Dichiarazione IVA 2018: presentazione telematica Agenzia delle Entrate

Dichiarazione Iva 2018 istruzioni su come e dove presentare la dichiarazione per via telematica all'Agenzia delle Entrate da soli o tramite commercialista

Stampa

La dichiarazione IVA 2018, è uno degli adempimenti fiscali previsti per i soggetti titolari di Partita IVA.

Il termine per la presentazione della dichiarazione Iva tramite gli appositi modelli IVA, Iva annuale, Iva base e Iva 74-bis, approvati in via definitiva dall’Agenzia delle Entrate, è fissata entro la scadenza 1° febbraio e 30 aprile 2018.

Occorre ricordare poi, che a seguito delle ultime modifiche intervenute sulla normativa della dichiarazione Iva, questa non può essere più presentata dai soggetti obbligati insieme alla dichiarazione dei redditi, ovvero, insieme al modello Unico ma va presentata a partire dall’anno 2017, in forma autonoma.

In questo nostro articolo, ci soffermeremo però sulle modalità di presentazione della dichiarazione IVA, ossia, su come deve essere presentata dal contribuente la dichiarazione Iva 2018 per via telematica direttamente se possiede il Pin Agenzia delle Entrate per l’accesso a Fisconline o Entratel, oppure, rivolgendosi per l’invio al commercialista o all’intermediario autorizzato alla trasmissione online della dichiarazione.

 

Dichiarazione IVA 2018 istruzioni presentazione Agenzia delle Entrate:

Come abbiamo già detto, la scadenza per l’invio del modello di dichiarazione IVA 2018 anno 2017 va effettuato tra il 1° febbraio e il 30 aprile 2018 all’Agenzia delle Entrate per via telematica.

Il contribuente soggetto obbligato, può quindi decidere se inviare da solo la dichiarazione, ed in questo caso può farlo ha bisogno delle credenziali di accesso ai servizi telematici dell’Agenzia, oppure, può rivolgersi agli intermediari abilitati come i commerciasti, le associazioni di categoria etc. 

Pertanto, la presentazione all’Agenzia delle Entrate della dichiarazione IVA 2018 è esclusivamente per via telematica utilizzando uno dei seguenti canali di trasmissione:

a) direttamente, se si possiede il Pin Agenzia delle Entrate;
b) tramite intermediario abilitato;

c) tramite altri soggetti incaricati (per le Amministrazioni);
d) tramite società appartenenti al gruppo.

Ricordiamo inoltre che la dichiarazione IVA 2018 è considerata ufficialmente inviata all'Agenzia delle Entrate nel giorno in cui, terminata la ricezione dei dati, l’Entrate rilasciano al contribuente o all’intermediario, la ricevuta di avventura trasmissione del modello online.

 

Dichiarazione IVA 2018: presentazione diretta da parte del contribuente

I soggetti obbligati alla dichiarazione Iva 2018 entro la scadenza 1° febbraio - 30 aprile, possono presentare la suddetta dichiarazione, direttamente all’Agenzia delle Entrate.

Per presentare da soli la propria dichiarazione IVA, occorre che il contribuente sia in possesso delle credenziali di accesso ai servizi telematici Entratel o Fisconline.

Attraverso il Pin Agenzia delle Entrate, il soggetto obbligato, può quindi accedere al proprio cassetto fiscale 2018 Agenzia delle Entrate e procedere alla presentazione della dichiarazione IVA o anche ad altri tipi di comunicazioni.

I soggetti diversi dalle persone fisiche, hanno, invece, la possibilità di far trasmettere per via telematica le dichiarazioni tramite i propri incaricati, nominati ai sensi dell’allegato tecnico contenuto nella circolare Agenzia delle Entrate n. 30/E del 25 giugno 2009.

 

Dichiarazione IVA 2018: soggetti non residenti

Riguardo la prestazione dichiarazione IVA 2018 da parte dei soggetti non residenti ma identificati ai fini Iva in Italia, devono procedere ad iniviare la dichiarazione per via telematica, utilizzando il servizio telematico dell’Agenzia delle Entrate chiamato Entratel.

In questi casi, il rilascio delle credenziali di accesso ad Entratel, avviene, previa apposita domanda, dal Centro Operativo di Pescara dell’Agenzia delle Entrate, insieme all’attribuzione del numero di Partita IVA.

Pertanto i soggetti non residenti, per procedere alla presentazione della dichiarazione IVA 2018, devono per tempo procedere alla pre-iscrizione ad Entratel ed attendere che il centro operativo, invii al soggetto richiedente o al delegato il codice Pin Agenzia delle Entrate che servirà per accedere ai servizi telematici.

 

Dichiarazione IVA 2018: presentazione tramite intermediari

Dichiarazione IVA 2018 presentata tramite intermediari: Come abbiamo detto sopra, la dichiarazione IVA può essere presentata dai soggetti obbligati tramite gli intermediari abilitati.

Chi sono gli intermediari abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni e comunicazioni verso l’Agenzia delle Entrate?

Gli intermediari abilitati, cioè professionisti, appartenenti ad associazioni di categoria o agli ordini professionali obbligati a tramettere le dichiarazioni per via telematica per conto dei contribuenti che si rivolgono a loro e nei confronti dei quali sottoscrivono un impegno alla presentazione per via telematica sono:.

  • Commercialisti, Ragionieri e Periti commerciali, Consulenti del lavoro;
  • Periti ed Esperti iscritti al 30 settembre 1993 alla Camera di Commercio, Artigianato, Agricoltura, Industria purché in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza o economia e commercio o equipollenti o di diploma di ragioneria;
  • Avvocati iscritti all’albo;
  • Revisori contabili iscritti nell’apposito registro;
  • Associazioni sindacali di categoria tra imprenditori;
  • Associazioni di soggetti appartenenti a minoranze etnico-linguistiche;
  • Caf - dipendenti;
  • Caf - imprese;
  • Coloro che esercitano in modo abituale l’attività di consulenza fiscale;
  • Notai;
  • Dottori agronomi, forestali, agrotecnici e periti agrari.
  • Studi professionali e società di servizi nel caso in cui almeno la metà degli associati o la metà del capitale sociale sia detenuto da soggetti iscritti ad albi, collegi o ruoli, hanno l’obbligo di presentare le dichiarazioni per via telematica avvalendosi anche di società partecipate dai consigli nazionali, dagli ordini, collegi e ruoli.

Si ricorda che la scadenza dichiarazione iva 2018 per i contribuenti che si rivolgono per la trasmissione del modello agli intermediari abilitati è sempre dal 1° febbraio al 30 aprile 2018.

 

Dichiarazione IVA 2018: Pubblica Amministrazione

Le Amministrazioni Pubbliche, anche autonome, sono obbligate alla presentazione telematica della dichiarazione IVA 2018 tramite Entratel.

Le Amministrazioni per l’invio possono comunque avvalersi di altri incaricati, come ad esempio:

  • il Ministero dell’Economia e delle Finanze per le dichiarazioni delle Amministrazioni dello Stato che hanno erogato nel 2016 compensi o altri valori con ritenuta alla fonte;
  • alle Amministrazioni, ogni Amministrazione Pubblica può infatti demandare l’onere della presentazione delle dichiarazioni in base all’ordinamento o modello organizzativo interno.

La presentazione telematica della dichiarazione IVA 2018 Pubblica Amministrazione, deve avvenire con le stesse modalità stabilite dall’art. 3 del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322 e successive modificazioni e può riguardare, oltre anche il modello 770 e la dichiarazione IRAP.

 

Dichiarazione IVA 2018: società del gruppo

Come funziona la presentazione della dichiarazione IVA 2018 da parte delle società di gruppo?

Per i gruppi societari in cui è presente almeno una società o un ente obbligato alla presentazione della dichiarazione per via telematica, l’invio online del modello IVA può essere eseguito anche da uno o più soggetti apparenti allo stesso gruppo mediante Entratel.

Possono far parte di un gruppo societario: l’ente commerciale, l’ente non commerciale, la società controllante, le società di persone e le società controllate di cui per Azioni, in accomandita e SRL qualora le azioni o le quinte siano possedute dalla controllante o da altra società controllata da questo per più del 50% per cento del capitale sin dall’inizio del periodo d’imposta dell’anno precedente. Tale norma, si applica a:

  • Società e enti obbligati alla redazione del bilancio consolidato;
  • Imprese soggette all’IRES.

Riassumendo, le società del gruppo, possono procedere alla presentazione della dichiarazione IVA 2018 delle altre società appartenenti al gruppo purché se ne assumano l’impegno formale alla presentazione, oppure, possono scegliere di presentare per via telematica la dichiarazione delle società appartenenti allo stesso gruppo ma che operano come rappresentanti fiscali di società estere.
Va inoltre ricordato che le società e gli enti che adempiono all’obbligo di presentazione per via telematica rivolgendosi ad un intermediario abilitato o ad una società del gruppo, non hanno l’obbligo di richiedere l’abilitazione per le trasmissioni telematiche.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili