IMU Milano 2018: aliquote seconda casa estero comodato ravvedimento

IMU Milano 2018 seconda casa, abitazione principale, residenti estero e comodato figli e parenti, calcolo aliquote acconto e saldo codici f24 e ravvedimento

Stampa

IMU Milano 2018: Il Comune di Milano ha provveduto a febbraio a pubblicare la nuova delibera circa il nuovo regolamento IUC 2018 con le nuove aliquote IMU 2018 per l'imposta municipale propria e la TASI, tassa sui costi indivisibili dei Comuni.

Pertanto, i contribuenti milanesi possono già utilizzare le nuove aliquote per versare l'acconto IMU del 18 giugno 2018, in quanto il 16 gugno scadenza ordinaria per pagare l'imposta cade di sabato, su seconda casa, prima abitazione, affittuari e altri immobili e poi conguagliare con il saldo del 17 dicembre 2018.

Vediamo quindi per l'IMU Milano 2018 quali sono le nuove aliquote, come fare il calcolo IMU Milano ed entro quando pagarla, scadenza IMU 2018.

 

IMU Milano 2018 scadenza:

IMU Milano 2018 scadenza: il pagamento dell'acconto IMU Milano 2018 è da fare entro la scadenza del 18 giugno 2018 e deve essere calcolato sulla base delle nuove aliquote 2018 e delle detrazioni stabilite dal Comune per il 2018 e poi procedere all'eventuale conguaglio con il saldo di dicembre, verificando sul sito del Comune o su quello del ministero dell’Economia, dipartimento delle Finanze, le  possibili variazioni delle aliquote e delle detrazioni.

Scadenze IMU 2018:

  • Acconto IMU 2018 entro il 18 giugno 2018, metà dell’importo dovuto per l’anno 2018, calcolato sulla base delle aliquote vigenti per l’anno 2018;
  • Saldo Imu 2018 entro il 17 dicembre 2018: il contribuente deve effettuare il pagamento del tributo dovuto per il 2018, con eventuale conguaglio sulla prima rata versata.
  • Unica soluzione da versare entro il 18 giugno.

Si ricorda che si è esonerati dal pagamento IMU 2018 se l'imposta complessiva dovuta per l'anno 2018, se la misura di acconto + saldo, è inferiore a 12 euro.

 

Calcolo IMU 2018 fabbricati, aree e terreni agricoli:

Calcolo IMU 2018 Fabbricati - la base imponibile per gli immobili si calcola prendendo in esame il valore della rendita catastale rivalutandola del 5%, dopodiché il risultato va moltiplicato per il relativo coefficiente in base alla categoria catastale dell'immobile soggetto a tassazione per cui:

160 per la categoria catastale A, fatta eccezione per A/10 e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7;

140 per i fabbricati categoria catastale B, e C/3, C/4 e C/5;

80 per D/5 (istituti di credito, cambio, assicurazione), fabbricati A/10:

65 per la categoria catastale D (capannoni, alberghi, cinema, ecc.);

55 per immobili C/1 (negozi).

Calcolo IMU aree fabbricabili: la base imponibile è data dal valore venale in comune commercio al 1° gennaio 2017.

Calcolo IMU Terreni agricoli: base imponibile è data applicando al reddito dominicale rivalutato del 25% il moltiplicatore 135 mentre se il terreno agricolo è posseduto o condotto da un coltivatore diretto o IAP il moltiplicatore è pari a 75. In quest'ultimo caso, l'imposta va pagata solo sulla parte eccedente di 6.000 e con le seguenti riduzioni:

  • riduzione del 70% se la parte eccedente è tra 6.000 e 15.500 euro;
  • riduzione del 50% se il valore eccedente è tra 15.500 e 25.500 euro;
  • riduzione del 25% se il valore eccedente è tra 25.500 e 32.000 euro.

 

Imu Milano: pagamento f24 e codice tributo

Come si paga? Il pagamento IMU 2018 si paga attraverso il modello f24 ordinario, f24 editabile o f24 semplificato IMU 2018.

Codice tributo IMU 2018 Milano: nel modello f24 il contribuente deve indicare i seguenti codici:

  • Codice Comune di Milano: F205
  • 3914 - terreni - COMUNE 
  • 3916 - aree fabbricabili - COMUNE 
  • 3918 - altri fabbricati  - COMUNE 
  • 3925 - immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D - STATO
  • 3930 - immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D - INCREMENTO COMUNE

Si ricorda che a partire da ottobre 2014, per i pagamenti f24 sopra i 1000 euro è obbligatorio il versamento con modello f24 online utilizzando i servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate direttamente se si possiede il Pin Fisconline o Entratel, o rivolgendosi ad intermediari autorizzati come CAF, commercialisti, associazioni di categoria ecc., o con intenet banking di banche, poste  italiane.

Per i versamenti IMU dall'estero, qualora non sia possibile utilizzare l'F24 Agenzia delle Entrate, i contribuenti possono pagare l'imposta tramite bonifico bancario.

 

Aliquote IMU Milano 2018 abitazione principale, estero e comodato

L'imposta municipale propria sulla prima casa a Milano come a Roma, Napoli o Torino, va pagata dai proprietari delle abitazioni principali con categoria catastale A/1, A/8, A/9, e nelle quali il nucleo familiare ed il possessore vivono abitualmente e risiedono anagraficamente.

Aliquote prima casa è pari a 6,6 per mille, sono tenuti al pagamento solo i proprietari di fabbricati di categoria A/1, A/8, A/9 e relative pertinenze destinati ad abitazione principale che devono pagare l'IMU mentre sono esclusi i proprietari di prime case di categoria catastale da A/2 a A/7 e relative pertinenze, per la quale è dovuta unicamente la Tasi e la TARI Milano.

Riguardo alle pertinenze relative all'abitazione principale, ai fini delli'imposta, va considerata una sola pertinenze per ciascuna categoria catastale C/2, C/6, C/7. Ricordiamo che sono equiparate a prima abitazione le seguenti unità immobiliari:

  • Unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che prendono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a patto che la casa non risulti affittata.
  • Prima casa in comodato d'uso a figli e parenti in linea retta entro il 1° grado che utilizzano l'unità immobiliare come abitazione principale e un reddito ISEE per chi utilizza l'immobile non oltre i 15.000 euro all'anno.
  • Unica unità immobiliare di proprietà o in usufrutto di cittadini italiani che risiedono all'estero, iscritti all'AIRE e pensionati nei paesi di residenza: il Comune di Milano ha deciso a partire dal 2016 che tali abitazioni rientrano tra le fattispecie di abitazione principale a patto che non risultino locata o date in comodato d'uso mentre per quanto riguarda TARI e TASI, la misura annua delle tasse è ridotta di 2/3.

Detrazioni IMU abitazione principale: 200 euro per ogni soggetto passivo e relative pertinenze, in caso di più soggetti la detrazione va divisa in parti uguali.

 

Seconda casa e altri immobili:

L'IMU Milano seconda casa e altri immobili è dovuta da:

  • Proprietari di fabbricati, aree fabbricabili o terreni agricoli ubicati nel Comune di Milano;
  • Titolari di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie su detti immobili;
  • Locatario nei contratti di leasing;
  • Concessionario in caso di concessione su area demaniale.

Su tutti gli immobili è dovuta l'IMU e la TASI fatta eccezione per i terreni agricoli per i quali è dovuta solo l’IMU, mentre pagano solo la Tasi 2018 MIlano:

  • Unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
  • Alloggi sociali
  • Immobili rurali strumentali all’esercizio dell’attività agricola;
  • Fabbricati costruiti dall’impresa costruttrice destinati alla vendita ma non ancora venduti e né locati.

Aliquote IMU Milano seconda casa e altri immobili:

  • Immobili affittati con contratto registrato A1, A2, A3, A4, A5, A6, A7, A8, A9 aliquota 0,96%: rientrano in questa tipologia di immobili, quelli locati con regolare contratto o comunque in regola con i tributi locali, e immobili con finita locazione per convalida sfratto per i quali l'Imu è dovuta fino alla liberazione dell'appartamento. Le Pertinenze sono assoggettate ad aliquota di base: e va presentata al Comune la copia del contratto di locazione + dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà attestante la conformità del contratto e copia modello f23, oppure, in caso di cedolare secca copia modello RLI, modello 69 o Siria.
  • Immobili locati come prima casa secondo l'accordo Città di Milano e canoni sociali e moderati A1, A2, A3, A4, A5, A6, A7, A8, A9 aliquota 0,65% 
  • Start Up unità immobiliari non produttive: di reddito fondiario: 0,76%
  • Immobili categoria catastale B posseduti da Onlus: 0,88%.
  • Immobili C/1 uso strumentale: 0,87%.
  • Immobili C/3 posseduti o affittati ad imprese artigianali: 0,87%
  • Cinema e teatri 0,87%
  • Immobili occupati abusivamente con relativa denuncia presentata a Polizia o a Carabinieri: 0,76%
  • Aliquota IMU seconda casa e immobili non rientranti nelle fattispecie sopra elencate: si applica aliquota base 1,06%.

 

Ravvedimento IMU 2018 Comune di Milano:

il contribuente che non effettua il versamento dell'acconto e saldo entro le rispettive scadenze, o li versa in ritardo o in misura insufficiente, può rimediare alla violazione utilizzando il ravvedimento operoso IMU 2018 che consente di sanare l'omesso pagamento dell'imposta versando con il modello f24 il tributo omesso + sanzione ridotta + interessi che per l'anno 2018, sono pari allo 0,3%.

La misura della sanzione e degli interessi, variano a seconda dei giorni di ritardato pagamento:

  • Pagamento entro 14 giorni dalla scadenza: sanzione ridotta 0,1% da calcolare sul valore dell’imposta per ciascun giorno di ritardo + interessi di mora pari allo 03% per ogni giorno di ritardo.
  • Pagamento tra il 15° e il 30° giorno di ritardo: sanzione ridotta 1,5% + interessi.
  • Pagamento tra il 31° e il 90° giorno di ritardo: sanzione ridotta 1,67% + interessi.
  • Pagamento dopo 90 giorni dalla scadenza e comunque entro l’anno 2018: sanzione 3,75% + interessi.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?