Certificazione Unica 2017 modello CU: CUD in pdf editabile word

Certificazione Unica modello Cu 2017 in pdf editabile word per compilare inviare e stampare on line gratis documento per dipendenti pensionati autonomi

Stampa

Certificazione Unica 2017 modello Cu per i lavoratori dipendentipensionati e autonomi.

In base all'attuale normativa, i datori di lavoro, enti pensionistici e committenti, sono tenuti a trasmettere per via telematica all'Agenzia delle Entrate, tutti i redditi e le informazioni del lavoratore, entro e non oltre il 7 marzo mentre la consegna del modello CU Certificazione Unica, va effettuata entro la scadenza del 31 marzo 2017.

La nuova certificazione unica 2017 consente pertanto ai datori di lavoro, enti pensionistici, committenti di:

  • compilare il modello CU direttamente dal proprio pc, inserendo i propri dati personali, quelli del lavoratore, i dati fiscali ai fini della dichiarazione dei redditi, le eventuali detrazioni per carichi di famiglia, cedolare secca, credito non riconosciuto per famiglie numerose, per i canoni di locazioni,  contributi di previdenza sociale e complementare, dati relativi ai conguagli ecc e la scelta per la destinazione dell’otto, del 5 o del 2 per mille.
  • scaricare, salvare e stampare la Cu 2017 per la consegna del modello al lavoratore entro il 31 marzo.

 

Modello CUD 2017:

Il Modello Cu 2017, contiene tutte le somme erogate dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico ai lavoratori dipendenti e assimilati e pensionati nell’arco dell’anno precedente, ed è strutturato in diverse sezioni di dati dedicate al datore di lavoro, al contribuente, ai dati fiscali e infine una ai dati previdenziali.

Modello Certificazione Unica 2017:

  • Certificazione Unica 2017 Agenzia delle Entrate;
  • Istruzioni modello Cu 2017;
  • Specifiche tecniche invio telematico Cud 2017.

 

Certificazione unica 2017: a cosa serve?

La Certificazione Unica, ex modello CUD, è un documento fiscale che viene consegnato al dipendente, pensionato o al lavoratore autonomo entro il 31 marzo di ogni anno da parte del datore di lavoro, dall’ente pensionisticoo dal committente in formato cartaceo o in formato elettronico on line in pdf.

Tale certificazione, in altre parole, riassume i redditi percepiti durante l’arco del precedente anno, da parte dei lavoratori dipendenti e assimilati come per esempio i compensi ricevuti da parte dei soci di cooperative di produzione e lavoro, le remunerazioni dei sacerdoti o gli assegni periodici corrisposti al coniuge, oppure i redditi derivati dalle pensioni erogate dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico che è utili ai fine della Dichiarazione dei Redditi annuale.

Nello specifico, nel CUD sono contenuti i seguenti dati e informazioni:

  • Somma complessiva dei redditi erogati nel corso del 2016 ai lavoro dipendenti, pensionati e autonomi assoggettati a tassazione ordinaria, a tassazione separata, a ritenuta a titolo d’imposta e a imposta sostitutiva.
  • Ritenute di acconto operate dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico sui redditi percepiti nell’anno 2016 e versate all’Erario.
  • Detrazioni effettuate per carichi familiari, contributi previdenziali, famiglia numerosa ecc.

La certificazione unica 2017 viene anche utilizzata per certificare la somma complessiva dei redditi percepiti nell’anno 2016 che non hanno concorso alla formazione del reddito imponibile ai fini fiscali e contributivi, dei dati previdenziali e assistenziali relativi alla contribuzione versata o dovuta all’Inps, comprensivo delle gestioni ex Inpdap.

Certificazione unica errata o omessa? Leggi sanzioni certificazione Unica 2017.

 

Quali dati contiene la certificazione Unica 2017?

Dati fiscali Certificazione Unica 2017:

Somme alle quali viene applicata la tassazione ordinaria: Compensi con ritenuta a titolo d’imposta, e quelli assoggettati a imposta sostitutiva

Somme alle quali viene applicata una tassazione separata: come per esempio le indennità per TFR erogate nell’anno, Acconto addizionale comunale all’Irpef, Prima rata di acconto, seconda o unica rata della cedolare secca, prestazioni pensionistiche dei fondi di previdenza complementare erogate in forma di capitale, arretrati di anni precedenti.

Oneri come i canoni di locazione, cessione del V°;

Altri dati come: Detrazioni per carichi di famiglia, famiglie numerose, Credito d’imposta per le imposte pagate all’estero, il numero dei giorni di lavoro dipendente e/o pensione.

Dati previdenziali nella Certificazione Unica 2017:

Nella parte della Cu relativa ai dati previdenziali, troviamo invece:

Dati previdenziali e assistenziali: Sezione 1 dedicata ai Lavoratori Subordinati, Sezione 2 Collaborazioni Coordinate e Continuative, Sezione 3 relativa alla contribuzione versata o dovuta all’Inps e all’ex Inpdap.

Importo totale dei contributi previdenziali e assistenziali a carico del lavoratore versati e/o dovuti agli stessi enti previdenziali.

 

Certificazione unica scadenza: quando si consegna modello Cu?

La Certificazione Unica 2017 deve essere consegnata dal datore di lavoro, dall'ente pensionistico o dal committente in duplice copia direttamente al dipendente, pensionato o lavoratore autonomo entro il 31 marzo 2017, oppure, entro 12 giorni in caso di cessazione del rapporto di lavoro.

Si ricorda a tale proposito che la consegna Cud INPS, viene effettuata solo in modalità telematica online scaricabile dal sito ufficiale www.inps.it mediante PIN Dispositivo, per avere informazioni e per maggiori approfondimenti vedere: richiesta Pin Online Inps.

 

Dichiarazione dei redditi 2017 e destinazione 8, 5, 2 per mille Irpef:

Chi è esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei redditi 2017 per l’anno d’imposta 2016?

Sono esonerati dalla Dichiarazione dei Redditi 2017 per l’anno d’imposta 2016, i lavoratori dipendenti e pensionati che nel corso di tutto l’anno 2016, hanno percepito solo i redditi indicati nel Modello Cud 2017, a patto però che il datore di lavoro o l’ente pensionistico abbiano eseguito correttamente il conguaglio delle imposte.

Il contribuente esonerato, può comunque scegliere di presentare ugualmente la dichiarazione dei redditi tramite Modello 730 o UNICO:

Spese deducibili e detraibili ai fini IRPEF: sostenute dal lavoratore o dal pensionato nel corso del 2016 per Spese Mediche e Veterinarie,Spese sanitarie per disabili, spese Funebri, Sportive, interessi per mutui ipotecari per l’acquisto dell’abitazione principale ecc. Elenco completo Spese deducibili e detraibili ai fini IRPEF.

Scelta di destinare l’8, 5 o 2 per mille IRPEF: tramite apposito modello consegnato contestualmente al Cud 2017. 

I contribuenti esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi 2017 all’Agenzia delle Entrate possono comunque scegliere di consegnare al sostituto d’imposta o ai Caf e professionisti autorizzati alla ricezione, solo la scheda allegata al Cud 2017 per la:

Destinazione dell’8 per mille Irpef:

  • per scopi sociali ed umanitari gestiti dallo Stato.
  • per scopi sociali ed umanitari gestiti dalla Chiesa cattolica.
  • per scopi sociali, umanitari e assistenziali, in Italia e all’estero, gestiti direttamente sia attraverso un ente all’uopo costituito da parte dell’Unione Italiana delle Chiese cristiane avventiste del settimo giorno.
  • per interventi umanitari nei paesi del terzo mondo.
  • per scopi sociali, culturali ed umanitari gestiti dalla Chiesa Valdese, Unione delle Chiese metodiste e Valdesi
  • per scopi sociali, culturali ed umanitari in Italia e all’estero, gestiti direttamente dalla Chiesa Evangelica Luterana in Italia e attraverso le Comunità ad essa collegate.
  • per la tutela degli interessi religiosi degli ebrei in Italia, per la promozione della conservazione delle tradizioni e dei beni culturali ebraici, per la salvaguardia del patrimonio storico, artistico e culturale, ecc.
  • per il mantenimento dei ministri di culto, per la realizzazione e la manutenzione degli edifici di culto e di monasteri, per scopi filantropici, assistenziali, scientifici e culturali da realizzarsi anche in paesi esteri della Sacra Arcidiocesi ortodossa d’Italia ed Esarcato per l’Europa.
  • per fini di culto, istruzione assistenza e beneficienza a favore della Chiesa apostolica in Italia.

Destinazione del 5 per mille dell’IRPEF:

Il contribuente può scegliere di destinare il cinque per mille della propria IRPEF per le seguenti finalità:

  • sostegno a favore di: volontariato e altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all’articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460 e successive modificazioni. associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionali, regionali e provinciali, previsti dall’articolo 7, commi 1, 2, 3 e 4, della legge 7 dicembre 2000, n. 383. associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’articolo 10, comma 1, lett.a), del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460.
  • finanziamento della ricerca medica, scientifica e universitaria.
  • valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici.
  • attività sociali svolte dal comune di residenza del contribuente.
  • associazioni sportive dilettantistiche riconosciute ai fini sportivi dal CONI.

Destinazione 2 per mille per partiti politici o associazioni culturali.

 

Certificazione Unica Colf 2017: modello Editabile Compilabile Salvabile

Il Modello Cud 2017per i collaboratori domestici, Colf e Badanti, Baby sitter e assistenti famigliari, va consegnato dal datore di lavoro al lavoratore entro il 31 marzo 2017 tramite la sottoscrizione della: Dichiarazione Sostitutiva del Modello Cud Colf e Badanti.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili