Decreto fatturazione elettronica obbligatoria: da quando e perché?

Fatturazione elettronica 2019 obbligatoria in base al decreto di autorizzazione UE all'Italia per l'avvio e-fattura tra privati 2019 pubblicato in GU

Stampa

Fatturazione elettronica 2019 pubblicato in GU il decreto di autorizzazione UE che consente di introdurre ufficialmente in Italia, lobbligo della fattura elettronica tra privati, così come previsto dalla Legge di Bilancio 2018.

La Decisione di esecuzione Ue 2018/593 emessa dal Consiglio del 16 aprile 2018 e la sua relativa pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea, ha quindi dato l'avvio formale all’introduzione della e-fattura 2019 nel nostro Paese in quanto autorizzato ad introdurre la "misura speciale di deroga" agli articoli 218 e 232 della direttiva 2006/112/Ce relativa al sistema comune dell’Iva.

Alla luce di questa importante conferma, le misure inserite nella legge di bilancio 2018, che fissano l'obbligo della fattura elettronica tra privati dal 1° gennaio 2019, così come previsto dall'articolo 1, comma 909 e seguenti, legge 205/2017, insieme alla richiesta di anticipare la fattura elettronica dal 1° luglio 2018 per chi effettua cessioni di benzina e gasolio e prestazioni verso soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con una PA, sono state autorizzate dall'Unione Europea, poi rinviata al 2019 per effetto del decreto Dignità.

 

Fatturazione elettronica 2019 via libera dell'UE all'obbligo:

Fatturazione elettronica 2019 decreto di autorizzazione UE: in data 19 aprile 2018, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea, il decreto di autorizzazione UE all'introduzione nel nostro Paese, dell'obbligo della fattura elettronica tra privati.

Con la Decisione di esecuzione Ue 2018/593, la Commissione europea ha dato quindi il via libera alla deroga agli articoli 218 e 232 della direttiva 2006/112/Ce relativa al sistema comune dell’Iva, al fine di poter introdurre nel nostro ordinamento "un sistema generalizzato di fatturazione elettronica obbligatoria per soggetti Iva diversi da quelli che applicano il regime delle piccole imprese" in modo da aumentare da una parte la prevenzione ed il contrasto all'evasione fiscale, alle frodi dell'IVA e alle cd. frodi carosello e dall'altra, l'adempimento spontaneo; il tutto per una più facile riscossione e un maggior risparmio economico per le imprese dato dall'introduzione del nuovo meccanismo di fatturazione elettronica

In particolare, l’Italia nella richiesta di autorizzazione all'UE, ha tenuto ad evidenziare che il nuovo meccanismo di fatturazione elettronica si basa sullo stesso sistema già utilizzato per la fatturaPA - fattura elettronica Pubblica Amministrazione, ossia il cd. SdI, Sistema di interscambio dell’Agenzia delle Entrate con l'obiettivo di acquisire in tempo reale le informazioni contenute nelle fatture emesse e ricevute dagli operatori economici, al fine di ottenere un controllo immediato ed automatico della corrispondenza tra l’Iva dichiarata e l'IVA effettivamente pagata sulle fatture emesse e ricevute.

Tra gli effetti benefici ed i vantaggi derivati dall’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica tra privati, per l'Italia ci sarebbe anche una maggiore trasparenza fiscale, l'aumento dei pagamenti elettronici e di conseguenza una maggiore tax compliace, ossia un aumento degli adempimenti tributari spontanei da parte dei contribuenti.

Vuoi conoscere le ultime novità decreto fatturazione elettronica 2019?

 

Fattura elettronica obbligatoria 2019 decreto di autorizzazione in GU:

Fatturazione elettronica 2019 obbligatoria da luglio decreto di autorizzazione in GU: come già anticipato sopra, lo scorso 19 aprile 2018, è stato pubblicato il decreto di autorizzazione in GU dell'Unione Europea con cui l'UE, autorizza il nostro Paese ad introdurre la fatturazione elettronica tra privati dal 2019 e ad anticipare da luglio 2018, l'obbligo per le cessioni di carburante e le prestazioni rese dai subappaltatori e subcontraenti.

In tale decreto la Commissione Europea ha rilevato che:

- l'obbligo della fatturazione elettronica è un'importante novità soprattutto dal punto di vista della lotta alla frode e all’evasione Iva;

- il nuovo meccanismo di fatturazione non andrà ad incidere sul diritto del consumatore di ricevere fatture cartacee in caso di effettuazione di operazioni intracomunitarie;

- la misura speciale è autorizzata dal 1° luglio 2018 al 31 dicembre 2021;

Alla luce delle suddette considerazioni, il Consiglio Ue autorizza l’Italia a:

  • accettare fatture emesse in formato elettronico qualora emesse da soggetti passivi stabiliti in Italia diversi dai soggetti passivi che beneficiano della franchigia per le piccole imprese di cui all’articolo 282 della predetta direttiva: regime forfettario e dei minimi.
  • prevedere che l'uso delle fatture elettroniche emesse da soggetti passivi stabiliti in Italia non sia subordinato all’accordo del destinatario, fatta eccezione per i soggetti esclusi dall'adempimento.
  • poter richiedere mediante un'apposita domanda alla Commissione Ue, una nuova proroga alla deroga e quindi un nuovo termine temporale.

Per leggere il decreto di autorizzazione UE alla fatturazione elettronica in Italia.

 

Fatturazione elettronica e le novità 2019:

La Fatturazione elettronica obbligatoria e le novità 2019 sono tutte misure che il Legislatore italiano ha inserito nella Legge di Bilancio 2018 al fine di semplificare il nostro sistema di riscossione, controllo e vigilanza in merito all'evasione dell'IVA in Italia.

Il legislatore nella Manovra di fine anno, ha quindi introdotto a partire dal 1° gennaio 2019 per:

  • Cessioni di beni;
  • Prestazioni di servizi,
  • relative Note di variazione,

effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello Stato, l'obbligo fatturazione elettronica tra privati attraverso il Sistema di Interscambio agenzia delle Entrate o altro software, per vedere i costi fatturazione elettronica.

Sempre la Legge di Bilancio 2018, ha previsto anche:

  • Abolizione spesometro dal 2019: a partire dal 1° gennaio 2019, l'obbligo della comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute è annullato grazie all'introduzione e all'avvio della fattura elettronica tra privati. Per maggiori informazioni leggi: abolizione spesometro e fatturazione elettronica.
  • Esclusione obbligo della fatturazione elettronica: in base a quanto previsto dalla Legge di Bilancio 2018, sono esonerati dall'obbligo e-fattura i contribuenti che applicano il regime forfetario ed il regime dei minimi.
  • Fattura elettronica tra privati omessa sanzioni 2018: le sanzioni previste per i contribuenti obbligati che omettono la fatturazione elettronica in termini di documentazione, registrazione e individuazione delle operazioni soggette a Iva va dal 90 al 180% dell’imposta, con sanzione minima di 500 euro. Tale sanzione è ridotta da 250 a 2mila euro, se la violazione non incide sulla corretta liquidazione dell'IVA.
  • Anticipazione fatturazione elettronica obbligatoria dal 1° luglio 2018 per le seguenti fatture:
    • fattura elettronica carburante 2018
    • Fattura elettronica per le prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con una pubblica amministrazione. 

Riassumendo ecco le principali date da ricordare per il 2018 e le novità 2019:

Fatturazione elettronica obbligatoria da luglio 2018 e novità 2019date da ricordare
Fatturazione elettronica obbligatoria per le cessioni benzina e carburantidal 1° luglio 2018 rinviata al 2019

Acquisiti benzina scatta l'obbligo dei pagamenti elettronici e la conseguente

abolizione della scheda carburante.

dal 1° luglio 2018 rinviata al 2019
Fatturazione elettronica obbligatoria tax free shoppingdal 1° settembre 2018
Obbligo fatturazione elettronica tra privatidal 1° gennaio 2019
Abolizione spesometrodal 1° gennaio 2019
Obbligo di trasmissione dati cessioni e presentazioni rese e ricevute dall'esterodal 1° gennaio 2019
Nuovi strumenti informativi messi a disposizione dall'agenzia delle entratedal 2019

Vi ricordiamo che l'Agenzia delle Entrate al fine di facilitare l'adempimento della e-fattura obbligatoria ha previsto una procedura più semplice per delegare l'uso dei servizi fattura elettronica e del cassetto fiscale, agli intermediari, ecco quindi il modulo delega fattura elettronica 2019.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?