Reddito di cittadinanza 2019: durata, esempio calcolo e quanto spetta?

Reddito di cittadinanza quanto dura e quanto spetta di importo? Come si calcola la nuova indennità esempio nuovo sussidio contro la povertà e disoccupazione

Stampa

Reddito di cittadinanza 2019 durata, come si calcola, esempio e quanto spetta: ecco la nostra guida aggiornata e semplice che aiuta i cittadini a capire fino in fondo il reddito di cittadinanza quanto spetta di importo ai beneficiari che presenteranno la domanda, quanto dura l'indennità e qualche esempio su come si calcolo il nuovo sussidio contro la povertà che dovrebbe arrivare in Italia già con la prossima Legge di Bilancio 2019.

Infatti dalle ultime parole di Luigi Di Maio, il reddito di cittadinanza, la flat tax e l'abolizione della legge Fornero sono emergenze sociali che vanno realizzate subito, per cui è evidente la volontà del governo Conte di voler inserire le tre misure nella legge di Stabilità 2019.

In attesa quindi di vedere se Di Maio, Salvini, il ministro Tria e il Premier Giuseppe Conte, riusciranno a risolvere il nodo coperture per la sterilizzazione delle clausole di salvaguardia e quindi impedire l'aumento dell'IVA, la realizzazione del reddito di cittadinanza, flat tax per famiglie e imprese e la famosa pace fiscale, andiamo a spiegare esattamente il reddito di cittadinanza 2019.

 

Reddito di cittadinanza 2019:

Reddito di cittadinanza 2019: dal momento che il funzionamento del reddito di cittadinanza è una delle domande che più si pongono i cittadini e visto che ad oggi nessuno ci ha ancora spiegato ufficialmente come funzionerà in dettaglio questo nuovo aiuto economico una volta approvato dal governo, abbiamo voluto scrivere una guida che possa far capire bene a chi spetta il sussidio e quali sono le regole per mantenerlo.

In realtà l'unica versione ufficiale del reddito di cittadinanza è quella ipotizzata nel 2013 dal M5s con il Disegno di legge 1148 depositato al Senato e che prevede l'istituzione di un aiuto economico quale sussidio contro la povertà in Italia, chiamato appunto reddito di cittadinanza a favore di cittadini e famiglie italiane che si trovano, come redditi, al di sotto della soglia di povertà fissata dall'Istat che è pari a 780 euro.

Per spiegare il funzionamento del reddito di cittadinanza nella nostra guida, prenderemo come fonte ufficiale il DL presentato dal M5s, ben consci che una sua eventuale approvazione, potrebbe poi essere oggetto di modifiche da parte dell'Esecutivo.

In base alle ultime notizie però c'è stato un vero passo avanti nella sua realizzazione, infatti, Luigi Di Maio in risposta ad una question time al Senato, ha fatto sapere che la proposta di legge sul reddito di cittadinanza è pronta e che mancano solo gli ultimi dettagli da coordinare e concordare con il Mef. Una volta messi a punto gli ultimi dettagli, sarà presentata ufficialmente.

Di Maio ha inoltre evidenziato che:

  • questa misura "è una delle priorità di questo governo";
  • che per contrastare abusi sarà messa a punto una piattaforma online, una banca dati alimentata da informazioni continue, verrà introdotta la registrazione elettronica delle compentenze ed arrivaerà il fascicolo personale elettronico.
  • saranno previste pesanti sanzioni per chi dichiara il falso e chiede illegittimamente il reddito;
  • sanzioni pesanti anche nei confronti dei funzionari pubblici che assegneranno il reddito di cittadinanza illegittimamente;
  • per coloro che beneficeranno dell'aiuto, saranno previste 2 ore al giorno di formazione obbligatoria e anche le 8 ore a settimane di lavori per il Comune.

Andiamo quindi a vedere reddito di cittadinanza 2019 come funziona.

Vi ricordiamo che dal 2019 dovrebbe partire anche la flat tax e la pace fiscale, per maggiori informazioni leggi: flat tax cos'è e come funziona e pace fiscale 2019.

 

Reddito di cittadinanza 2019: come funziona?

Reddito di cittadinanza 2019 come funzionerà? Il reddito di cittadinanza secondo quanto previsto dal Dl presentato al Senato dal M5s funzionerà così:

1A) per avere diritto al reddito di cittadinanza, il cittadino beneficiario, deve essere in possesso di determinati requisiti di accesso, che sono:

- essere maggiorenne;

- risultare disoccupato o inoccupato;

- avere un reddito da lavoro sotto i 780 euro che è la soglia di povertà stabilita dall’Istat;

- percepire una pensione al di sotto della soglia di 780 euro, in questo caso si parla più propriamente di pensione di cittadinanza.

1B) per quanto riguarda invece i requisiti reddito di cittadinanza stranieri:

  • residenza in Italia da almeno 2 anni;
  • aver lavorato negli ultimi 2 anni in Italia per almeno 1.000 ore;
  • essere  titolari di un reddito netto pari o superiore a 6.000 euro complessivi percepiti nei 2 anni precedenti a quello della fruizione del reddito di cittadinanza.

Per maggiori dettagli leggi reddito di cittadinanza requisiti.

2) il reddito di cittadinanza spetta anche a chi già lavora o percepisce la disoccupazione: si, il diritto al nuovo sussidio contro la povertà è compatibile sia con l'attività lavorativa che con l'indennità di disoccupazione ma ad alcune condizioni. L'aiuto economico mensile infatti spetta anche a chi lavora full time solo se lo stipendio è al di sotto delle soglia di povertà, per cui in questi casi si ha diritto un'integrazione in denaro fino al raggiungimento dei 780 euro netti al mese.

Stessa cosa per chi fruisce della disoccupazione Naspi o altre prestazioni collegate allo stato di disoccupazione, tali indennità sono quindi compatibili col reddito di cittadinanza fino al limite di 780 euro mensili.

3) Una volta riconosciuto il sussidio occorre poi mantenerlo, infatti, secondo il DL 1148, al fine di poter continuare a beneficiare del sussidio, il cittadino e la famiglia beneficiaria, devono rispettare determinate condizioni, pena la revoca dell'aiuto economico mensile. 

4) reddito di cittadinanza cosa succede se trovo lavoro? Secondo il DL reddito di cittadinanza, l'obiettivo di istituire un contributo economico come questo è quello di aiutare e sostenere economicamente i cittadini durante la ricerca di un nuovo lavoro, al fine di evitare situazioni di crisi, esclusione sociale e povertà.

  • Ed è per questo motivo che alla base del reddito di cittadinanza c'è l'obbligo da parte del beneficiario e della famiglia beneficiaria, di ricercare in modo assiduo e documentabile, un nuovo posto di lavoro e di frequentare corsi di qualificazione o di riqualificazione professionale al fine di aumentare le sue possibilità di occupazione.
  • Pertanto il cittadino che non riesce a trovare lavoro ma si applica per 2 ore al giorno nella sua ricerca attiva e segue quanto specificato dal Centro per l'impiego e dai progetti utili alla collettività, ossia 8 ore a settimana di lavoro gratuito presso il proprio Comune di residenza, mantiene il reddito di cittadinanza, in caso contrario, se non frequenta i corsi, non si iscrive al Centro per l'impiego, non offre le sue ore ai lavori socialmente utili o rifiuta per 3 volte un'offerta di lavoro in 2 anni o recede dall'impiego per 2 volte nell'arco dell'anno, perde il reddito di cittadinanza.

5) secondo le ultime notizie però il reddito di cittadinanza 2019 sarà un beneficio che andrà ad inglobare l'attuale reddito di inclusione.

 

Reddito di cittadinanza durata: quanto dura?

Reddito di cittadinanza quanto dura? La durata del reddito di cittadinanza è fino a quando perdura la situazione di necessità da parte del beneficiario.

Affinché il cittadino mantenga nel tempo l'aiuto economico è però necessario che rispetti 6 regole semplici ma fondamentali, che sono:

  1. iscriversi al Centro per l’Impiego e firmare la DID, dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro;
  2. iniziare un percorso di ricerca attiva del lavoro per almeno 2 ore al giorno (che dovrà dimostrare);
  3. offrire 8 ore settimanali di lavoro gratuito presso il proprio Comune di residenza;
  4. frequentare corsi di qualifica/riqualifica professionale;
  5. comunicare immediatamente qualsiasi variazione del reddito;
  6. non rifiutare più di tre volte di seguito i lavori che vengono offerti. Su questo punto sono intervenuti anche altri paletti in modo da impedire che il reddito di cittadinanza diventi un disincentivo al lavoro. Gli ulteriori paletti riguardano appunto i casi in cui può verificarsi la perdita dell'aiuto economico da parte del beneficiario in età lavorativa e abile al lavoro o del disabile in relazione alle proprie capacità lavorative, che sono:
    • sostenere più di 3 colloqui di lavoro con palese volontà di ottenere esito negativo, accertata e dichiarata dal responsabile del centro per l’impiego;
    • rifiutare durante il periodo di disoccupazione, più di 3 proposte di lavoro congrue, ottenute grazie al centro per l’impiego o alle strutture preposte;
    • recedere da contratto senza giusta causa dall'impiego o reimpiego per 2 volte nel corso dell’anno solare.

 

Reddito di cittadinanza quanto spetta? Tabella importi 2019:

Reddito di cittadiananza importo: Fino adesso la nostra guida al reddito di cittadinanza 2019 è andata a spiegare come funziona, quali sono le regole di applicazione, quali le condizioni necessarie per mantenere nel tempo il sussidio e la sua durata, ora invece andiamo a spiegare l'aspetto economico facendo riferimento anche a qualche esempio ufficiale fatto dal Movimento 5 Stelle.

Ma partiano da reddito di cittadinanza quanto spetta di importo? Ecco la tabella importi 2019:

Reddito di cittadinanzaimporti 2019
1 persona adulta780 euro

2 persone adulte

2 persone: 1 adulto + figlio under 14

1.170 euro

1.014 euro

3 persone adulte

3 persone: 2 adulti + figlio under 14

3 persone: 1 adulto + 2 figli under 14

1.560 euro;

1.404 euro;

1.248 euro.

4 persone: 1 adulto e 3 under 14

4 persone 2 adulti + 2 under 14

4 persone: 3 adulti + 1 under 14

4 persone adulte

1.482 euro;

1.638 euro;

1.794 euro;

1.950 euro. 

5 persone : 1 adulto e 4 figli under 14

5 persone 2 adulti + 3 figli under 14

5 persone: 3 adulti e 2 figli under 14

1.716 euro;

1.872 euro;

2.028 euro 

6 persone: 1 adulto e 5 figli

 1.950 euro

Tabella importi reddito di cittadinanza elaborata da Il Messaggero.

 

Reddito di cittadinanza esempio di calcolo:

Esempio di calcolo reddito di cittadinanza: Ai beneficiari del reddito di cittadinanza, cioè per tutti coloro che non hanno reddito o hanno redditi molto bassi, spetta per ogni componente della famiglia, un determinato aiuto economico che varia a seconda della composizione familiare.

Ovviamente tutti gli importi sono esenti da tasse e da pignoramenti.

Ecco quindi reddito di cittadinanza esempio:

  • una famiglia di 2 persone adulte disoccupate può ricevere un importo mensile pari a 1170 euro;
  • una famiglia di 4 persone adulte invece può arrivare a percepire anche 1950 euro. 
  • chi percepisce un reddito da lavoro pari a 500 euro al mese, riceve un'integrazione al reddito pari a 280 euro al mese.
  • una famiglia di 3 persone, 2 adulti disoccupati + figlio maggiorenne a carico: spetta un importo pari a 1560 euro netti al mese.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili