigator, il cui numero di assunzioni sarà fatto sapere entro la fine dell'anno, saranno assunti tramite colloquio, saranno di alto profilo e dovranno essere in grado di seguire i ragazzi lungo tutto il percorso dal Centro per l'impiego, alla formazione fino all'assunzione.

La loro retribuzione sarà calcolata "in base a quanti ragazzi ricollocherà nelle aziende" ha detto Di Maio.

Ecco l'esempio fatto dal vicepremier Di Maio:

Prendiamo un ragazzo di 20 anni che non ha lavoro.

Attraverso un portale online dedicato potrà entrare nel programma per ottenere il reddito.

Quindi avrà una figura, il Navigator, che lo prenderà in carico e lo indirizzerà verso la formazione.

Gli farà un programma personalizzato di formazione e lo farà partecipare ai corsi.

Inoltre il Navigator, con l'ausilio di un sofisticato software, avrà il compito anche di controllore e verificare che il beneficiario del reddito di cittadinanza frequenti effettivamente i corsi di formazione e lo orienterà verso il lavoro che vuole trovare e per cui c'è domanda.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?