Legge di bilancio 2019 testo Senato: cosa cambia e ultime novità

Legge di bilancio 2019 testo Senato arriva reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza, quota 100 pace fiscale saldo e stralcio e pensioni d'oro

Stampa

Legge di bilancio 2019 testo al Senato arrivano reddito di cittadinanza e pensioni di cittadinanza, Quota 100 e pace fiscale saldo e stralcio? Ecco quali dovrebbero essere le nuove misure inserite dal governo gialloverde al testo maxiemendamento Legge di Bilancio 2019 al passaggio in Senato, dopo ottenuta la fiducia dalla Camera.

Tra le ultimissime novità apprese dopo il vertice di governo a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte, Matteo Salvini, Luigi di Maio e Riccardo Fraccaro ed il grande assente Giovanni Tria, c'è appunto la conferma che dalle stime effettuate finora, potrebbero essere inferiori sia per il reddito di cittadinanza che per Quota 100 al netto della platea dei beneficiari.

Nella legge di Bilancio 2019 Senato arriveranno quindi gli emendamenti delle misure cardine del M5s e della Lega?

Quello che sappiamo finora è che c'è una nuova tabella di marcia per la loro introduzione:

  • reddito di cittadinanza da marzo 2019;
  • pensione di cittadinanza da febbraio 2019;
  • pensioni Quota 100 da aprile 2019.

Tra le novità che saranno introdotte al testo maxiemendamento Legge di Bilancio 2019, ci sarà con molta probabilità anche la pace fiscale Saldo e stralcio al 15% per le cartelle minori, non ci sarà la tassa sulle auto perché all'interno della Manovra ci sarà un bonus per chi acquista auto non inquinanti ma la partita è ancora tutta da giocare, ci sarà il taglio delle pensioni d’oro che entrerà nella manovra economica già la prossima settimana portando ad un taglio dal 25% al 40%.

Andiamo quindi a conoscere le ultime novità della Manovra economica finanziaria che arriveranno al Senato.

 

Legge di bilancio 2019 testo Senato: reddito di cittadinanza e Quota 100

Il governo incassa la fiducia alla Camera con 330 sì, 219 no e un astenuto ed approva il testo del maxiemendamento alla Legge di Bilancio 2019.

Il testo ora passa al Senato dove sarà riscritto soprattutto in vista della presentazione degli emendamenti per il reddito di cittadinanza e pensioni Quota 100 che dovranno tenere conto delle correzioni richieste da Bruxelles.

Legge di bilancio 2019 Senato arrivano gli emendamenti del reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza e Quota 100: in base a quanto appreso nelle ultime ore e dopo il vertice di governo a Palazzo Chigi, con il passaggio al Senato della nuova Manovra, il testo della legge di Bilancio 2019 si arricchirà finalmente delle misure cardine del M5s e della Lega: reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza e Quota 100.

Il testo maxiemendamento Legge di Bilancio 2019 al Senato, arriverà in Aula il prossimo mercoledì, dopo aver ottenuto la fiducia alla Camera.

Tra le ultimissime novità che dovrebbero arrivare con il passaggio del testo della Legge di Bilancio 2019 in Senato, sono gli emendamenti riguardanti:

  • il reddito di cittadinanza 2019 partirà da marzo 2019in quanto dagli ultimi calcoli pare che le risorse necessarie per avviare il reddito di cittadinanza, si siano ridotte rispetto alle stime iniziali. Inoltre il governo è a lavoro per far diventare la misura una misura "attiva" ovvero l'assegno di 780 euro potrà essere incassato per 5 mesi dalle aziende che assumeranno il lavoratore beneficiario dell'RdC mentre in casi particolari, ad esempio donne e disabili, il contributo potrebbe restare all'impresa per 6 mesi. Pronto da gennaio 2019, il sito ufficiale reddito di cittadinanza per presentare le domande online.
  • la pensione di cittadinanza da febbraio 2019: le pensioni sociali con l'aumento delle pensioni minime e a 780 euro, partiranno da febbraio e non più da gennaio, in modo da ottenere un abbassamento dei costi della Manovra, come richiesto dall'Ue.
  •  pensioni Quota 100 da aprile 2019: come nel caso del reddito di cittadinanza, i costi ipotizzati inizialmente sono inferiori rispetto agli studi ultimi nonostante il mantenimento della stessa platea di beneficiari. Per ridurre il costo, il governo, è a lavoro per inserire una clausola di salvaguardia che porti ad allungare da 3 a 6 mesi, il periodo che intercorre tra il pensionamento e l'erogazione dell'assegno di pensione solo per l'anno 2019. Quota 100 inoltre sarà una misura sperimentale che partirà da aprile 2019 ma non per tutti i lavoratori, gli statali infatti dovranno attendere 6 mesi dalla maturazione dei requisiti di età + contributi, per cui potranno richiedere il pensionamento anticipato non prima di ottobre 2019.

Tra le altre novità che saranno introdotte al testo maxiemendamento Legge di Bilancio 2019, ci sarà poi la famosa pace fiscale Saldo e stralcio 15% per le cartelle minori, non ci sarà la tassa auto nuove 2019 perché all'interno della Manovra ci sarà un bonus per chi acquista auto non inquinanti ma la partita sui disincentivi alle auto più inquinanti è ancora tutta da giocare.

Nella Legge di Bilancio 2019 al Senato arriverà anche il taglio delle pensioni d’oro che entrerà in manovra già la prossima settimana portando ad un taglio dal 25% al 40% dell'assegno pensione sopra i 90.000 euro e presente anche un emendamento che prevede il taglio graduale dei fondi all'editoria per arrivare a zero entro il 2020.

Dal M5S proposta l'ipotesi di pagare i premi di produzione degli statali in Btp.

 

Legge di bilancio 2019 al Senato arriva la pensione di cittadinanza:

Legge di bilancio 2019 al Senato arriva il reddito di cittadinanza e la pensione di cittadinanza: ebbene si, finalmente nel testo della legge di Bilancio al suo passaggio al Senato, si arricchirà delle misure bandiera del Movimento 5 stelle: reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza.

La conferma arriva dopo al termine del vertice di governo a Palazzo Chigi dal vicepremier Luigi Di Maio che a riunione finita ha detto "potrebbero servire meno soldi" per reddito di cittadinanza e quota 100 pur mantenendo la stessa platea. Quindi a febbraio la pensione minima sarà alzata a 780 euro e partirà quota 100 e a marzo partirà il reddito di cittadinanza".

Legge di Bilancio 2019 pensione di cittadinanza: in base a quanto affermato da Di Maio, la prima misura quindi ad essere avviata in ordine cronologico, sarà la pensione di cittadinanza 2019, anche se rispetto alla data iniziale annunciata, gennaio 2019, è stata rinviata di 1 mese per permettere d abbassare il costo della Manovra e farla piacere di più a Bruxelles.

Per cui grazie alla pensione di cittadinanza da febbraio 2019 scatterà l'aumento pensioni a 780 euro per tutti i pensionati che hanno un assegno di pensione al di sotto della soglia di povertà calcolata dall'ISTAT in 780 euro. 

La pensione di cittadinanza spetta quindi da febbraio 2019 a titolari di pensione:

  • pensione minima;
  • invalidi civili;
  • assegno sociale;
  • pensione di reversibilità,

purché il reddito ISEE 2019 del pensionato non sia superiore a 9.360 euro annui.

 

Legge di bilancio 2019 Reddito di cittadinanza arriva al Senato:

La Legge di bilancio 2019 al Senato si dovrebbe arricchire anche dell'emendamento reddito di cittadinanza per i disoccupati, inoccupati e per coloro che pur avendo un reddito da lavoro, questo risulta essere più basso di 780 euro netti al mese.

Se non sarà così, la misura sarà inserita in un decreto collegato alla legge di Bilancio.

Il Reddito di cittadinanza è quindi lo strumento che il Movimento 5 stelle ha scelto già dal 2013 come misura contro la povertà, la disuguaglianza e l’esclusione sociale, come promozione del diritto al lavoro e della formazione professionale mediante politiche finalizzate al sostegno economico e all’inserimento sociale di tutte le persone a rischio emarginazione sociale che nel mondo lavorativo.

A tal fine Di Maio ha confermato anche la volontà del governo di voler istituire una nuova figura istituzionale chiamata Navigator, assunta tramite colloquio, che avrà il compito di prendere in affido dal Centro per l'Impiego, il beneficiario del reddito di cittadinanza, di formarlo e traghettarlo verso il nuovo lavoro. 

In base alle ultime notizie, è confermato l'avvio del reddito di cittadinanza 2019 da marzo e da gennaio 2019 l'avvio del sito ufficiale reddito di cittadinanza domanda online.

 

Legge di bilancio 2019 al Senato arriva Quota 100:

Legge di Bilancio 2019 Quota 100 al Senato: tra le novità che dovrebbero arrivera con il passaggio del testo della legge di Bilancio 2019 al Senato, ci sono poi le pensioni Quota 100 come misura atta a favorire il pensionamento anticipato, limitando così, a detta del governo gialloverde, i danni provocati dalla legge Fornero, e favorire le assunzioni di giovani.

Quota 100 ultimissime: secondo le ultime notizie, al fine di ridurre il costo, il governo nella Legge di Bilancio ha inserito una clausola di salvaguardia che porta ad allungare da 3 a 6 mesi, il periodo che intercorre tra il pensionamento e l'erogazione dell'assegno di pensione solo per l'anno 2019.

Quota 100 inoltre sarà una misura sperimentale per 3 anni dal 2019, 2020 e 2021 che partirà dal 1° aprile 2019 ma non per tutti i lavoratori, gli statali infatti dovranno attendere 6 mesi dalla maturazione dei requisiti di età + contributi, per cui potranno richiedere il pensionamento anticipato non prima di ottobre 2019.

  • Quota 100 come funziona per i lavoratori privati: i lavoratori del settore privato potranno andare all'opzione se in possesso di determinati requisiti di età e contributi: almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi. Per chi li perfeziona entro il 31 dicembre 2018, la prima finestra di uscita anticipata è il 1° aprile 2019, per chi li perfeziona dopo, dovrà invece attendere 3 mesi, per cui almeno il 1° agosto, la finestra è mobile.
  • Quota 100 come funziona per i lavoratori pubblici: dovranno invece dare un preavviso di 6 mesi e dovranno attendere la prima finestra mobile al 1° ottobre 2019, in tutto sono previste 3 finestre mobili. In pratica secondo quanto scritto sulla bozza: "Tenuto conto dell’esigenza di garantire la continuità e il buon andamento dell’azione amministrativa" i dipendenti pubblici potranno aderire all'opzione dal 1° aprile 2019 come i privati ma dovranno comunque aspettare ottobre.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?