Busta arancione Inps: cos'è come funziona per il calcolo pensione

La busta arancione Inps è una comunicazione che contiene informazioni sul calcolo pensione, contributi versati e mancanti, simulazione importo assegno

Stampa

La busta arancione Inps è una comunicazione che l'Istituto provvede a spedire a tutti gli italiani con l'obiettivo di fornire tutta una serie di informazioni aggiornate in tempo reale riguardo la propria situazione pensionistica.

Perché il nome busta arancione? Perché derivava dal colore che aveva la busta contenente la comunicazione, nei paesi scandinavi, i primi a fornire un simile servizio di informazione ai propri cittadini. 

In funzione anche un nuovo strumento di calcolo pensione dell'INPS.

 

Busta arancione Inps: cos'è e come funziona?

La busta arancione Inps è ancora uno strumento adottato in molti paesi europei che serve ad informare i cittadini, sulla propria situazione pensionistica.

Il progetto busta arancione, è stato pensato qualche anno fa dall'INPS come servizio automatizzato di simulazione e calcolo della pensione.

L'INPS annualmente provvede ad inviare milioni di buste arancioni.

Ma quali dati contiene la busta arancione dell'INPS?

La busta arancione dell'Inps contiene una serie di informazioni sulla situazione pensionistica attuale dei lavoratori delle diverse gestioni Inps, informazioni che oltre ad informare in modo consapevole e trasparente sulla futura condizione pensionistica, permetterebbe loro di effettuare simulazioni di calcolo dell'importo pensione.

Gli interessati ricevono quindi una busta arancione direttamente a casa e successivamente, possono effettuare delle simulazioni di calcolo dell'importo pensione online sui siti istituzionali.

Per tutte le informazioni, leggi La mia Pensione INPS 2019 e le novità pensioni 2019.

 

Busta arancione Inps quando arriva a casa?

Quando arriva a casa la busta arancione INPS con le info su pensione e contributi? La busta arancione Inps arrva solitamente verso la fine dell'anno.

Il progetto è molto importante, in quanto consente ai residenti italiani, di conoscere con una semplice lettera la propria situazione pensionistica in tempo reale, in modo da rispondere alle tantissime domande che giovani e meno giovani lavoratori si fanno su questo scottante tema, alla luce della riforma Fornero, se il calcolo pensione avverrà con il sistema contributivo, retributivo o misto.

La busta arancione, quindi risponde a domande del tipo: a che età andrò in pensione, di quanto sarà la mia pensione, avrò diritto alla pensione, quanti contributi mi mancano o  quanti contributi ho versato nella mia vita lavorativa?

Domande legittime la cui risposta in Italia sembra però non arrivare mai ma alle quali negli altri paesi europei in primis quelli scandinavi dove è già da molti anni che la busta arancione arriva a casa dei cittadini, le risposte ci sono e arrivano puntuali ogni anno. 

Vedi anche come si richiede Spid pensioni 2019.

 

Busta arancione INPS quali dati contiene?

La busta arancione Inps è una comunicazione contenente una serie di informazioni, sull'attuale situazione pensionistica, quindi:

  • contributi versanti e il numero di quelli mancanti;

  • l’ammontare della rendita;

  • anno in cui sarà possibile andare in pensione;

  • possibilità di sapere attraverso una simulazione di calcolo elaborato telematicamente online sui siti istituzionali, a quanto ammonta l'assegno pensione.

Ovviamente, le simulazioni di calcolo pensione saranno più precise per i lavoratori a cui mancano pochi anni alla pensione, in quanto le informazioni e le simulazioni del rendimento pensionistico, aggiornate alla situazione attuale rispetto alla situazione dei giovani lavoratori.

Vi ricordiamo che dal prossimo anno entra in vigore la pensione di cittadinanza.

 

Pensioni INPS novità 2019:

La busta arancione INPS in questo periodo storico è molto importante in quanto il governo Conte sta lavorando nella nuova Legge di Bilancio 2019, per una modifica della riforma pensioni Fornero con Quota 100, la nona salvaguardia, opzione donne e la pensione di cittadinanza. 

La modifica riguarderebbe una maggiore flessibilità in uscita per i lavoratori prossimi al pensionamento, con la pensione anticipata sia per i lavoratori che vogliono lasciare in anticipo il lavoro rispetto ai requisiti attuali di età e contributi versati, ma anche per le imprese che potrebbero avere la necessità di assumere personale più giovane.

La proposta che si sta pensando, è di una pensione anticipata con Quota 100, che si affiancherebbe alla pensione anticipata INPS.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?