Fattura elettronica: firma digitale, bollo e conservazione e-fatture

Fattura elettronica 2019 come fare per firma digitale e conservazione cos'è come funziona documenti informatici tenuti da professionisti imprese società

Stampa

La fattura elettronica 2019 è la nuova modalità di produzione, emisisone e conservazione dei documenti e delle scritture contabili per professionisti, imprese e società che diventa obbligatorio dal 1° gennaio 2019 per tutti i titolari di partita IVA, fatta eccezione per i contribuenti nel regime forfettario e minimi, produttori agricoli, ASD nel regim forfettario e operatori sanitari per le operazioni già trasmesse con il sistema TS.

 

Con la fatturazione elettronica 2019 a cambiare sono anche le modalità di conservazione, di firma che diventa una firma digitale e il versamento del bollo fattura elettronica tramite F24 che diventa virtuale ma non le norme e le disposizioni che regolano gli obblighi e gli adempimenti che ne determinano la loro emissione.

 

Vediamo quindi Fattura elettronica come fare per firma digitale, bollo e conservazione sostitutiva delle e-fatture.

Ecco invece le novità introdotte dal decreto fiscale fattura elettronica 2019.

 

Fattura elettronica: cos'è e requisiti

Che cos'è la fattura elettronica? La fattura elettronica è la produzione di una fattura tradizionale che invece di essere redatta in forma cartacea viene prodotta in formato digitale, ossia, in pdf o altro supporto elettronico ma che deve garantire al contempo, importanti requisiti quali autenticità, integrità e leggibilità del contenuto.

 

Cosa si intende per fattura elettronica? Per fattura elettronica si intende la fattura che è stata emessa e ricevuta in qualsiasi formato elettronico che per essere considerata valida deve essere accettata dal destinatario. Si ricorda inoltre la fattura elettronica è considerata emessa alla sua consegna, spedizione, trasmissione o messa a disposizione del cessionario o del committente.

 

Chi emette la fattura elettronica deve garantire l’autenticità, l’integrità a la leggibilità del documento dalla sua emissione fino al termine del suo periodo di conservazione, attraverso l'apposizione della firma digitale che diventa elemento imprescindibile della fattura elettronica, insieme alla data di emissione, Partita IVA, codice fiscale ecc.

 

La e-fattura è diventata ormai una realtà concreta sia per le PA che per i privati B2B:

 

Fattura elettronica 2019 conservazione e-fatture:

Fattura elettronica 2019 come fare la conservazione: cos'è e come funziona? Il Mef nei suoi precedenti provvedimenti, emessi nell'ambito del Codice dell’amministrazione digitale, era già intervenuto a chiarire le caratteristiche che i documenti informatici devono avere per essere validi a livello fiscale e legale, ossia, l’immodificabilità, l’integrità, l’autenticità e la leggibilità.

 

In tal senso, la scelta di formati digitali che possiedono i requisiti prescritti dal Codice dell’amministrazione digitale e dai successivi decreti, ovverosia il formato XML.

 

La fattura elettronica e i documenti contabili digitali, pertanto, devono essere conservati e tenuti secondo regole precise, per esempio devono essere rintracciabili per nome, codice fiscale, n° di Partita IVA o con altro dato stabilito dalla relativa disciplina. Inoltre, la fattura elettronica, o qualsiasi altro documento contabile digitale, per essere considerata archiviata deve contenere la data di emissione "opponibile a terzi", cioè una data certa non contestabile in alcun caso.

Per la conservazione fattura elettronica e le novità Fattura elettronica tra privati e fattura elettronica costo commercialisti, leggi le nostre guide.

 

Fattura elettronica come fare per la firma digitale:

Fattura elettronica 2019 come fare per la firma digitale, è una caratteristica ed un elemento fondamentale che il professionista, impresa e società che i utilizza la fatturazione elettronica deve rispettare affinché il documento contabile sia valido. Il fatto che la fattura o altra scrittura, possa essere riportata ed emessa in modo digitale e quindi riprodotta in pdf, non significa che non debba rispettare specifiche regole.

 

La prima regola per la fattura elettronica è che per essere considerata documento ufficiale deve essere firmata con la firma digitale.

 

La firma digitale, infatti, è l'unico strumento in grado di certificare l'autenticità, l'integrità e la leggibilità del documento dalla data di emissione fino alla fine del periodo di conservazione. Per la copia conforme all'originale della fattura elettronica, invece, il sigillo deve essere posto solo da un notaio o da un altro pubblico ufficiale autorizzato.

 Vi ricordiamo che l'Agenzia delle Entrate al fine di facilitare i contribuenti obbligati al nuovo adempimento ha previsto una procedura più semplice per delegare l'uso dei servizi fattura elettronica e del cassetto fiscale al commercialista ed  intermediari, ecco quindifattura elettronica modulo delega.

 

Fattura elettronica 2019 come fare per assolvere l'imposta di bollo virtuale?

Come fare per l'imposta di bollo fattura elettronica 2019: l'obbligo di assolvere l'imposta di bollo su fatture di 2,00 euro scatta quando l'importo complessivo supera i 77,47 euro anche per libri, scritture contabili e documenti tributari elettronici.

 

Bollo fattture elettroniche 2019: Per assolvere l'imposta bollo virtuale fatture elettroniche 2019 con le nuove regole Mef, basta pagare l'importo calcolato dall'Agenzia delle Entrate ed indicato nell'area riservata del sito AdE, entro il giorno 20 del mese successivo alla chiusura del trimestre, per assolvere l'imposta.

Il pagamento può essere effettuato tramite modello F24 o addebito in conto corrente.

 

Bollo virtuale fatture cartacee: per i soggetti esclusi dalla fattura elettronica 2019, come ad esempio i contribuenti nel regime forfettario 2019, possono scegliere di assolvere il bollo in modo virtuale.

Lo sai che l'obbligo fattura elettronica carburante è stato rinviato? Per tutte le informazioni leggi anche come funziona il Sistema di interscambio fattura elettronica 2018.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?