Pensione anticipata Inps 2018: donne uomini requisiti, domanda importo

Pensione anticipata 2018 INPS requisiti donne e uomini età e contributi, calcolo importo sistema retributivo, contributivo e misto, come fare la domanda

Stampa

La pensione anticipata INPS, è una prestazione economica che l'Istituto eroga, previa presentazione di una apposita domanda e possesso dei requisiti, ai lavoratori dipendenti e autonomi iscritti all'AGO, Assicurazione generale obbligatoria, o ad altre forme pensionistiche integrative o sostitutive, la cui pensione viene calcolata sul sistema contributivo, retributivo o misto nonché agli iscritti alla Gestione separata.

Vediamo quindi cos'è e come funziona la pensione anticipata Inps 2018, come si calcola l'importo, quant'è la riduzione percentuale per chi lascia in anticipo il lavoro, a che età e a quali condizioni, donne e uomini, possono accedere alla pensione prima del perfezionamento dei requisiti per la pensione di vecchiaia o anzianità. 

 

Pensione anticipata INPS: cos'è?

Che cos'è la pensione anticipata INPS? La pensione anticipata inps, è uno strumento che consente di ottenere un assegno pensione in anticipo rispetto ai requisiti anagrafici, ai lavoratori dipendenti e autonomi iscritti all'Assicurazione generale obbligatoria, o ad altre forme pensionistiche integrative o sostitutiva che presentano domanda.

La concessione della prestazione economica da parte dell'INPS ai suddetti lavoratori è subordinata alla verifica del possesso dei requisiti anagrafici e contributivi necessari ad accedere alla pensione anticipata calcolata sul sistema contributivo, retributivo o misto.

 

Pensione anticipata Inps 2018 donne e uomini:

1) Soggetti in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995:

Dal 1° gennaio 2012, le persone con anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, possono fruire della pensione anticipata se in possesso della seguente anzianità contributiva:

Requisiti età pensione anticipata uomini:

dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012: servono 42 anni e 1 mese;

dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013: occorrono 42 anni e 5 mesi;

dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015: 42 anni e 6 mesi;

dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016: 42 anni e 6 mesi;

dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2018: 42 anni e 10 mesi.

dal 1° gennaio 2019: 42 anni e 10 mesi.

 

Requisiti età pensione anticipata donne:

dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012: 41 anni e 1 mese;

dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013: 41 anni e 5 mesi;

dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015: 41 anni e 6 mesi;

dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016: 41 anni e 6 mesi;

dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2018: 41 anni e 10 mesi;

dal 1° gennaio 2019: 41 anni e 10 mesi.

Ai fini di calcolo del requisito contributivo di anzianità, sono validi i contributi versati o accreditati a qualsiasi titolo, purché vi sia il raggiungimento di 35 anni di contribuzione utile alla pensione di anzianità.

Per i lavoratori che fanno domanda di pensione anticipata aventi un età inferiore a 62 anni, l'INPS, applica una riduzione di 1 punto percentuale per ogni anno di anticipo alla pensione rispetto ai 62 anni. Tale riduzione percentuale aumenta a 2 punti per ogni anno ulteriore ai 2 anni di anticipo ma non si applica ai lavoratori che accedono alla pensione anticipata dal 1° gennaio 2015 e che raggiungono il requisito contributivo entro il 31 dicembre 2017.

 

2) Soggetti con primo accredito contributivo a decorrere dal 1° gennaio 1996:

Dal 1° gennaio 2012, i lavoratori con 1° accredito contributivo a partire dal 1° gennaio 1996, possono accedere alla pensione anticipata in presenza delle seguenti condizioni:

a) secondo i seguenti requisiti contributivi:

Requisiti contributivi pensione anticipata uomini:

dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012: servono 42 anni e 1 mese;

dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013: occorrono 42 anni e 5 mesi;

dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015: 42 anni e 6 mesi;

dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016: 42 anni e 6 mesi;

dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2018: 42 anni e 10 mesi.

dal 1° gennaio 2019: 42 anni e 10 mesi.

 

Requisiti contributivi pensione anticipata donne:

dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012: 41 anni e 1 mese;

dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013: 41 anni e 5 mesi;

dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015: 41 anni e 6 mesi;

dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016: 41 anni e 6 mesi;

dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2018: 41 anni e 10 mesi;

dal 1° gennaio 2019: 41 anni e 10 mesi.

 

b) Al compimento di 63 anni:

a patto di aver versato almeno 20 anni di contributi effettivi e chel’importo della prima rata di pensione non sia inferiore ad un importo minimo pari a 2,8 volte l’ammontare mensile dell’ assegno sociale. Per maggiori informazioni leggi: come funziona l'APE, Anticipo pensionistico 2018.

 

Pensione anticipata Inps 2018: come si calcola l'importo?

Calcolo pensione anticipata 2018: L'importo della pensione anticipata Inps si calcola in modo diverso a seconda che il contribuente abbia iniziato a lavorare prima o dopo il 31 dicembre 1995, data di introduzione della Riforma Dini sulle pensioni che ha previsto il calcolo assegno pensione sul metodo contributivo. Pertanto, a seconda della data di inizio dell'attività lavorativa, cambia il sistema di calcolo dell’importo della pensione: 

  • Calcolo importo pensione con il sistema contributivo: per chi ha iniziato a lavorare dopo il 31 dicembre ’95.
  • Calcolo importo pensione con il sistema retributivo: per chi al 31 dicembre 1995 ha maturato 18 anni di contributi versati.
  • Calcolo importo pensione con il sistema misto: per chi alla fine del 1995, non ha maturato i 18 anni di contributi. In questo caso si applica il retributivo per la quota maturata fino a fine del 1995 e il contributivo per le anzianità maturate successivamente.

 

Domanda pensione anticipata INPS:

Come fare domanda di pensione anticipata INPS? Il lavoratore per presentare la domanda di anticipo pensione, può:

  • presentarla direttamente per via telematica accedendo ai servizi INPS tramite PIN online dispositivo.
  • chiamando il Contact Center INPS al numero 803164 gratuito da rete fissa o al numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico, abilitati ad acquisire le domande di prestazioni ed altri servizi;
  • presentarla mediante Patronato e intermediari autorizzati dall’INPS alla trasmissione per via telematica delle domande.

 

Da quando parte il primo pagamento?

La pensione anticipata INPS parte dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

Per cui verificati i requisiti, l'INPS provvede ad erogare il bonifico per l'accredito pensione, se la domanda si presenta il 1 febbraio 2018, la prima pensione parte dal 1 marzo 2018.
Attenzione: ai fini di concessione della pensione anticipata, la prestazione è subordinata alla cessazione del rapporto di lavoro dipendente mentre non è richiesta la cessazione dell'attività svolta in qualità di lavoratore autonomo.

Per maggiori approfondimenti INPS: a) Requisiti lavoratori privati dipendenti e b) Requisiti lavoratori autonomi.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili