Dichiarazione dei redditi precompilata 2018: cos'è e come funziona?

Dichiarazione dei redditi 2018 precompilata cos'è e come funziona, compilazione 730 precompilato spese deducibili e detraibili familiari a carico e novità

Stampa

Dichiarazione dei redditi precompilata 2018: ogni anno l'Agenzia delle Entrate, in occasione dell'avvicinarsi della data in cui rende disponibili ai contribuenti il loro 730 precompilato, anticipa con un apposito provvedimento, tutte le informazioni e le novità inserite nel nuovo 730 precompilato 2018 e che riguardano sia i contribuenti privati che i soggetti autorizzati alla visualizzazione, consultazione, integrazione, modifica e accettazione dei modelli precompilati per conto degli assistiti.

Ricordiamo che è dal 16 aprile 2018 in poi che, i cittadini interessati, possono iniziare a visualizzare il proprio modello 730 precompilato 2018 in quanto il 15 aprile, che è la data ordinaria per la messa online della dichiarazione precompilata, cade di domenica.

Vediamo quindi le istruzioni fornite dall'Agenzia delle Entrate su:

  • Cos'è e come funziona la dichiarazione precompilata;
  • Chi ha il 730 precompilato online dal 16 aprile;
  • L'elenco spese detraibili e deducibili inserire nella dichiarazione precompilata;
  • Come accedere e com si presenta da soli o tramite intermediari.

 

Dichiarazione dei redditi precompilata 2018: cos'è?

Che cos'è la Dichiarazione precompilata 2018? La dichiarazione dei redditi precompilata è una dichiarazione già compilata dall'Agenzia delle Entrate. L'Amministrazione Finanziaria, infatti, grazie ad una serie di dati ed informazioni ottenute incrociando quelli già in suo possesso nella banca dati dell'Anagrafe Tributaria con quelli ottenuti da determinati operatori, obbligati all'invio dei dati tramite il sistema della Tessera Sanitaria, come banche, assicurazioni, medici, veterinari, etc.

Una volta ottenute tutte queste informazioni, l'Agenzia, provvede ad elaborare i modelli precompilati e renderli disponibili online dal 15 aprile di ogni anno.

Per la dichiarazione dei redditi precompilata 2018, la data di rilascio online del modello 730 precompilato è il 16 aprile 2018.

Ricordiamo inoltre, che ciascun contribuente può scegliere in piena libertà se presentare entro la scadenza della dichiarazione dei redditi il:

  • 730 precompilato;
  • modello 730/2018 ordinario o,
  • modello Redditi Persone fisiche ex Unico, qualora non in possesso dei requisiti per usare il 730;
  • dal prossimo anno, 2018, come da nuova legge di bilancio, dovrebbe partire la dichiarazione dei redditi precompilata professionisti, autonomi, artigiani e commercianti che hanno optato per l'invio telematico delle fatture.

 

Dichiarazione dei redditi precompilata 2018: come funziona? 

Come funziona la dichirazione dei redditi precompilata? La dichiarazione precompilata funziona così: i contribuenti, interessati ad utilizzare il 730 precompilato ai fini della dichiarazione dei redditi 2018, hanno la possibilità di visualizzare il proprio modello precompilato a partire dal 16 aprile 2018 in poi.

Solo successivamente, ed esattamente dal 2 maggio in poi, il contribuente, può iniziare anche ad operare sul modello precompilato e procedere in caso alla sua accettazione, integrazione o modifica dei dati, qualora questi non dovessero risultare conformi alla realtà.  

A seconda poi che il contribuente accetti o modifichi la dichiarazione proposta dall’Agenzia, verrà attivato un diverso meccanismo di controlli documentali, se infatti la dichiarazione dei redditi precompilata, viene accettata senza alcuna modifica, i dati relativi alle spese detraibli e deducibili pervenuti dai soggetti terzi tramite il sistema della Tessera Sanitaria, non saranno sottoposti a verifica.

Nel caso in cui, invece, il contribuente modifichi o integri il 730 precompilato da solo o tramite Caf, commercialista o altro intermediario autorizzato, i quali sono tenuti anche all’apposizione del visto di conformità 730 sui dati della dichiarazione precompilata, scattano i controlli documentali anche sui dati forniti all’Agenzia dai soggetti terzi.

 

Dichiarazione precompilata: chi ha il 730 precompilato online? 

Chi sono i contribuenti per i quali l'Agenzia rende diponibili i 730 precompilati online?

I contribuenti destinatari della dichiarazione 730 precompilata sono:

  • Lavoratori dipendenti e pensionati;
  • Lavoratori dipendenti e pensionati che hanno ricevuto dal datore di lavoro o ente pensionistico la Certificazione Unica 2018
  • Produttori agricoli che nel 2017 hanno avuto un volume d'affari sotto ai 7.000 euro, che appartengono alla macro-area A Ateco 2007 e che hanno presentato il 730 o Unico compilando il quadro dei terreni senza presentare la dichiarazione Iva.
  • Novità: è ora possibile anche presentare la dichiarazione dei redditi precompilata tramite l'applicazione web anche ai contribuenti per i quali non è stata elaborata la dichiarazione precompilata. Per utilizzarla, non devono far altro che compilare il 730 precompilato dei soli dati anagrafici.
  • Il 730 precompilato può essere presentato anche in forma congiunta.

 

Dichiarazione dei redditi 2018 precompilata: spese deducibili e spese detraibili

Ai fini della dichiarazione dei redditi 2018 precompilata, l'Agenzia delle Entrate, inserisce le seguenti spese deducibili e detraibili 2018:

  • Interessi passivi del mutuo;
  • premi di assicurazione sulla vita, causa morte e infortuni;
  • contributi previdenziali e assistenziali versati all'Inps, Inail, ecc;
  • contributi colf, badanti e lavoratori domestici in generale;
  • spese sanitarie, spese mediche + rimborsi;
  • spese veterinarie per la cura e l'assistenza degli animali domestici;
  • spese universitarie;
  • contributi per la previdenza complementare;
  • spese funebri;
  • spese realtive al bonus ristrutturazioni ed Ecobonus risparmio energetico.

 

730 precompilato spese deducibili e detraibili familiari a carico:

L'agenzia delle Entrate nel predisporre la dichiarazione precompilata del contribuente, individua i familiari a carico solo sui dati, anche reddituali, comunicati dai sostituti d’imposta, ossia, datori di lavoro ed enti pensionistici, mediante la Certificazione unica.

Nel caso in cui, tali oneri detraibili e deducibili familiari a carico, non fossero presenti nel 730 precompilato, perché sostenute a nome di un soggetto diverso o attribuite in percentuale diversa da quella spettante, il contribuente è obbligato a modificare la dichiarazione precompilata.

Gli oneri deducibili o detraibili per i familiari a carico riportati nella dichiarazione precompilata sono:

  • Le spese sanitarie e mediche;
  • spese universitarie
  • Premi assicurativi
  • contributi previdenziali;
  • contributi versati alla previdenza complementare;
  • contributi versati ad enti e casse aventi fine assistenziale.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili