Canone Rai 2018 cambio residenza fornitore voltura subentro più utenze

Canone Rai 2018 cambio di residenza o fornitore, come funziona in caso di voltura subentro o con più utenze e bollette intestate alla stessa persona

Stampa

Canone Rai 2018 cambio residenza fornitore voltura subentro più utenze FAQ Agenzia delle Entrate che spiegano come funziona l’addebito canone tv in bolletta per i privati in questi casi.

Vediamo quindi quali sono i nuovi quesiti di interesse pratico a cui l’Agenzia risponde in modo ufficiale, relativi al Canone RAI in bolletta nel caso in cui l’utente, abbia cambiato fornitore di energia elettrica in corso d’anno, in caso di più utenze luce residenziali intestate alla stessa persona o di voltura.

 

Canone RAI 2018 Agenzia delle Entrate nuove FAQ:

Nelle FAQ Canone RAI Agenzia delle entrate, l’Agenzia, risponde a 19 nuove domande per chiarire gli ultimi dubbi, problematiche e casi particolari, relativi all’addebito del canone tv nelle fatture elettriche a partire dal mese di luglio.

I quesiti e le relative risposte ufficiali, sono in tutto 40 divisi in 3 macro argomenti:

 

Canone RAI 2018 cambio fornitore energia elettrica: switch

Canone Rai cosa fare in caso di cambio fornitore energia elettrica durante il 2018?

Secondo le nuove FAQ Agenzia delle Entrate, il requisito fondamentale che determina il pagamento del canone RAI in bolletta per gli utenti privati, è il fatto di avere intestata, un’utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui la persona, ha la sua residenza anagrafica.

In altre parole, se hai una casa in cui risiede e se sei titolare di una bolletta elettrica, questo basta allo Stato per presumere che tu detenga un apparecchio televisivo, e ciò fa scattare l’obbligo di pagamento, e di conseguenza, troverai l’addebito del canone in bolletta.

Nella pratica, però, esistono diversi casi particolari che possono generare dubbi nel cittadino.

Uno di questi, è il caso in cui una persona cambi il gestore di energia elettrica nel corso del 2018, attraverso la procedura cd. switch.

A tale proposito, l’Agenzia risponde che, se il cliente cambia il forniture luce in corso d’anno, non deve fare nulla, perché l’addebito delle rate del canone RAI in bolletta, verranno addebitate sulle fatture di ciascuna delle due imprese elettriche, nel periodo della rispettiva copertura del contratto.

In pratica, se abbiamo effettuato un cambio fornitore luce, a luglio, e siamo passati ad esempio da ENEL ad ENI, le rate del canone RAI saranno addebitate da gennaio a luglio dal vecchio gestore e le altre dal nuovo.

 

Come funziona il Canone RAI 2018 per chi ha più utenze e bollette luce intestate:

Come funziona il pagamento del canone RAI 2018 per chi ha più di una bolletta luce intestata? 

Le nuove FAQ Agenzia delle Entrate, spiegano anche come funziona il pagamento del canone tv, nel caso in cui, una persona sia titolare di più utenze elettriche. In questi casi, occorre fare una distinzione:

  • Se un’utenza è residenziale e l’altra no: non c’è alcun problema, visto che l’addebito del canone tv, avviene SOLO sulla bolletta luce residenziale;
  • Se i due contratti sono entrambi di tipo residenziale, ma uno di tipo D2 che tra l’altro è anche il tipo più diffuso, e l’altro è di tipo D3 “altri clienti domestici”, la società elettrica addebiterà l’importo delle rate del canone tv, solo sul D2. 
  • Se i 2 contratti sono D2: l’addebito delle rate, avverrà sulla fornitura attivata per ultima.

 

Canone RAI 2018 cambio di residenza subentro o voltura:

1) Utente richiede il cambio di residenza e quindi fa una voltura del contratto luce attivando così una nuova fornitura elettrica: Nel caso in cui, il cittadino provveda a cambiare la residenza e a volturare un contratto di energia elettrica residenziale, diventa quindi titolare di una bolletta luce sulla quale addebitare le rate del canone Rai. In questo caso, l’addebito parte dal mese di attivazione della nuova fornitura volturata, con l’emissione della prima fattura utile.

2) Canone RAI 2018 Subentro: l'agenzia delle entrate, spiega anche un altro punto molto molto importante che riguarda il pagamento del canone tv per il subentrante. Se questi, prima dell’attivazione del nuovo contratto, era in possesso di una televisione, deve pagare l’importo delle rate dell’abbonamento tv non addebitate, con la seguente modalità: canone RAI F24 e codice tributo.

3) Cliente cede il contratto in voltura e non ha più una bolletta luce intestata: Se si cambia casa e si cede il contratto della fornitura elettrica al nuovo inquilino tramite voltura, e non si provvede ad attivare una nuova utenza luce, entro la fine dell’anno, si deve pagare il canone Rai con il modello F24.

L’Agenzia delle entrate, specifica infatti nelle FAQ che chi chiude un’utenza elettrica e non prevede ad attivarne una nuova nuova, le rate del canone tv mancanti, non possono essere addebitate nella fattura a conguaglio, ovvero, di chiusura contratto, e di conseguenza la somma residuale del canone RAI, dovrà essere corrisposta direttamente e autonomamente dal contribuente, con  il versamento dell’importo residuo tramite modello F24 entro il 31 ottobre 2018.

Non possiedi la tv? Allora vedi come richiedere l'esenzione canone Rai 2018.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili