Quattordicesima 2018: a chi spetta, calcolo e quanto è l'importo?

Quattordicesima mensilità 2018 a chi spetta requisiti calcolo cos'è come funziona aumento quattordicesima pensionati quanto è l'importo su quali pensioni

Stampa

Quattordicesima 2018, grazie alle novità introdotte dalla scorsa Legge di Bilancio, si è ampliata la platea di pensionati che possono beneficiare della quattordicesima mensilità.

Infatti, a partire dal 2017, anche i pensionati con più di 64 anni, nati cioé prima del 1° gennaio 1954 che hanno un reddito complessivo individuale annuo fino a 13.049,14 euro (due volte il trattamento minimo, circa 1.000 euro al mese, beneficiano della quattordicesima.

Vediamo quindi cos'è e come funziona la quattordicesima 2018, a chi spetta e come si calcola l'mporto.

 

Quattodicesima mensilità cos'è? 

Che cos'è la quattordicesima mensilità? La quattordicesima mensilità è il diritto per un lavoratore o pensionato, di percepire nell'arco dell'anno uno stipendio o un assegno pensione in più, oltre la tredicesima mensilità di dicembre, al fine di ottenere una maggiore disponibilità economica in un preciso periodo, il mese di luglio.  

La quattordicesima non spetta a tutti i lavoratori, infatti, il beneficio spetta esclusivamente se è prevista dalla contrattazione tra le parti, e non ha natura legale. Solitamente le categorie di lavoratori a cui viene concessa sono i lavoratori del commercio e i dirigenti del commercio, mentre non spetta ai metalmeccanici o ai dirigenti nell’industria.

La quattordicesima non spetta a tutti i pensionati, le pensioni che beneficiano dell'assegno pensione aggiuntivo in base al D.L. 81/2007, sono:

  • Pensioni di anzianità;
  • Pensioni di vecchiaia;
  • Pensioni anticipate;
  • Pensioni di invalidità e di inabilità;
  • Pensioni ai superstiti.

Le pensioni senza quattordicesima sono invece: pensioni di invalidità civile, pensione o assegno sociale, pensioni di guerra e rendite Inail.

 

Quattordicesima pensioni requisiti e calcolo reddito: prima del 2017

requisiti per avere diritto alla quattordicesima sulle pensioni prima del 2017 erano:

Essere titolari di una delle pensioni per le quali è prevista la quattordicesima: anzianità, vecchiaia, anticipata, invalidità, inabilità, superstiti;

Avere almeno 64 anni di età;

Avere un reddito massimo fino a 1,5 volte il trattamento minimo, ossia, non superare la soglia di 786,86 euro per l’anno 2016, per avere diritto alla misura integrale;

Avere un reddito non superiore a 1,5 volte il trattamento minimo aumentato della quattordicesima che non superi le seguenti soglie per avere diritto alla misura parziale:

    • 10.22,86 euro, per i pensionati con meno di 15 anni di contributi versati, 18 per il lavoro autonomo;
    • 10.206,86 euro per chi ha meno di 25 anni di contributi, 28 per gli autonomi;

 10.290,86 euro per chi oltre 25 anni di contribuzione, 28 per l'autonomo.

Ai fini di calcolo del reddito pensionati per avere diritto alla quattordicesima pensioni, rientrano anche i redditi da capitale soggetti alla ritenuta alla fonte, le rendite di affitto o derivanti dal possesso di terreni e fabbricati, ad esclusione dell'abitazione principale mentre sono esclusi gli ANF, l'accompagnamento ed il Trattamento di Fine Rapporto.

 

Quattordicesima pensionati dal 2017:

Aumento della quattordicesima dal 2017: grazie ad una misura introdotta dalla Legge di Bilancio dello scorso anno, c'è stato l'aumento della Quattordicesima mensilità per i trattamenti minimi pari al 30% e l'aumento della platea di pensionati beneficiari.

Con la riforma delle pensioni, pertanto, non sono stati aumentati solo gli importi della quattordicesima ai pensionati che già ne beneficiano ma è stato aumentato anche il numero dei pensionati aventi diritto, per i quali però non ci sarà un aumento d'importo.

Ovviamente non sono mancate le critiche e le polemiche a questa nuova misura non certo sull'aumento ma sulle modalità e i criteri di scelta che il Governo ha considerato per dare ai pensionati l'aumento della quattordicesima. Infatti, per scegliere a chi dare l'aumento, si è optato per gli anni di contributi versati e la categoria di lavoratori autonomi e dipendenti.

Tra le altre novità pensioni, oltre all’aumento Quattordicesima, sono state previste altre importanti misure come l'APE anticipo pensionistico, Ape Social e Rita, bonus pensione lavoratori precoci.

Le novità sulla Quattordicesima hanno interessano circa 3,3 milioni di pensionati:

  • quattordicesima pensionati per chi ha redditi fino a 2 volte il minimo mentre prima spettavo solo per i redditi fino a 1,5 volte il minimo;
  • Aumento quattordicesima ai pensionati a chi già la percepiva.

Vediamo ora a chi spetta la Quattordicesima e a quanto ammonta l’aumento.

 

Quattordicesima 2018: a chi spetta?

Quattordicesima 2018 a chi spetta? In base a quanto previsto dall'articolo 26 della Legge di Bilanci la quattordicesima spetta ai pensionati con redditi fino a 2 volte il trattamento minimo, attualmente, invece, la soglia è 1,5 volte il minimo.

Chi sono i nuovi beneficiari della quattordicesima?

I pensionati con redditi fino a 2 volte il mimino, che tradotto significa che la quattordicesima ora spetta in misura piena ai pensionati con assegno mensile fino a 1000 euro al mese.

Per cui si passa da una soglia di reddito da 750 euro attuale a 1000 euro.

 

Importo quattordicesima 2018: quanto spetta?

Prima ai pensionati spettava una quattordicesima d'importo pari a:

  • 336 euro, per chi ha versato almeno 15 anni di contributi,18 anni se lavoratore autonomo;
  • 420 euro, per chi ha versato da 16 a 25 anni di contributi, da 19 a 28 anni se lavoratore autonomo;
  • 504 euro,  per i pensionati che hanno versato oltre 25 anni di contributi, 28 anni se autonomo.

A partire dal 2017, e qundi anche nel 2018, ai pensionati spetta un aumento dell'importo della quattordicesima da 584/600 euro anziché 504 euro.

Ricordiamo inoltre che l'aumento della quattordicesima mensilità spetta ai pensionati i cui assegni pensione sono pagati dall'INPS con 

assicurazione generale obbligatoria:

  • fondi ad essa sostitutivi;
  • gestione separata;
  • gestione speciale per i lavoratori delle miniere, cave e torbiere;
  • fondo di previdenza del clero secolare e dei ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla cattolica.

In base a quanto previsto dalla riforma delle pensioni, l'aumento quattordicesima non spetta, invece, alle pensioni erogate da enti di previdenza privati come Inpgi, Enasarco o le Casse di Previdenza dei Professionisti.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?