Fattura elettronica gratis SdI sistema di interscambio Agenzia Entrate

Fattura elettronica gratis per tutti i privati con il SdI sistema di interscambio gratuito Agenzia Entrate generazione trasmissione conservazione fatture

Stampa

Fattura elettronica gratis con il SdI: il Sistema di Interscambio, è nuovo super programma messo a disposizione dall'Agenzia delle Entrate per la generazione, trasmissione e conservazione delle fatture elettroniche. 

Ricordiamo che il SdI, Sistema di Interscambio è già utilizzato dalle imprese e Amministrazioni Pubbliche per la cd. fatturaPA e per l'invio dello spesometro e dei corrispettivi, da luglio 2018, la fattura elettronica sarà obbligatoria per il settore carburanti e dal 1° gennaio 2019, l'obbligo sarà esteso a tutti i titolari di partita IVA, per effetto del decreto collegato alla legge di bilancio 2018.

Alla luce di queste novità, i contribuenti titolari di partita IVA grazie al SdI, hanno la possibilità di beneficiare di un sistema gratuito per le fatture elettroniche dalla loro generazione, trasmissione fino alla conservazione. Tale procedura è utilizzabile via internet collegandosi direttamente al sito dell’Agenzia, oppure, tramite App fattura elettronica Agenzia delle Entrate scaricabile gratuitamente sui device mobili: smartphone, tablet, pc portatili.

 

Fattura elettronica gratis:

Fattura elettronica gratis per tutti i contribuenti:

Sogei e l'Agenzia delle Entrate, hanno lavorato per implementare il SdI, Sistema di Interscambio utilizzato finora solo per la cd. fatturaPA Pubbliche Amminstrazioni, le fatture elettroniche da e verso la Pubblica Amministrazione, per la comunicazione IVA delle fatture cd. spesometro e l'invio dei corrispettivi.

I contribuenti titolari di partita IVA che interessati ad utilizzare gratis il sistema di Interscambio per la generazione, trasmissione e la conservazione delle fatture elettroniche, possono farlo iscrivendosi ai servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate.

In pratica, l’Agenzia delle entrate, ha messo a disposizione gratuitamente, il SdI anche per tutti i titolari di Partita IVA che ques'tanno decidono di optare per la fatturazione elettronica.

Ricordiamo che il software SdI, può sere utilizzato online collegandosi al sito dell'Agenzia o scaricando l'App dedicata per i device mobili.

Leggi la notizia anche su Repubblica.it: Fattura elettronica sistema gratuito per i contribuenti.

 

Fatturazione elettronica tra privati: da quando?

Da quando fatturazione elettronica tra privati? Con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale n. 190/2015 del decreto legislativo 127/2015, il Governo ha provveduto a porre le basi per l'uso della fatturazione elettronica per le transazioni tra privati.

In particolare, all'articolo 1 del decreto, è previsto che l'Agenzia delle Entrate, renda disponibile per tutti i contribuenti, soggetti titolari di partita IVA, un software gratuito per creare, trasmettere e conservare le fatture elettroniche.

In base quanto affermato dal direttore Orlandi, Sogei e l'Agenzia delle entrate, stanno appunto lavorando all'implementazione del Sistema di interscambio (Sdi) ora usato per le fatture in cui è interessata una pubblica amministrazione, per consentire la generazione, trasmissione e conservazione delle fatture elettroniche tra imprese e privati.

Inoltre, a partire sempre dal 1° gennaio 2017:

  • i soggetti non obbligati a emettere fattura, se non su richiesta del cliente, i cd. commercianti al minuto, potranno decidere di far memorizzare e trasmettere per via telematica all’Agenzia delle Entrate, i propri corrispettivi giornalieri elettronici, relativi alle cessioni di beni e alla fornitura di servizi. Tale opzione, avrà una durata di 4 anni, e in caso di rinnovo, se non si provvederà a revocarla, avrà durata di 5 anni. 
  • Per chi vende, invece, prodotti attraverso di distributori automatici, la memorizzazione e la trasmisisone elettronica dei dati sarà obbligatoria.
  • Per coloro invece che sceglieranno la trasmissione e la memorizzazione elettronica, sono previste una serie di semplificazioni fiscali che vedremo in dettaglio nel paragrafo successivo. 

Tra le novità 2018 che quasi scuramente verranno inserire nel decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2018, c'è l'obbligo della fatturazione elettronica dal 1° luglio 2018 per il settore carburanti e dal 1° gennaio 2019, per tutti i titolari di partva IVA.

 

Agevolazioni imprese private che optano per la fattura elettronica:

Agevolazioni fiscali per le imprese private che optano per la fatturazione elettronica: I contribuenti che entro il 31 dicembre 2017, optano per l'invio telematico dei dati di tutte le fatture, emesse e ricevute, delle relative note di variazioni e dei corrispettivi, attraverso il Sistema di Interscambio, possono fruire di importanti agevolazioni fiscali.

Qualora scelta l'opzione, questa avrà effetto dall’inizio dell’anno solare in cui è esercitata fino alla fine del 4° anno solare successivo, per cui ad esempio se la scelta viene espressa dal 1° gennaio 2018 sarà valida fino al 31 dicembre 2021, se poi non sarà dovutamente revocata, si estenderà di 5 anni in 5 anni.

Agevolazioni per chi opta per la trasmissione telematica delle fatture o dei relativi dati e dei corrispettivi:

  • Non dovrà comunicare tramite modello polivalente, le operazioni rilevanti ai fini IVA Spesometro;
  • Non avrà l'obbligo di trasmettere all'Agenzia delle Entrate la comunicazione black list;
  • Non dovrà comunicare gli acquisti effettuati da operatori di San Marino;
  • Esonero dalla presentazione dei Modelli Intrastat;
  • Non dovrà comunicare i dati relativi ai contratti stipulati dalle società di leasing;
  • Avrà diritto a ricevere i rimborsi Iva entro 3 mesi dalla presentazione della dichiarazione;
  • Verifiche controlli e accertamenti fiscali ridotti a 1 anno, per i contribuenti titolari di partita IVA che garantiranno anche la tracciabilità dei pagamenti.

Altri vantaggi ed incentivi fattura elettronica tra imprese e privati: 

  • Esonero dall'obbligo di dover registrare negli appositi registri, le fatture emesse e gli acquisti effettuati;
  • Esonero dall'obbligo di apposizione del visto di conformità.
  • La condizione per poter fruire di queste riduzioni degli adempimenti contabili, è che i soggetti passivi IVA devono effettuare la trasmissione telematica all’Agenzia delle entrate delle fatture elettroniche tra privati, emesse e ricevute, e delle note di variazioni, anche mediante il Sid, Sistema di Interscambio.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili