Scadenza modello 730 precompilato 2018: per chi è e quando?

Modello 730 precompilato scadenza al 23 luglio per tutti i contribuenti che usano la dichiarazione dei redditi precompilata anche Caf e intermediari

Stampa

Modello 730 precompilato 2018 scadenza 23 luglio 2018: la nuova scadenza per l'invio della dichiarazione dei redditi 2018 anno 2017 è sia per chi invia da solo la precompilata e per chi si avvale dell'assistenza fiscale di un CAF o intermediario, per la sua trasmissione che per chi trasmette il 730 ordinario tramite CAF o intermediario.

La proroga strutturale dei termini per la presentazione della dichiarazione dei redditi tramite 730 precompilato al 23 luglio, è stata resa ufficiale con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della nuova legge di Bilancio 2018.

Vediamo quindi per chi è la scadenza 730 precompilato al 23 luglio, cosa cambia per i contribuenti, sostituti di imposta, intermediari, il fatto che la scadenza 730 precompilato è slittata di così tanti giorni?

 

Modello 730 precompilato nuova scadenza:

Nuova scadenza modello 730 precompilato 2018: la scadenza del 730 precompilato in questi anni ha subito diverse modifiche, l'ultima in ordine di tempo, è quella prevista dalla nuova Legge di Bilancio 2018.

In base a quanto previsto dal suddetto decreto, che ricordiamo deve essere ancora approvato in va definitiva, la nuova scadenza 730 precompilato è al 23 luglio sia per chi consegna da solo la precompilata che per tutti quelli che si avvalgono dell'intermediario per la modifica/integrazione o il semplice invio all'Agenzia delle Entrate oltre che per il 730 precompilato Inps 2018.

 

Nuova scadenza 730 precompilato: per chi è?

Nuova scadenza 730 precompilato 2018 per chi è?

Sulla base di quanto previsto dall'emendamento approvato alla Manovra di Bilancio 2018, ecco le nuove scadenze 730:

Scadenza 23 luglio 2018 è per:

1) CAF e professionisti abilitati che prestano l'assistenza fiscale ai contribuenti nella compilazione e/o trasmissione del modello 730 precompilato. Abolito dal 2018, il vincolo di elaborare almeno l’80% di modelli, sia per il modello 730 precompilato che per il 730 ordinario.

2) Contribuenti: che scelgono di trasmettere da SOLI la propria dichiarazione dei redditi precompilata, previa accettazione ed invio del modello 730 precompilato, sia per chi si avvale dell'assistenza fiscale.

Scadenza 730 ordinario al 9 luglio 2018 è invece per chi presenta il 730 ordinario tramite il proprio sostituto d'imposta.

 

Invariate le altre scadenze per la dichiarazione precompilata:

Vista l'imminente ufficializzazione della nuova scadenza 730 precompilato 2018, cambieranno anche le altre scadenze?

No, le altre scadenze sono rimangono nvariate, in particolare:

  • dal 16 aprile 2018 al 2 maggio: l'Agenzia delle Entrate renderà disponibile, nel cassetto fiscale dei contribuenti accessibile solo con codice PIN, il 730 precompilato o l'Unico precompilato, i cui modelli dichiarativi potranno essere consultati e verificati.
  • dal 2 maggio al 23 luglio: i contribuenti possono agire sui dati dichiarati sul 730 precompilato e modificare/integrare le spese, accettare ed inviare online la propria dichiarazione dei redditi precompilata, operazione questa che l'anno scorso, ha coinvolto circa il 94,9% dei contribuenti, percentuale che per questo 2018 dovrebbe risultare ridotta, in quanto sulla precompilata, sono stati inseriti moltissimi nuovi dati come ad esempio: spese asilo, bonifici ristrutturazioni, spese mediche, bonus casa e mobili, spese sanitarie e farmaci da banco, spese d'istruzione, contributi, assicurazioni, spese funebri ecc.

Si ricorda inoltre che prima di accettare ed inviare il proprio 730 precompilato, è meglio sempre verificare la correttezza delle informazioni riportate nella dichiarazione, onde evitare errori, sanzioni ed eventuale restituzione bonus 80 euro, per questi motivi, in caso di dubbio è possibile rivolgersi a CAF, commercialisti, associazioni di categoria, sostituti di imposta ecc.

Per maggiori informazioni leggi anche l'approfondimento sulla nuova scadenza 730 dal 2018.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili