Decreto Milleproroghe 2018: cosa prevede il testo e quali novità?

Decreto Milleproroghe 2018 testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ecco le novità bonus 18 anni, intercettazioni, ISEE, scuole, graduatorie e province?

Stampa

Decreto Milleproroghe 2018 cosa prevede il testo del maxiemendamento pubblicato in Gazzetta Ufficiale?

In base a quanto previsto dal testo del Milleproroghe 2018, dato in visione in esclusiva all'Ansa, il maxi provvedimento sarebbe composto da 11 articoli riguardanti diverse misure che vanno dallo slittamento delle graduatorie della scuola alla riconferma del bonus 18 enni anche nel 2018, dalla proroga per la certificazione dei danni relativi ai terremoti alle novità sull'ISEE dal 2019, dai certificati veterinari alla riforma delle intercettazioni.

Ultimo aggiornamento: il decreto Milleproroghe nello specifico DECRETO-LEGGE 25 luglio 2018, n. 91, proroga di termini previsti da disposizioni legislative. (18G00118) (GU 

Serie Generale n.171 del 25-07-2018) è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ed è entrato in vigore dal 26 luglio 2018.

In sede di ricoversione della legge, la Camera ha posto la fiducia sul decreto legge Milleproroghe con 329 voti favorevoli, 220 contrari e 4 astenuti.

Alla luce di questo importante maximendamento andiamo a vedere cosa prevede il testo del decreto Milleproroghe e quali novità contiene.

 

Decreto Milleproroghe cos'è?

Che cos’è il decreto Milleproroghe? Il Milleproroghe è un maxi emendamento che i vari Governi che si sono succeduti alla guida del nostro Paese, hanno utilizzato e continuano ad utilizzare, per posticipare l’entrata in vigore di alcune norme.

Dal primo Milleproroghe, emanato nel 2005 come misura legislativa atta a prorogare determinate leggi in scadenza, sono passati 13 anni e malgrado diverse critiche, si continua ad utilizzare questo espediente sempre per lo stesso motivo: prorogare con un solo maxi decreto tante leggi.

Da qui il nome di decreto Milleproroghe.

E che cos’è il Milleproroghe 2018? Il decreto Milleproroghe 2018 è il nuovo maxiemendamento che il neo governo Conte si sta apprestando a varare, nonostante che la emanazione di questo provvedimento sia solitamente verso la fine dell'anno e non certamente in estate come dovrebbe avvenire invece in questo 2018.

A prescindere dal periodo di emanazione del Milleproroghe, quello di quest'anno contiene comunque importanti novità ed ovviamente tante proroghe di varie norme in scadenza e misure. 

Nel testo del decreto Milleproroghe 2018 pubblicato in GU, si trovano 11 articoli che vanno ad esempio dalla proroga dell’entrata in vigore della riforma delle intercettazioni prevista a partire dal prossimo 26 luglio al suo posto, un articolo ad hoc che non solo sterilizza la norma ma rinvia la scadenza di attuazione al 31 marzo 2019, permettendo così a Lega e M5s di modificare la legge tanto voluta dall’ex ministro di Giustizia, Andrea Orlando alla riconferma del bonus cultura 2000 fino alla proroga dell’obbligo di ricetta elettronica per la prescrizione dei farmaci veterinari fino al 1° dicembre 2018. 

Ma andiamo con ordine e andiamo in dettaglio cosa prevede il testo del decreto Milleproroghe 2018 mentre ecco cosa prevede il testo della nuova Manovra 2019 e del decreto fiscale 2019.

 

Milleproroghe 2018: cosa prevede il testo in Gazzetta Ufficiale- articolo 1 al 5

Testo decreto Milleproroghe 2018: cosa prevede? Ecco cosa prevede il testo del decreto Milleproroghe 2018 pubblicato in Gazzetta Ufficiale:

Il testo Milleproroghe 2018 è composto di 11 articoli che prevedono le seguenti novità:

DECRETO-LEGGE PROROGA TERMINI

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;

Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza di provvedere alla proroga e definizione di termini di prossima scadenza al fine di garantire la continuità, l’efficienza e l’efficacia dell’azione amministrativa;

Vista la deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella riunione del 29 dicembre 2016;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei ministri;

EMANA

il seguente decreto-legge:

  • Articolo 1, Elezioni provinciali: proroga per il mandato dei presidenti di provincia e dei consiglieri provinciali fino al 14 ottobre 2018 e nello stesso giorno si terranno le elezioni in un'unica giornata.
  • Articolo 2, Giustizia
    • sospese fino al 15 febbraio 2019 la gran parte delle norme attuative relative alla partecipazione a distanza ai processi da parte di persone sottoposte ai programmi di protezione. Proroga al 1° gennaio 2022, la sezione distaccata del tribunale di Napoli ad Ischia. 
    • Proroga riforma delle intercettazioni: approvata in via definitiva dal consiglio dei ministri lo scorso dicembre, la riforma delle intercettazioni, fortemente voluta dall'allora ministro della Giustizia, Andrea Orlando, sarà rinviata dal Milleproroghe dal 26 luglio 2018 al 31 marzo 2019. Il rinvio con un apposito articolo nel Milleproroghe mira a sterilizzare la norma e rinviare la sua entrata in vigore in modo da consentire al nuovo governo Conte di modificare la riforma perché fortemente criticata da avvocati e giurisiti perché darebbe troppo potere alla polizia giudiziaria, unica a a decidere quali intercettazioni sono rilevanti e quali no e perché limiterebbe il diritto di difesa. 
  • Articolo 3, proroga denuncia del possesso di piante esotiche invasive: rinviata la scadenza al 31 agosto 2019;
  • Articolo 4, Proroga Lavori messa in sicurezza delle scuole: rinvio al 31 dicembre 2019 dei rendiconti dei lavori fatti per la messa in sicurezza delle scuole.
  • Proroga ISEE precompilato al 2019: il termine per l'avvio del cd. Isee precompilato da parte di INPS e Agenzia delle Entrate è stato prorogato da settembre 2018 al 2019.

Per leggere il Milleproroghe 2018 testo decreto pubblicato in GU.

 

Testo decreto Milleproroghe 2018 novità: articoli da 6 a 10

Ecco le altre novità del testo decreto Milleproroghe 2018:

- Articolo 6, graduatorie Scuole: "all’articolo 37, comma 5, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 64, le parole dall’anno scolastico 2018/19 sono sostituite dalle seguenti: dall’anno scolastico 2019/2020. La validità delle graduatorie vigenti per l’anno scolastico 2017/18 è prorogata per l’anno scolastico 2018/2019 per le assegnazioni temporanee di cui all’articolo 24 e per le destinazioni all’estero sui posti che si rendono disponibili nell’ambito dei contingenti di cui agli articoli 18, comma 1, e 35, comma 2".

- Vaccini obbligatori: il comma 3 dell'articolo 6 del decreto Milleproroghe 2018 che doveva cancellare solo per quest'anno, l'obbligo vaccinale introdotto dalla legge Lorezin per i bambini da 0 a 6 anni è stato cancellato, per maggiori informazioni leggi: obbligo vaccini scuola 2018/2019.

- Articolo 7, Proroga bonus cultura 2018: buone notizie per i neo maggiorenni, il decreto Milleproroghe conferma ufficialmente la proroga bonus cultura 2000 per 18enni che compiono la fatidica età nel 2018. Il ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli, ha poi confermato anche la possibilità di ottenere il bonus 500 euro anche per chi compierà 18 anni nel 2019 mentre nel 2020, arriverà la rimodulazione che prevederà "misure a lungo termine tali da stimolare la ricerca di cultura fra i giovani, non solo i diciottenni, ed evitare le distorsioni verificatesi nel passato".

- Articolo 8, Proroga Fondi SSN: prorogati per il 2018-2020 i criteri applicati fino al 2017 circa le forme premiali nel riparto dei fondi per il servizio sanitario nazionale tra le Regioni.

- Articolo 9, Proroga comunicazione danni terremoto Abruzzo: la scadenza per presentare, pena decadenza, la comunicazione dei dati relativi all'ammontare dei danni subiti nel terremoto dell'Abruzzo del 6 aprile 2009, è stato prorogato "al trecentesimo giorno successivo alla comunicazione di avvio del procedimento di recupero" indicato dal Dpcm pubblicato il 9 marzo 2018.

- Articolo 10, Infrastrutture Università di Napoli 2019: slitta al 31 maggio 2019, la scadenza per la consegna delle infrastrutture per le Universiadi che si terranno a Napoli nel 2019.

 

Milleproroghe 2018 da quando entra in vigore il decreto?

Milleproroghe 2018 da quando entra in vigore? In base a quanto previsto dall'ultimo articolo del decreto Milleproroghe 2018, articolo 11, l'entrata in vigore del Milleproroghe è a partire dal giorno successivo alla pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale, per cui dal 26 luglio 2018 e poi sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.

Insieme al Milleproroghe 2018 anche il nuovo decreto Dignità 2.0.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?