Elenco documenti 730 dichiarazione dei redditi 2018: cosa serve?

Documenti dichiarazione dei redditi elenco documentazione 730 da presentare al Caf commercialista o al sostituto di imposta per detrazioni e deduzioni

Stampa

I documenti dichiarazione dei redditi 2018 sono indispensabili per poter fruire delle detrazioni e deduzioni di imposta circa le spese sostenute dal contribuente nell'anno precedente. Tali spese, infatti, debbono essere debitamente certificate con ricevute, scontrini e fatture se riguardano, ad esempio, le spese mediche sanitarie effettuate dallo stesso contribuente o per conto del familiare a carico, spese funebri o veterinarie, o con copia dei contratti mutuo per procedere alla detrazione degli interessi passivi o delle spese per l'acquisto dell'immobile prima abitazione ecc.

Tutta la documentazione 730, circa le detrazioni ai fini Irpef, devono essere quindi presentate al Caf, intermediario abilitato, associazioni di categoria o al sostituto di imposta in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi mediante modello 730 e deve essere conservata dallo stesso dichiarante per i successivi 4 anni.

 

Elenco documenti dichiarazione dei redditi 2018:

I contribuenti che per la presentazione della dichiarazione dei redditi, optano per la compilazione del 730 ordinario e non precompilato dall'Agenzia delle Entrate o vogliono modifcare o integrare la dichiarazione precompilata, devono provvedere a raccogliere tutta una serie di documenti prima di recarsi al Caf, intermediario o consegnare il modello al sostituto di imposta, se vogliono fruire delle detrazioni e deduzioni che scontano le tasse dovute per l'anno di imposta.

Elenco documenti dichiarazione dei redditi 2018 per la compilazione modello 730 sono:

  • Dichiarazione dei redditi anno precedente quindi copia del modello 730 o Unico.

  • Codice fiscale e documento di identità del dichiarante e dei familiari a carico.

  • Documentazione relativa a proprietà, usufrutto o possesso di immobili ad esempio certificati catastali con rendita catastale o atti notarili.

  • Imu pagata nel precedente anno.

  • Per i contribuenti che hanno esercitato opzione cedolare secca affitto:

    • Visura catastale dell'immobile dato in locazione.

    • Contratto di locazione registrato all'Agenzia delle Entrate.

    • Ricevuta della raccomandata inviata all'inquilino per la comunicazione di rinuncia all'aumento del canone pattuito nel contratto.

    • Copia del modello RLI per l'adesione della cedolare secca.

  • Nuovo modello cu 2018, certificazione unica dei redditi da lavoro dipendente, pensione e assimilati attestante i redditi derivati da: 

    • Indennità pagate al contribuente a titolo di cassa integrazione, mobilità, disoccupazione NASpI 2017.

    • Redditi derivati da contratti co.co.co. o a progetto.

    • Pensioni estere o integrative.

    • Borse di studio, gettoni di presenza o lavori socialmente utili.

    • Assegni periodici al coniuge a seguito di separazione legale o divorzio. 

  • Documenti che certificano altri redditi percepiti ad esempio per lavoro autonomo occasionale, Voucher Inps, attività dilettantistica o dividendi da azioni.

  • Ricevute di versamento modello f24 per acconto Irpef.

  • Documenti credito di imposta per acquisto prima casa.

 

Documenti dichiarazione dei redditi 2018 per le spese sanitarie nel 730:

Documenti detrazione spese sanitarie modello 730:

Le spese sanitarie 730 sono detraibili al 19% con franchigia di 129,11 euro.

Il contribuente pertanto per fruire della detrazione di tali spese effettuate e sostenute nel suo interesse o per il familiare a carico, in sede di compilazione del modello 730, ai fini di dichiarazione dei redditi 2018, il contribuente deve presentare la seguente documentazione:

Fatture e scontrini parlanti per l'acquisto di farmaci.

Per essere detraibile la spesa dei medicinali, è necessario che siano indicati sullo scontrino fiscale la natura del farmaco, la quantità, il codice identificativo alfanumerico presente sulla confezione e il codice fiscale del destinatario del medicinale.

  • Fatture di visite medico generico, specialista o omeopata;
  • Certificati medici per uso sportivo, patente, a scopi legali o assicurativi, per malattia o infortunio;
  • Ricevute fiscali e documentazione relativa ad interventi chirurgici o trapianti;
  • Analisi ed esami diagnostici;
  • Fatture rilasciate da neuropsichiatra -psicoterapia iscritto all'albo;
  • Ricevute prestazioni rese dal personale professionista per l'assistenza diretta della persona, fisioterapista, podologo, odontotecnico ecc;
  • Spese effettuate per ginnastica correttiva, riabilitativa, cure termali o fitoterapia. In questo caso occorre presentare anche la prescrizione medica;
  • Ricevute di acquisto o noleggio di apparecchi sanitari come ad esempio misuratori di pressione o aerosol;
  • Spese sostenute per l'acquisto o l'affitto di mezzi necessari alla deambulazione e locomozione portatori di handicap così definiti dalla legge 104/92, ossia: 
  • sedie a rotelle, stampelle ecc;
  • spese di mezzi necessari all'integrazione e al miglioramento delle condizioni di vita del portatore di handicap come ad esempio l'acquisto di computer, modem, telefono vivavoce, fax con relativa prescrizione medica;
  • Spese di abbattimento barriere architettoniche compresa la collocazione di scale mobili, rampe o ascensore;
  • Acquisto di veicoli per disabili o per il loro trasporto. In questo caso la detrazione del 19% spetta per l'intero importo senza calcolare la franchigia. Il limite massimo di detrazione è per un massimo importo di 18.075,99;
  • Acquisto cani guida per le persone non vedenti. In questo caso la detrazione 19% è sull'intero importo e spetta una sola volta in 4 anni, salvo i casi di perdita del cane. E' prevista un'ulteriore detrazione forfetaria di 516,46 euro per le spese di mantenimento del cane. 

 

Documenti 730 per le spese bonus ristrutturazioni e Ecobonus 2018:

Le spese ristrutturazioni 2018, acquisto mobili spetta una detrazione pari al 50% a seconda della tipologia della spesa. Il contribuente pertanto per fruire la detrazione d'imposta deve presentare in sede di compilazione del 730 i seguenti documenti spese bonus ristrutturazione edilizia:

Copia bonifici bancari o postali per il pagamento delle opere, sui quali è stata effettuata la trattenuta del 4% secondo quanto indicato dalla legge.

  • Fatture esecuzione lavori;
  • copia del pagamento degli oneri di urbanizzazione;
  • ricevuta raccomandata della comunicazione di inizio lavori;
  • comunicazione ASL data inizio lavori;
  • ricevuta di pagamento rilasciata dal condominio sulle parti comuni o certificazione dell'amministratore attestante l'avvenuto adempimento;
  • Dati catastali identificativi dell'immobile;
  • Registrazione del contratto di affitto, se i lavori sono stati effettuati dal detentore;
  • Concessione, autorizzazione o comunicazione di inizio lavori;
  • Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà data di inizio lavori e interventi agevolativi;
  • Domanda di accatastamento se l'immobile non è stato ancora censito;
  • Delibera assembleare di approvazione dell'esecuzione dei lavori e tabella millesimale di ripartizione della spese per gli interventi riguardanti parti comuni di edifici residenziali;
  • Comunicazione preventiva, indicante la data di inizio lavori, all’ASL qualora sia obbligatoria secondo le vigenti disposizioni in materia di sicurezza dei cantieri;
  • Dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori da parte del possessore, in caso di lavori effettuati dal detentore dell'immobile,se diverso dai familiari conviventi.

 

Documenti dichiarazione dei redditi detrazione spese mutuo:

I documenti che il contribuente deve presentare per usufruire della detrazione del 19% delle spese per il mutuo acquisto prima casa sono:

Contratti mutuo ipotecari acquisto abitazione principale: copia del contratto di mutuo e di acquisto immobile. Ricevute di pagamento rate del mutuo con interessi passivi da portare in detrazione,fatture per spese notarili per la stipula del mutuo e del contratto di compravendita dell'immobile, fatture dell'intermediario.

  • Mutui anche non ipotecari stipulati nel 1997 per ristrutturazione dell'immobile
  • Mutui ipotecari stipulati nel 1998 per la ristrutturazione o costruzione abitazione principale serve la seguente documentazione: copia del contratto di mutuo e di acquisto immobile, ricevute di pagamento interessi passivi, copia fatture di tutte le spese sostenute e copia concessione edilizia.

 

Spese per acquisto mobili e elettrodomestici:

Il contribuente per fruire della detrazione acquisto mobili a seguito ristrutturazione immobile e per le spese di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+  e A per i forni, per i quali spetta una detrazione pari al 50% per una spesa massima di 10.000 euro, deve presentare ai fini di dichiarazione dei redditi 2018 con modello 730, i seguenti documenti cd. Bonus acquisto mobili e per fruire della detrazione IRPEF acquisto elettrodomestici:

  • Copia bonifici bancari o postali effettuati per il pagamento dei mobili o elettrodomestici, oppure, ricevute di pagamento con moneta elettronica ad esempio mediante carta di credito o di debito, o addebito sul conto corrente.
  • Fatture di acquisto dei mobili acquistati con l'indicazione della natura, qualità e quantità dei beni e servizi comprati.

 

Spese risparmio energetico:

Il contribuente per fruire della spese di risparmio energetico al 65% sul modello 730 deve presentare:

  • Copia dei bonifici bancari o postali indicanti la spesa secondo le norme vigenti
  • Fatture o ricevute fiscali dei lavori eseguiti;
  • Certificazione del tecnico abilitato alla progettazione di edifici ed impianti
  • Attestato di certificazione/qualificazione energetica allegato A;
  • Scheda informativa Allegato E e F;
  • Ricevuta della documentazione inviata all’ENEA.

 

Spese contratti locazione:

Contratti di locazione relativi all'abitazione principale: 

  • Contratti di locazione di immobili stipulati per l'abitazione principale da lavoratori trasferiti per motivi di lavoro.
  • Contratti di locazione stipulati o rinnovati da studenti universitari iscritti al corso di laurea in un comune diverso dalla residenza che dista almeno 100 chilometri. L'importo massimo di detrazione è pari a 2.633 euro.

 

Documenti 730 dichiarazione dei reddti 2018: cosa serve?

  • Spese funebri: I documenti che servono per usufruire della detrazione spese funebri a seguito del decesso dei familiari e non, per un massimo di 1.550 euro, sono ricevuta di pagamento pompe funebri, spese funerali e acquisto loculo ecc.
  • Spese d'istruzione detraibili: I documenti utili alla fruizione della detrazione spese istruzione sostenute nel 2017 per la frequenza di scuola secondaria di primo e secondo grado, università o corsi di specializzazione anche per più anni fatta eccezione dei fuori corso, sono le ricevute di pagamento rette scolastiche e tasse o attestati di frequentazione rilasciate dagli istituti riconosciuti.
  • Spese veterinarie: Le spese per la cura degli animali domestici per essere detraibili dalla dichiarazione dei redditi mediante compilazione e presentazione del modello 730, devono essere documentate con fattura e scontrini fiscali. La detrazione spese veterinarie pari al 19% è per un massimo di spesa di 387,34 e va calcolata la franchigia di 129,11 euro. Sono valide le spese sostenute nei confronti di animali di affezione e/o pratica sportiva, fatta eccezione degli animali detenuti in ambito dell'attività commerciale agricola.
  • Spese attività sportiva dei ragazzi: i documenti da presentare al caf per consentire la detrazione fiscale delle spese attività sportiva ragazzi di età compresa fra i 5 e i 18 anni sono le ricevute di pagamento per l'iscrizione annuale e di abbonamento indicanti i dati della società, causale di pagamento, attività sportiva, importo pagato e dati anagrafici del ragazzo. La detrazione spetta solo per i giovani fiscalmente a carico del dichiarante fino ad un massimo importo di 210 euro per ciascun ragazzo..
  • Documenti Assicurazioni vita: premi pagati dal contribuente per assicurazioni vita, contro infortuni, morte, invalidità permanete ecc e copia dei contratti.
  • Ricevute di erogazioni liberali a favore di partiti politici, Onlus, Istituti scolastici, attività dilettantistiche, mutuo soccorso;
  • Spese sostenute dai genitori per il pagamento rette di asili nidi.
  • Spese mediche disabili nei casi di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, se il reddito complessivo non supera 40.000 euro.
  • Assegni al coniuge separato o divorziato: sentenza di separazione o divorzio e ricevute di versamento: bonifici, assegni ecc.
  • Ricevute di pagamento spese compensi di intermediazione immobiliare acquisto abitazione principale, per un importo non superiore a 1000 euro.
  • Spese mensa scolastica: attestazione rilasciata dalla scuola, Comune o fornitore del servizio ristorazione scolastica nel caso in cui la retta sia stata pagata in contanti, bancomat, carta di credito, voucher elettronici o cartacei o in buoni mensa, oppure, copia bollettini e bonifici.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili