Fattura elettronica: costo 2018 per software commercialista e spese

Costo fattura elettronica 2018 commercialisti, quanto costa software fatturazione elettronica firma digitale conservazione sostituiva 10 anni e-fatture

Stampa

Costo fattura elettronica 2018: come tutti saprete a partire dal 1° luglio 2018 arriva in Italia un nuovo adempimento quello della fatturazione elettronica obbligatoria per le cessioni di carburanti come benzina e di gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori e per le prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con una PA.

A partire poi dal 1° settembre 2018  l'obbligo sarà esteso alle fatture tax free shopping e dal 1° gennaio 2019 la fattura elettronica sarà obbligatoria per tutti i privati titolari di partita IVA.

Per effetto della Legge di bilancio 2018, infatti, entra in vigore il prossimo anno l'obbligo fattura elettronica 2019 per tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati in Italia, dal quale 

Dal 1° gennaio 2019 arriva pertanto in Italia la fattura elettronica tra privati e al fine di semplificare le operazioni relative alla sua emissione, gestione, trasmissione e conservazione, l'Agenzia delle Entrate ha chiarito nel provvedimento del 30 aprile 2018 e nella circolare 8/E sempre del 30 aprile 2018, che i soggetti privati obbligati potranno utilizzare gratuitamente il software fattura elettronica agenzia entrate noto con il nome di SdI, Sistema di Interscambio o utilizzare, anche a pagamento, programmi di fatturazione elettronica presenti sul mercato purché rispettosi degli standard previsti dalla legge.

Alla luce di queste importanti novità abbiamo quindi voluto scrivere un articolo che tratti i costi fattura elettronica 2018, quanto costa emettere, gestire, conservare le e-fatture, il costo per attivare il servizio di firma digitale, marcatura temporale e conservazione digitale per 10 anni.

 

Fattura elettronica 2018: cos'è?

Per spiegare in dettaglio il costo della fatturazione elettronica 2018, dobbiamo spiegare prima che cos'è la fattura elettronica 2018 e che cosa richiede la legge affinché una e-fattura sia considerata valida a livello legale, fiscale e tributario.

Per cui per spiegare la fattura elettronica cos'è, bisogna far riferimento alla definizione usata dall'Agenzia delle Entrate nel provvedimento 89757/2018 del 30 aprile 2018 e cioé che "la fattura elettronica è un documento informatico, in formato strutturato, trasmesso per via telematica al Sistema di Interscambio e da questo recapitato al singolo ricevente". 

In pratica la fattura elettronica è una fattura tradizionale redatta su formato digitale XML emessa e ricevuta rispettando i requisiti standard issati dalla legge in termini di autenticità, integrità e leggibilità del contenuto dal momento della data della sua emissione fino al completamento del periodo di conservazione digitale che è di 10 anni.

 

Fattura elettronica requisiti 2018: 

Quali sono i requisiti 2018 per la fattura elettronica? I requisiti fattura elettronica che ciascuna e-fattura deve possedere, sono:

1) Autenticità dell'origine della fattura elettronica: ciò vuol dire che l'identità del prestatore/fornitore di servizi/beni o dell'acquirente/committente, deve essere essere sempre certa; in mancanza di tale requisito, la e-fattura non è valida.

2) Integrità del contenuto della fattura elettronica: significa che i dati obbligatori elencati all’art. 21 del DPR 633/72 la norma che regola l'imposta sul valore aggiunto, IVA, non devono poter essere alterati. Sempre nel provvedimento del 30 aprile 2018, l'Agenzia delle Entrate hanno chiarito che "la fattura elettronica è un file in formato XML non contenente macroistruzioni o codici eseguibili tali da attivare funzionalità che possano modificare gli atti, i fatti o i dati nello stesso rappresentati".

3) Leggibilità della fattura elettronica: il terzo ed ultimo requisito che deve possedere una e-fattura è il requisito della leggibilità che vuol dire:

  • rendere la fattura ed i suoi dati, subito disponibili in un formato che sia leggibile online o su supporto cartaceo;
  • poter verificare che le informazioni del file elettronico originale non siano state alterate rispetto a quello effettivamente presentato;
  • poter disporre, per tutto il periodo di conservazione obbligatoria, di un programma di visualizzazione delle e-fatture adeguato ed affidabile;
  • rendere la fattura leggibile anche solo in sede di accesso, ispezione, accertamento e verifica.

E come fare a garantire i requisiti di autenticità, integrità e leggibilità della fattura elettronica? Con programmi per la fatturazione elettronica tra privati, software, firma digitale, marcatura temporale e conservazione sostitutiva, tutte voci che impongono dei costi sia per chi emette la e-fattura che per chi la riceve.

 

Fattura elettronica 2018 come fare:

Come fare una fattura elettronica nel 2018? Per poter emettere una fattura elettronica, occorre innanzitutto dotarsi di:

  • un apposito programma di fatturazione elettronica, solitamente a pagamento, oppure utilizzare gratis il software fattura elettronica agenzia entrate, chiamato SdI, Sistema di Interscambio;
  • una volta scelto il proprio software, si passa alla generazione della fattura originale;
  • creata la e-fattura bisogna apporvi la firma digitale per certificare autenticità, integrità e leggibilità del documento emesso.
  • a questo punto occorre attribuire alla fattura un codice identificativo in modo da averla subito disponibile nell'archivio digitale. Tale procedura prende il nome di indicizzazione e di effettua associando alla fattura elettronica, un numero progressivo, la partita IVA del cliente/fornitore, servizio o prodotto. 
  • Ora la fattura creata è stata firmate ed indicizzata, per cui può essere inserita nel lotto di conservazione. La conservazione della fattura elettronica si fa pertanto inserendo la e-fattura in una apposita cartella che raccoglie tutte le fatture emesse ad esempio nella stessa giornata o nello stesso mese.
  • Inserita la fattura nel lotto di conservazione, la procedura termina con la chiusura del lotto con la marcatura temporale fattura elettronica e la firma digitale da parte del Responsabile della conservazione sostitutiva, ossia, il contribuente che emette la fattura.
  • La e-fattura può essere trasmessa al ricevente tramite il programma a pagamento o gratuitamente tramite SdI Agenzia Entrate.

 

Costo fattura elettronica 2018: costi e voci di spesa

Tutte queste operazioni per emettere una fattura elettronica nel 2018 hanno ovviamente costi diversi.

Partiamo subito dicendo che tutti i contribuenti obbligati alla fattura elettronica tra privati dal 2019 e alla fattura elettronica 2018 per carburanti, subappalti e subcontraenti, e tax free shopping, possono comunque utilizzare, come già chiarito dall'Agenzia delle Entrate nella circolare 8/E del 30 aprile 2018, il software fattura elettronica agenzia entrate gratis, chiamato con il nome di SdI, Sistema di Interscambio. Tale programma già usato per le fatture elettroniche rivolte alla Pubblica Amministrazione, con la cd. fatturaPA, è stato infatti esteso anche a tutti i contribuenti privati titolari di partita IVA per far fronte al nuovo obbligo fattura elettronica tra privati dal 2019.

Per coloro invece che non intendono utilizzare l'SdI Agenzia Entrate, è possibile utilizzare i vari programmi di fatturazione elettronica a pagamento presenti sul mercato, purché rispettino tutti i requisiti prefissati dalla legge.

Ma esattamente quanto costa la fattura elettronica 2018? Il costo fattura elettronica 2018 dipende da vari fattori, in primis i costi di attivazione del servizio di fatturazione elettronica con conservazione digitale.

Per cui nel calcolo del costo della fatturazione elettronica bisogna tenere conto delle seguenti voci di spesa:

  • Canone di attivazione del servizio: ossia il programma o software da usare per la creazione, gestione, trasmissione della fattura elettronica;
  • Il certificato della Firma digitale;
  • Trasmissione della fattura con firma digitale;
  • Visualizzazione e possibile Integrazione delle e-fatture;
  • L'apposizione della marcatura temporale;
  • Conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche  che per legge ha una durata di 10 anni.

Ovviamente tutte queste voci di spesa vanno a sostituirsi con i costi che il professionista o l'azienda sostiene per la gestione della fatturazione tradizionale cartacea.

Ecco una pratica tabella che raccoglie alcuni esempi di costo fattura elettronica 2018:

Fattura elettronica costoprezzo/servizio
Costo fattura elettronica Aruba

DocFly Fatturazione:

25,00 euro + IVA/anno con:

  • Servizio + 1 GB di spazio incluso.
Costo fatturazione elettronica Aruba - Conservazione digitale

DocFly - Conservazione Sostitutiva

25,00 euro + IVA/anno con:

  • Conservazione Sostitutiva di base
  • 1 Archivio, 1 GB di spazio di conservazione, 2 classi documentali, 3 Utenti
Fattura elettronica Infocert - Legalinvoce PA costi:
  • gratis per i primi 6 mesi;
  • 79,00 euro + IVA per 12 mes: 
    • Inclusi firma, invio e conservazione delle fatture.
Fattura elettronica Poste Italiane prezzo:costo 120 euro l'anno con spazio 10 MB e: 
  • Importazione o generazione fattura in formato xml;
  • firma digitale,
  • invio tramite il Sistema di Interscambio;
  • conservazione sostitutiva per 10 anni.

 

Onorario Fattura elettronica commercialisti: quanto costa?

Onorario fattura elettronica commercialisti: quanto costa la fattura elettronica se emessa attraverso il commercialista? Abbiamo già detto che i costi della fatturazione elettronica dipendono da tantissimi fattori come ad esempio il tipo di software, i servizi acquistati, numero fatture, se poi si decide di affidare tutta la fatturazione elettronica al commercialista, ecco che i costi diventano ancora più importanti.

Secondo i primi calcoli il costo di una fattura elettronica per chi ha un volume di affari di medie dimensioni può aggirarsi dagli 1 o 2 euro a fattura mentre se affidata al commercialista, può arrivare fino anche a 5 euro.

Ecco un esempio generico di prezzi, tariffe e onorario fattura elettronica costo commercialisti:

Onorario fattura elettronica commercialistiprezzo/costi
Fattura elettronica fai da teda 1 a 2 euro
Fattura elettronica singola commercialistada 4 a 5 euro
Pacchetto n. 5 fatture elettronicheda 18 a 20 euro
Pacchetto n. 10 fatture elettronicheda 30 a 35 euro
Pacchetto n. 25 fattureda 40 a 50 euro
Pacchetto n. 50 fattureda 60 a 70 euro
Pacchetto 100 fatture elettroniche costo:da 100 a 130 euro
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili