Naspi Scuola 2018: domanda disoccupazione precari cos'è come funziona?

Naspi Scuola 2018, docenti e supplenti precari cos'è e come funziona la domanda di disoccupazione Inps, requisiti, come fare e quando arrivano i soldi

Stampa

Naspi scuola 2018: a partire dal 1° luglio in poi, i precari della scuoladocenti e supplenti, i cui contratti di lavoro terminano il 30 giugno, possono iniziare a presentare le domande per il riconoscimento dell’indennità di disoccupazione Inps.

Vediamo quindi cos’è e come funziona la naspi scuola, quali sono i requisiti richiesti per poter accedere all’indennità di disoccupazione, come e quando si richiede all’INPS e quanto spetta.

 

Naspi Scuola: cos’è e come funziona?

Che cos'è la Naspi scuola? La Naspi scuola, è l’indennità di disoccupazione che spetta ai docenti e supplenti precari della scuola il cui contratto termina il 30 giugno. Dal giorno successivo al termine del contratto, i docenti e supplenti, possono presentare la domanda all'Inps.

Come funziona la Naspi scuola? La naspi scuola, funziona così: i precari della scuola per vedersi riconosciuta l’indennità di disoccupazione NASPI 2018, devono essere in possesso di determinati requisiti e presentare la domanda entro 68 giorni dal termine del contratto e rendere la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro all’INPS per via telematica, entro un termine ben preciso e poi presentarsi al Centro per l’Impiego, per la sottoscrizione del cd. Patto di servizio personalizzato.

 

A chi spetta la Naspi scuola 2018? Requisiti:

A chi spetta la Naspi Scuola 2018? La Naspi scuola è l'indennità che spetta ai docenti e supplenti precari della scuola, previo invio telematico della domanda di disoccupazione all'Inps a partire dal 1° luglio, a patto però, di essere in possesso dei requisiti Naspi fissati dalla legge.

requisiti NASPi Scuola 2018 sono:

1) Stato di disoccupazione: il riconoscimento dello status di disoccupato presuppone altri 3 sotto requisiti:

  • l'essere privi di occupazione perché licenziati contro la propria volontà, tale condizione per i docenti precari si ha con il termine del contratto di lavoro per la scuola, o perché dimessi per giusta causa o licenziati in periodi tutelati dalla maternità, o perché c'è stata una risoluzione consensuale conciliativa presso la DTL, perché è stata accetta un’offerta d licenziamento, o se c'è stato per il rifiuto da parte del lavoratore al trasferimento presso un’altra sede dell’azienda distante più di 50 km dalla propria residenza o perché raggiungibile in oltre 80 minuti con mezzi pubblici.
  • aver reso la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro all'Inps, al Centro per l'Impiego o tramite Portale Unico Registrazione disoccupati;
  • essere attivo nella ricerca di lavoro, secondo le regole del patto di servizio personalizzato, sottoscritto presso il Centro per l'Impiego.

2) aver versato almeno 13 settimane di contributi nei 4 anni precedenti l'evento di disoccupazione involontaria;

3) avere effettuato almeno 30 giornate di lavoro effettivo, negli ultimi 12 mesi prima del licenziamento.

 

Come fare domanda di disoccupazione Naspi Scuola 2018 e documenti:

Sei un docente o un supplente precario, ecco le istruzioni su come fare domanda di disoccupazione naspi Scuola 2018:

La domanda per il riconoscimento dell'indennità di disoccupazione deve essere presentata all'INPS, esclusivamente in via telematica, mediante uno dei seguenti canali:

  • via WEB: accedendo ai servizi telematici dell'Istituto tramite il proprio PIN Inps dispositivo;
  • Numero verde INPS – INAIL: n. 803164 gratuito da rete fissa oppure n. 06164164 da rete mobile;
  • Enti di Patronato.

A prescindere dal canale utilizzato per presentare la domanda Naspi scuola, il docente o il supplente precario, deve far compilare, o compilare lui direttamente, e trasmettere il modulo domanda naspi com per via telematica utilizzando il seguente percorso: Home > Servizi Online > Elenco di tutti i Servizi  > Servizi per il cittadino> Invio domande prestazioni a sostegno del reddito (Sportello virtuale per i servizi di informazione e richiesta di prestazione) > NASpI.

Ricordiamo che al modulo domanda il docente precario con contratto a termine deve allegare i seguenti documenti NASPI Scuola 2018:

  • Documento d’identità in corso di validità;
  • Codice fiscale; 
  • Copia del cedolino con IBAN;
  • Modulo SR163 compilato e timbrato, è il documento che la banca o la posta deve firmare, per l’accredito del bonifico. Tale documento serve quindi ai fini di pagamento della Naspi.
  • Data inizio e fine del contratto di lavoro a termine;
  • Denominazione e luogo dell’ultimo datore di lavoro; 
  • Numero di telefono;
  • Indirizzo email;
  • Autocertificazione residenza.

 

Domanda Naspi precari della scuola: da quando?

Domanda naspi precari della scuola da quando: Il docente o il supplente precario per ottenere il riconoscimento dell'indennità di disoccupazione, deve presentare l'apposita domanda per via telematica all'INPS.

Al fine di ottenere la prestazione, è tenuto a presentare la domanda, pena la decadenza, entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

Da quando è possibile richiedere la NASPI scuola? I docenti e supplenti precari della scuola che terminano il contratto il 30 giugno, possono iniziare a presentare le domande dal 1° luglio.

 

Pagamento NASPI Scuola: quando arrivano i soldi?

Sebbene l'anno scorso vi siano stati molti ritardi nei pagamenti dell'indennità di disoccupazione ai docenti precari della scuola, a causa delle nuove procedure, quest'anno, le cose dovrebbero essere tutt'altra cosa.

Per cui quest'anno, a seconda di quando il precario scuola presenta la domanda, parte il pagamento dell'indennità di disoccupazione Naspi Scuola:

  • se la domanda è presentata entro 8 giorni dal licenziamento: l''indennità è pagata a partire dall'8° giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro;
  • se dopo 8 giorni dal licenziamento: la disoccupazione parte dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda;
  • se dopo 8 giorni a causa di malattia, maternità o infortunio: il pagamento parte dall’ottavo giorno successivo al termine dell’evento.

 Vuoi sapere ora come si calcola l'importo NASPI 2018 e quanto spetta?

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?