Cedolare secca sanzioni: omessa tardiva comunicazione della proroga

Cedolare secca sanzioni 2018 mancata tardiva comunicazione della proroga non decade beneficio ma multa da 100 e 50 euro con F24 Elide e codice tributo 1511

Stampa

Cedolare Secca sanzioni per omessa tardiva comunicazione della proroga all’Agenza delle Entrate.

Ai sensi del decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017, il D.L. 193/2016 convertito poi in legge 1 dicembre 2016 n. 255, prevede infatti che l’omessa proroga, ossia, la mancata comunicazione della proroga della cedolare secca, non fa decadere dal beneficio ma applica solo una multa pari a 100 euro o a 50 euro a seconda che la comunicazione tardiva avvenga entro o oltre i 30 giorni.

Il contribuente, pertanto, per sanare la sua posizione con il Fisco, è tenuto in questo caso, a versare la sanzione cedolare secca attraverso il modello F24 Elide, meglio conosciuto con il nome di F24 Versamenti con elementi identificativi, ed indicando il relativo codice tributo 1511.

 

Cedolare secca sanzioni: nuovo codice tributo 1511

L'Agenzia delle Entrate con la risoluzione n° 30/E del 10 marzo 2017, ha provveduto ad approvare il nuovo codice tributo che i contribuenti devono utilizzare per versare la sanzione per la mancata o tardiva comunicazione all'Agenzia della proroga della cedolare secca sul contratto di locazione.

in base a quanto previsto dall’articolo 7-quater legge 255/2016, ossia, del decreto collegato alla Legge di Bilancio 2017 convertito in legge:

La mancata presentazione della comunicazione relativa alla proroga del contratto non comporta la revoca dell’opzione esercitata in sede di registrazione del contratto di locazione qualora il contribuente abbia mantenuto un comportamento coerente con la volontà di optare per il regime della cedolare secca, effettuando i relativi versamenti e dichiarando i redditi da cedolare secca nel relativo quadro della dichiarazione dei redditi.

Ciò significa che nel caso in cui, il contribuente, non provveda a comunicare la proroga della cedolare secca sul contratto di locazione o la risoluzione dello stesso, è sanzionable con una multa ma non col decadimento dal beneficio.

Per versare la sanzione, occorre, indicare nel modello F24 Elide il seguente codice: cedolare secca codice tributo 1511.

 

Cedolare secca sanzioni per la mancata comunicazione della proroga:

In caso di mancata comunicazione della proroga della cedolare secca sul contratto di locazione, il contribuente, non decade dal regime sostitutivo sugli affitti con aliquota al 10% ma paga solo una sanzione per mezzo del modello F24 Elide.

Cedolare secca sanzioni omessa proroga:

1) Sanzione di 100 euro: è la multa prevista per chi non provvede o ritarda la comunicazione della proroga della cedolare secca sugli affitti all'Agenzia delle Entrate:

2) Sanzione di 50 euro, nel caso in cui la comunicazione sia presentata entro 30 giorni dalla scadenza.

In altre parole, se non si comunica la proroga, per l'Agenzia, il silenzio, equivale ad una continuazione dell'opzione in assenza di un'esplicita comunicazione revoca, purché il contribuente stesso continui a mantenere un comportamento coerente con la volontà di applicare la cedolare secca, ovvero, effettuando i versamenti in acconto e saldo e dichiarando l'applicazione del regime sostitutivo tramite modello 730 cedolare secca e modello Redditi.

Sei un intermediario? Ecco le nuove sanzioni cedolare secca sugli affitti brevi 2018.

 

Cedolare secca: come pagare la sanzione con il modello f24 Elide?

Ecco le istruzioni per la compilazione del modello F24 Elide in caso di sanzione per omessa o tardiva comunicazione della proroga cedolare secca.

Come abbiamo già detto, con la risoluzione 30/E dell'Ade del 10 marzo 2017, l'Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo codice tributo 1511 cedolare secca che i contribuenti devono ora utilizzare nel caso in cui dimentichino di comunicare la proroga della cedolare secca sul contratto di locazione.

Pertanto, in caso di ritardo maggiore ai 30 giorni, la sanzione di 100 euro o di 50 euro se inferiore, va versata con il modello F24 Elide e il codice tributo 1511 "LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Sanzione per mancata comunicazione di proroga o risoluzione del contratto soggetto a cedolare secca”.

Il codice tributo 1511 sanzioni cedolare secca è lo stesso anche in caso di risoluzione del contratto di locazione.

Guida alle istruzioni di compilazione F24 Elide:

Nella sezione CONTRIBUENTE, vanno indicat seguenti dati:

  • Codice fiscale, dati anagrafici di chi effettua il versamento;
  • Codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore fallimentare: riportare il codice 63 nel campo codice identificativo.
  • Codice identificativo.

Nella sezione ERARIO, i dati da indicare sono i seguenti:

  • Codice ufficio e Codice atto, non mettere alcun valore;
  • Nel campo TIPO: indicare la F, identificativo del registro;
  • Nel campo Elementi identificativi: indicare le 16 cifre presenti nel codice identificativo del contratto. Il codice, è reperibile sulla copia di richiesta di registrazione del contratto restituito dall’ufficio delle entrate o sulla ricevuta di registrazione, se il contratto di locazione e affitto è stato registrato per via telematica attraverso il modello RLI online. Un'altra possibilità di ottenere il codice identificativo, è quella di eseguire la funzione di "Ricerca codice identificativo del contratto di locazione" presente sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it .

Se il codice identificativo del contratto di locazione non è disponibile, nel campo dei 16 caratteri vanno indicati:

  • da 1 a 3: inserire il codice ufficio dove è stato registrato il contratto;
  • da 4 a 5: indicare le ultime due cifre dell’anno di registrazione;
  • da 6 a 7: la serie di registrazione + altri zeri quanto sono  campi rimasti;
  • da 8 a 13: indicare, il numero di registrazione;
  • da 14 a 16, il sottonumero di registrazione e nel caso fosse assente, indicare 000”;
  • nel campo Anno di riferimento, in caso di proroga: indicare l’anno della data di inizio proroga, in caso di risoluzione indicare la data di risoluzione, nel formato “AAAA”.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili