Detrazione spese disturbi dell'apprendimento: cos’è e come funziona?

Detrazione spese disturbo dell'apprendimento 2018 cos’è come funziona e quanto spetta acquisto uso strumenti dislessia disgrafia disortografia discalculia

Stampa

Detrazione spese disturbi dell’apprendimento 2018: per il solo anno 2018, la Legge di Bilancio 2018 ha riconosciuto la possibilità di portare in detrazione dalla dichiarazione dei redditi 2019, le spese sostenute dai contribuenti per l'acquisto o l'uso di strumenti atti a facilitare l'apprendimento da parte di minorenni e maggiorenni, fino al completamento della scuola secondaria di secondo grado (scuola superiore), affetti da DSA, disturbo specifico di apprendimento.

La nuova detrazione spese disturbo apprendimento, a differenza delle spese mediche tradizionali, non è soggetta alla franchigia d 129,11 euro e ciò significa che la detrazione al 19% è calcolata sull'intero ammontare della spesa sostenuta nel 2018, e non quindi sulla quota eccedente la suddetta franchigia.

Alla luce di questa importante novità andiamo a vedere la detrazione spese disturbi dell'apprendimento cos'è e come funziona, a chi spetta, quali sono i requisiti da rispettare per fruire della detrazione delle spese e quali disturbi rientrano nel DSA.

 

Detrazione spese disturbi dell'apprendimento 2018: cos’è?

Che cos'è la detrazione spese disturbi dell'apprendimento 2018?

  • La detrazione spese disturbi dell'apprendimento 2018, è una nuova detrazione fiscale introdotta con la scorsa Legge di Bilancio al fine di consentire la detraibilità delle spese sostenute dai contribuenti per l'acquisto o l'uso di strumenti che favoriscono l'apprendimento in quei soggetti minorenni e maggiorenni, fino al completamento della scuola superiore, affetti da DSA, disturbo specifico di apprendimento.
  • La suddetta nuova detrazione è valida solo per le spese sostenute nel corso del 2018 e produrrà i suoi effetti nella dichiarazione dei redditi 2019 anno 2018.

Vediamo ora la detrazione spese disturbo dell'apprendimento come funziona e quanto spetta.

 

Detrazione spese disturbo apprendimento: come funziona?

Detrazione spese disturbo dell'apprendimento come funziona? La detrazione spese acquisto e uso strumenti atti a favorire l'apprendimento funziona così:

- la Legge di bilancio 2018 ha riconosciuto una nuova detrazione fiscale a favore dei contribuenti che nel corso del solo anno 2018 sostengono spese per lacquisto o l'utilizzo di strumenti in grado di favorire l'apprendimento in minorenni e maggiorenni fino al completamento della scuola superiore, affetti da DSA, Disturbo specifico di apprendimento.

- la nuova detrazione spese disturbo dell'apprendimento è valida solo per l'anno 2018 e produrrà effetti solo nella dichiarazione dei redditi 2019.

- con la detrazione spese disturbo apprendimento 2018, si ha diritto ad una detraibilità spese del 19% da calcolare senza tener conto della franchigia di 129,11 euro, la tradizionale franchigia da applicare alle spese mediche detraibili. Il calcolo della detrazione 19% si applica quindi sull'intero importo e non dalla quota eccedente la franchigia.

- per la nuova detrazione fiscale non è previsto neanche un limite di massimo di spesa oltre il quale il beneficio non è ammesso cosa che invece accade con le spese d’istruzione.

- indispensabile ai fini di fruizione e riconoscimento dell'agevolazione fiscale, dimostrare e documentare l’utilità della spesa ai fini dell’apprendimento del minorenne/maggiorenne. A tal fine occorrono i seguenti documenti necessari:

  • Certificato medico attestante il collegamento funzionale tra i sussidi/strumenti acquistati e il tipo di disturbo diagnosticato;
  • documento di acquisto o di utilizzo dello strumento.

 

A chi spetta la detrazione spese disturbo dell'apprendimento? Requisiti:

A chi spetta la detrazione spese disturbo dell'apprendimento? La detrazione spese disturbi per l'apprendimento spetta nel 2018 a:

  • minorenni;
  • maggiorenni fino al completamento della scuola secondaria di secondo grado (scuola superiore).

Detrazione spese disturbo dell'apprendimento requisiti: i contribuenti per fruire della detrazione al 19% delle spese per l'acquisto e l'uso di strumenti atti a favorire l'apprendimento, devono rientrare in determinati requisiti, in primis occorre che il giovane sia affetto da DSA, disturbo specifico di apprendimento.

Tra le patologie che rientrano nel DSA che sono quindi ammissibili nell'agevolazione, abbiamo:

  • dislessia: difficoltà nell'imparare a leggere e a decifrare i segni linguistici incidendo sulla correttezza e nella rapidità della lettura;
  • disgrafia: disturbo neuromotorio della scrittura;
  • disortografia: difficoltà nell'apprendimento della scrittura;
  • discalculia: difficoltà negli automatismi di calcolo e di elaborazione dei numeri.

 

Detrazione spese acquisto uso strumenti per l'apprendimento: per cosa e quanto spetta?

Detrazione spese disturbo dell'apprendimento per cosa spetta? La detrazione spetta per:

  • Acquisto di strumenti compensativi e sussidi tecnici/informatici necessari all'apprendimento;
  • Uso di strumenti compensativi atti a favorire la comunicazione verbale ed assicurare i ritmi graduali di apprendimento delle lingue straniere.

Strumenti compensativi cosa sono? Gli strumenti compensativi agevolabili con la nuova detrazione fiscale, non sono altro che strumenti didattici e tecnologici che aiutano i giovani studenti in quei processi in cui hanno dei deficit. Tra i più comuni strumenti compensativi abbiamo ad esempio:

  • la sintesi vocale, che trasforma un compito di lettura in un compito di ascolto;
  • il registratore che consente all'alunno di non dover scrivere gli appunti della lezione;
  • i programmi di video scrittura con correttore ortografico, che consentono di scrivere e sviluppare dei testi corretti senza che vi sia l'affaticamento del giovane nella rilettura e nella correzione degli errori;
  • la calcolatrice o altri strumenti come tabelle, formulari, mappe concettuali, ecc che aiutano lo studente nei calcoli matematici.

Quanto spetta di detrazione spese acquisto o uso strumenti per l'apprendimento? La detrazione che spetta a chi acquista o usa i suddetti strumenti è pari ad una detrazione al 19% da calcolare sul totale della spesa effettuata nel corso del 2018 senza considerare la franchigia.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili