Permessi 104 dipendenti pubblici: preavviso 3 giorni come funziona?

3 giorni di preavviso per la fruizione dei permessi legge 104 dipendenti pubblici cos'è e come funziona nuove regole con il rinnovo contratto statali Aran

Stampa

Con il rinnovo contratto statali, potrebbe arrivare una stretta anche sui permessi legge 104 per i dipendenti pubblici.

Secondo quanto auspicato dall’Aran, l’agenzia incaricata di gestire il rinnovo del contratto per conto dell’esecutivo, il rinnovo contratto statali oltre che riguardare l’aumento stipendio PA fino a 85 euro e la stretta sulle visite fiscali dipendenti pubblici, dovrebbe anche considerare l’ipotesi di introdurre una nuova regolamentazione sulla legge 104/92 e nello specifico, sui permessi 104.

Le nuove disposizioni, secondo l’Aran, dovrebbero pertanto prevedere l’introduzione dell’obbligo di preavviso di 3 giorni per i dipendenti pubblici che intendono fruire dei permessi retribuiti legge 104, al fine di  favorire la giusta ed ottimale organizzazione del lavoro da parte dell'Amministrazione.

La novità, segnalata dall’agenzia all’ultimo con i sindacati con l’Aran, NON è ancora legge. 

Vediamo quindi nel dettaglio cos’è e come funziona l’obbligo di preavviso di 3 giorni per i permessi 104 dipendenti pubblici.

 

Rinnovo contratto statali 2017/2018:

Dopo che la trattativa sul rinnovo contratti statali è terminata con la firma dell’accordo quadro tra sindacati e la ministra Madia, l'iter della riforma Pa Madia continua incessante e dopo la conferma che la riforma, sbloccherà il rinnovo dei contratti per gli statali con l'aumento di stipendio fino ad 85 euro lordi, il cui netto sarà intorno ai 56-60 euro, da calcolare però in maniera proporzionale in base ai redditi del dipendente, per cui maggiore è il reddito e minore è il bonsu 85 euro, è arrivata ora la tanto sospirata stretta sulle visite fiscali dipendenti pubblici.

Dal 1° settembre 2017, è infatti entrato in vigore il cd. Polo unico visite fiscali dell'Inps, che ha portato il passaggio del controllo medico fiscale dalla mutua-ASL all'INPS, a visite ripetute (solo nei confronti dei dipendenti pubblici) per lo stesso periodo indicato sul certificato medico, soprattutto se la malattia ricade nei giorni prima o dopo i gironi di riposo, festivi o grandi eventi.

Dopo tutte queste novità, l'Aran, l’agenzia incaricata di gestire il rinnovo del contratto per conto dell’esecutivo, ha aumentato il tiro auspicando che nel rinnovo contratti statali 2017/2018 possano trovare posto anche le nuove regole permessi retribuiti 104 per i dipendenti pubblici.

Ecco cosa vorrebbe fare e cambiare l'Aran circa i permessi 104.

 

Permessi 104 dipendenti pubblici: nuove regole

In base a quanto emerso dall'ultima riunione tra sindacati e l'ARAN, l'Agenzia che rappresenta il Governo, in vista del rinnovo del contratto dei pubblici dipendenti 2017/2018, sarebbe auspicabile introdurre anche una nuova regolamentazione alla fruizione dei permessi legge 104 per i dipendenti pubblici.

La Legge 104/92 prevede che il diritto a fruire dei permessi 104 Inps, sia riconosciuto a:

  • Lavoratori dipendenti pubblici e privati, ai lavoratori delle imprese dello Stato, degli Enti Pubblici e degli Enti locali privatizzate;
  • Persone con disabilità grave che lavorano come dipendenti;
  • Genitori lavoratori dipendenti di figli con disabilità grave con agevolazioni e modalità di fruizione diverse per i bambini con età inferiore a 3 anni e superiore a 3 anni;
  • Genitori, coniuge, parenti o affini entro il 2° grado che lavorano come dipendenti pubblici e privati.

A tali lavoratori,  la legge prevede attualmente 3 giorni di permesso retribuiti legge 104/1992, che possono tra l'altro essere anche frazionati in ore, in modo diverso a seconda che il contratto di lavoro sia full time o part time.

Secondo l'ARAN, questi 3 giorni di permesso lavoro, dovrebbero avere nuove regole in materia di preavviso, al fine di apportare miglioramenti all'organizzazione del lavoro da parte dell'Amministrazione.

Nuove regole ai permessi 104 dipendenti pubblici, potrebbero quindi arrivare presto con il rinnovo dei contratti statali 2017/2018.

 

Preavviso 3 giorni permessi 104 dipendenti pubblici: cos'è?

La questione della comunicazione e/o preavviso al datore di lavoro per la fruizione dei permessi legge 104, sanciti dall'articolo 33 della Legge 104/1992, non ha mai avuto delle disposizioni formali, chiare e trasparenti.

Il tema del preavviso e della sua comunicazione, infatti, sono stati affrontati solo da qualche circolare dell'Inps e della Funzione Pubblica, l'ultima in ordine cronologico, è stata infatti la circolare 13 del 6 Dicembre 2010 del Dipartimento della Funzione Pubblica, dove al punto 7, è specificato quanto segue:

"Salvo dimostrate situazioni di urgenza, per la fruizione dei permessi, l'interessato dovrà comunicare al dirigente competente le assenze dal servizio con congruo anticipo, se possibile con riferimento all'intero arco temporale del mese, al fine di consentire la migliore organizzazione dell'attività amministrativa".

 

Per cui il preavviso di 3 giorni, è una pratica già applicata all'interno delle PA che va comunque messa nero su bianco, al fine di "garantire la funzionalità degli uffici e la migliore organizzazione dell’attività amministrativa”.

L'ipotesi è anche quella di ridurre l'obbligo di preavviso in caso di urgenza o necessità.

Preavviso permessi 104: cos'è?  E' la nuova proposta dell’Aran che potrebbe essere inserita nel decreto circa il rinnovo dei contratti per gli statali.

Secondo la suddetta proposta, i 3 giorni di permesso legge 104/92 per la tutela dei lavoratori con gravi disabilità o che assistono familiari con handicap, dovrebbero prevedere l'obbligo di preavviso di 3 giorni per i dipendenti pubblici che intendono fruire del beneficio con conseguente consegna di un'apposita ed obbligatoria comunicazione all'Amministrazione Pubblica.

 

3 giorni di preavviso legge 104 dipendenti pubblici: come funziona?

3 giorni di preavviso permessi 104 dipendenti pubblici come funziona: Se quanto auspicato dall'Aran, dovesse trasformarsi in realtà e quindi legge da inserire tra le nuove disposizioni del rinnovo contratto statali, i dipendenti pubblici che hanno diritto ai permessi legge 104, per fruire dei loro giorni o ore di permesso, avranno l'obbligo di comunicare con i giorni di permesso con un preavviso di 3 giorni.

Al fianco all'obbligo di comunicazione e preavviso all'Amministrazione Pubblica, prevista dall'Aran, la possibilità di ridurre il periodo di preavviso, in caso di particolare e comprovata urgenza e necessità.

In pratica, per i dipendenti pubblici che hanno già richiesto il giorno di permesso o per quelli che devono fruirlo immediatamente, è concessa una certa flessibilità, rispetto a quella che sarebbe la norma generale, a condizione però che vi sia un difficoltà peculiare e certificata.

Fai parte di una Unione Civile o convivi? Lo sai che puoi richiedere anche tu, i permessi 104 unioni civili e conviventi.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?