Certificazione spese mensa scolastica: modulo fac simile scuola

Certificazione spese mensa scolastica nuovo modello fac simile da portare in segretaria scuola per il rilascio attestazione delle somme pagate e detraibili

Stampa

Certificazione spese mensa scolastica: a seguito della novità introdotta dal decreto La Buona Scuola e dalla Legge di Stabilità 2016, a partire dalla dichiarazione dei redditi 2016, le spese mensa scolastica sostenute dai genitori nel corso del 2015 sono detraibili dal 730 o dal modello Unico.

Al fine di documentare le spese mensa, oltre che con le ricevute di bonifici o bollettini postali, è possibile farsi rilasciare dalla scuola una certificazione spese mensa scolastica.

Vediamo quindi cos’è e come funziona la certificazione spese mensa scolastica 2018, qual è il modello fac simile per attestare la suddetta spesa e a chi rivolgersi per farsela rilasciare.

 

Detrazione spesa mensa 2018 cos’è?

La detrazione spesa mensa 2017, è la novità introdotta dal decreto La Buona Scuola e dalla Legge di Stabilità 2016, che consente ai contribuenti di poter scaricare dalle tasse, anche le spese mensa scolastica in quanto detraibili dalla dichiarazione dei redditi tramite modello 730 e modello Unico.

In particolare, i costi detraibili per l'istruzione dei figli, sono stati chiariti dall'Agenzia delle Entrate con la circolare n. 3/E del 2 marzo 2016, con la quale ha confermato che le spese d'istruzione detraibili sono:

  • Frequenza corsi di istruzione universitaria, in misura uguale alle tasse e ai contributi delle università statali;
  • Contributi volontari: cioè le erogazioni liberali, donazioni, finalizzati all’innovazione tecnologica, all’edilizia scolastica o all’ampliamento dell’offerta formativa, in questo caso la detrazione massima è del 19%;
  • Spese per la frequenza delle scuole dell’infanzia del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado: nelle quali rientrano appunto le spese mensa scolastica, le tasse d'iscrizione ecc per le quali spetta la detrazione del 19% per un massimo di spesa pari a 400 euro a studente - figlio. Tale importo, come vedremo più avanti, è stato poi aumentato con la legge di bilancio 2017. 

 

Detrazione spesa mensa scolastica aumento importo:

Alla luce dell'aumento detrazione spese scolastiche deciso con la legge di bilancio 2017, le spese mensa scolastica diventano detraibili per un importo maggiore:

  • per il 2016: 564 euro;
  • per il 2017 la detrazione mensa scolastica è di 717 euro;
  • per il 2018: 786,00 euro;
  • dal 2019: 800 euro.

Le spese mensa scolastica detraibili dichiarazione dei redditi nel 2018 sono quindi pari al 19% per un massimo di spesa di 786 euro ad alunno, per cui a 149,34  euro all’anno per ogni figlio-studente.

 

Spesa mensa: quanto si può detrarre? Esempio di calcolo:

Per la spesa mensa scolastica 2018 dei figli spetta una detrazione pari al 19% per un massimo di 786 euro all'anno per ciascun figlio studente. Tali costi detraibili, sono però variabili in base al costo sostenuto dal contribuente nel corso del 2017 e della suddivisione dei figli a carico tra chi dichiara ed il coniuge. 

Ecco un esempio di calcolo detrazione spesa mensa:

Esempio 1: Se il costo della mensa scolastica è di 5 euro al giorno per 5 giorni alla settimana, la spesa totale a settimana è di 25 euro ad alunno. Per cui se i mesi di frequenza scolastica sono 10 e le settimane 40, la spesa è di 1000 euro, ovvero, 25 euro x 40 settimane = 1000 euro. 

Dal momento che la detrazione che spetta è pari al 19% per un massimo di 786 euro, l'importo massimo da poter scaricare sul 730 o Unico, è pari a 149,24 euro.

Esempio 2: Se il costo della mensa anziché essere di 5 euro al giorno è di 12 euro, la spesa per 40 settimane è di 2.400 euro all'anno. Su tale importo va calcolata la detrazione del 19%, che è pari a 456 euro. In questo caso, visto che la legge prevede che la detrazione massima per le spese mensa, sia al massimo di 786 euro, su 2400 euro annui, si possono scaricare solo 149,34 euro a figlio.

 

Certificazione spese mensa dichiarazione dei redditi 2018:

Per avere diritto alla detrazione spese mensa e poter scaricare il 19% per un massimo di 786 euro dalla denuncia dei redditi 2018 730 o Unico, i contribuenti devono documentare la spese mensa scolastica attraverso le copie di bonifici o bollettini postali.

Quando però, tali documenti non sono producibili in quanto la spesa è stata effettuata tramite buoni pasto o altro metodo, è possibile richiedere alla scuola, il rilascio di una certificazione spese mensa.

Certificazione spesa mensa 2018 chi la rilascia? L'attestazione che dimostra il pagamento della mensa scolastica da parte del genitore, può essere richiesta direttamente alla segreteria della scuola. Su tale rilascio, è prevista l'apposizione dell'imposta di bollo pari a 2 euro, qualora l'importo di spesa sostenuta, superiori i 77,46 euro. 

Per cui è bene ricordare, di acquistare una marca da bollo, prima di recarsi in segreteria.

E' possibile inoltre richiedere la certificazione spese mensa anche via email, ma solo in quegli istituti scolastici che ne hanno autorizzato il rilascio attestazione online.

Certificazione spesa mensa modulo fac simile scuola: Nel caso in cui, vi occorra presentare da soli una richiesta di rilascio certificazione spese mensa 2016, potete utilizzare la formula usata dal Comune di Padova, cambiando ovviamente i dati della scuola, del comune, ecc. e chiedendo informazioni alla scuola, circa l'accettazione e rilascio del suddetto modulo firmato dall'istituto.

La Certificazione spesa mensa modulo fac simile Comune di Padova, è disponibile in pdf o in word, compilabile, editabile ed è inserito sul nostro sito, solo a titolo esemplificativo:

Certificazione spesa mensa scolastica

Il/La sottoscritta/o.......................................................................................... 

residente a.............................................. in via............................................. 

tel/cell.. ........................ e-mail................................ C.F................................ 

genitore di ..................................... nato il .........................a ....................... ( indicare il cognome nome figlio/a) 

C.F.......................................... 

 

frequentante


la scuola infanzia comunale/statale .................................................................. 

la scuola primaria........................................................................................ la scuola secondaria di 1°grado ........................................................................... 

chiede 

il certificato di spesa sostenuta per il servizio mensa anno solare ................ 

..........., li Firma.......................................... 

RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE SPESA 

In caso di invio a mezzo fax, e-mail e/o a mezzo raccomandata allegare copia documento di riconoscimento in corso di validità del richiedente. 

N.B. La certificazione potrà essere redatta solo in presenza di saldo positivo e quindi solo se in regola con i pagamenti. Al suo ritiro saranno richiesti i diritti di segreteria pari a 0,26 centesimi e/o imposta di bollo.

 

Spesa mensa detrazione 730 e Unico:

Spese mensa 730/2018: La spesa per la mensa per poter essere detratta dalla dichiarazione dei redditi 2018 tra le spese detraibili, deve essere inserita all’interno del 730 con il codice 12, da indicare nei righi da E8 a E12.

Da ricordare che tale detrazione, non è cumulabile con quella prevista per le erogazioni liberali scuola che vanno invece indicate con il codice 31.

Spesa mensa Unico 2018: le spese sostenute dal contribuente per la mensa scolastica vanno indicate nel modello Unico con il codice 12, da indicare nei righi da R8 a R14. Anche in questo caso l’importo annuo massimo da portare a detrazione, è massimo 786 euro per alunno e non può essere cumulato con le erogazioni liberali.

Per i dettagli relativi alla compilazione spese mensa nel 730 e Unico, consulta il nostro aggiornamento Spese mensa come si dichiarano nel 730 e Unico

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?