Saltati orari unici Visita fiscale, rimangono fasce orarie diverse

Saltate le fasce uniche di reperibilità malattia per pubblici e privati come previsto dalla riforma PA Madia addio all'armonizzazione, invariati gli orari

Stampa

Saltano gli orari unici visite fiscali per pubblici e privati.

Per scoraggiare e dissuadere i cd. furbetti della malattia del weekend, ossia, quei dipendenti del Pubblico Impiego e Statali che si ammalano proprio in corrispondenza del venerdì e del lunedì, la riforma PA Madia, ha previsto le seguenti novità in materia di visite fiscali:

- il passaggio delle visite fiscali dall’ASL all’INPS, sotto il Polo Unico Inps.

- Visite fiscali ripetute. Fino ad oggi, infatti, la normativa sulle visite fiscali dei dipendenti pubblici, vietava una seconda visita fiscale nei confronti dei lavoratori già sottoposti a controlli durante uno stesso periodo di malattia coperto dal certificato medico;

- Entrata in vigore del decreto Madia e del nuovo regolamento visite fiscali dipendenti pubblici 2019.

- Unificazione delle fasce di reperibilità malattia: in base a tale novità, le ore durante le quali farsi trovare a casa al fine di consentire la visita fiscale da parte dell’INPS sono oggi 7 per i dipendenti pubblici e 4 per quelli privati. Con l’approvazione della Riforma PA, invece, le fasce di reperibilità dipendenti pubblici e privati saranno 7 ore per tutti e forse: dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Tale norma, è saltata all'ultimo minuto.

- Un’altra novità riguarda poi gli invalidi lavoratori dipendenti che attualmente non hanno l’obbligo di rispettare le fasce reperibilità in caso di assenza per malattia.

Dal 2018, sono state introdotte delle importanti novità che riguardano le nuove soglie di percentuale di invalidità oltre le quali i lavoratori sono inclusi o esclusi dall’obbligo di reperibilità durante le fasce orarie delle visite fiscale: 67% per i dipendenti privati e pubblici.

Andiamo a vedere tutte le novità visite fiscali 2019 introdotte dalla recente Riforma PA Madia.

 

Visite fiscali ripetute: cosa significa?

Cosa significa che le visite fiscali saranno ripetute?

In base all’art. 2 del D.M. n.206/2009, sono esclusi dall’obbligo di reperibilità malattia, i dipendenti pubblici nei confronti dei quali è stata già effettuata la visita fiscale per il periodo di prognosi indicato nel certificato medico.

In base a tale normativa, pertanto, la visita fiscale dipendenti pubblici Statali e Pubblico Impiego, non può essere effettuata per 2 volte per lo stesso evento morboso.

Ciò significa che se il lavoratore ha un certificato medico che attesta un’assenza dal lavoro per malattia per 10 giorni e se il controllo arriva il primo giorno di assenza, negli altri 9 giorni, potrebbe uscire di casa senza rispettare le fasce di reperibilità, visto che per legge è vietata una seconda visita.

Dunque è possibile mandare solo 1 sola visita medica di controllo a certificato, fatta eccezione dei casi di prolungamento della malattia, in quanto per legge, possono prevedere una successiva visita medica di controllo.

Cosa cambia con la Riforma Madia? Che sulla base delle nuove regole le visite fiscali il controllo può essere ripetuto più volte in un periodo coperto dallo stesso certificato medico di malattia.

 

Fasce uniche di reperibilità malattia uniche: salta la norma

Sulla base delle novità della riforma della Pubblica Amministrazione cd. riforma PA Madia, sarebbe dovuta entrare l’unificazione degli orari delle visite fiscali per i dipendenti pubblici e privati.

Attualmente, infatti:

  • gli orari visite fiscali per i dipendenti pubblici sono 7: dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 18;
  • gli orari visite fiscali per i privati sono 5: dalle ore 9 alle 12 e dalle 16 alle 19.

Cosa sarebbe dovuto cambiare per le visite fiscali con la riforma PA? Che sarebbe dovuta entare in vigore l'armonizzazione degli orari per effettuare la visita fiscale nei confronti dei dipendenti pubblici e privati. In pratica, le ore di reperibilità obbligatorie da rispettare in malattia sarebbero dovute diventare 6 o 7 ore per tutti.

Perciò, per effetto della Riforma PA, quali sarebbero potuti essere i nuovi orari visite fiscali per privati e pubblici?

  • forse 7 ore di reperibilità malattia per tutti e,
  • forse, nuovi orari visite fiscalidalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 per tutti.

 

Esonero visita fiscale invalidi pubblici e privati: stessa soglia al 67%

Un altro ambito della visita fiscale che ha risentito dei cambiamenti della riforma Madia, riguarda l’esonero dall’obbligo di reperibilità malattia per i dipendenti invalidi.

Prima la soglia di percentuale invalidità che dava diritto all’esclusione dalla visita fiscale variava a seconda che il lavoratore fosse un dipendente pubblico o privato:

- se pubblico dipendente la soglia di esonero era al 35% di invalidità;

- se privato, la soglia aumentava al 67% di invalidità. Vale la pena ricordare anche che la possibilità di esonero dall’obbligo della visita fiscale i lavoratori privati invalidi con percentuale pari o superiore al 67%, è stato un successo molto recente, ottenuto grazie al Jobs Act. Per maggiori informazioni vedi esonero visita fiscale 2019 privati.

Cosa cambia con la riforma Madia? Che la percentuale di invalidità che serve ai dipendenti pubblici per essere esonerati dall’obbligo di reperibilità malattia, è pari o inferiore al 67%.

 

Polo Unico INPS pubblici e privati:

Attualmente la normativa delle visite fiscali prevede un diverso sistema per richiedere ed effettuare il controllo della reperibilità dei lavoratori assenti per malattia.

Infatti, esistono 2 tipologie di enti preposti al controllo:

  • ASL per i dipendenti pubblici;
  • INPS per i dipendenti privati.

Cosa cambia con la riforma Madia? E' cambiato l'ente preposto alle visite, in quanto è stato istituito il Polo Unico INPS 2019 che si occupa di effettuare le visite fiscali per tutti i lavoratori dipendenti sia pubblici che privati.

Per sapere cosa cambia per le visite fiscali?

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?