Voucher INPS 2017 PrestO: acquisto piattaforma online buoni lavoro

Voucher INPS 2017 come dove e da quando si acquistano online i buoni lavoro PrestO lavoro occasionale e limiti retribuzione durata orario e comunicazione

Stampa

Voucher INPS 2017 PrestO sono i buoni lavoro dal valore di 9 € o multipli emessi dall'Inps e che consentono a chi li acquista, ossia, al cd. committente, di pagare l’attività lavorativa, svolta saltuariamente dal lavoratore come prestazione occasionale.

Rispetto alla precedente normativa abolita, i buoni lavoro Inps PrestO:

1) possono essere acquistati solo per via telematica tramite l'apposita piattaforma online INPS disponibile dal 10 luglio 2017;

2) sono utilizzabili solo dalle aziende con meno di 5 dipendenti a tempo indeterminato e le micro imprese, operanti in determinati settori;

3) prevedono l'obbligo della comunicazione Inps preventiva almeno 1 ora prima dello svolgimento della prestazione occasionale;

4) prevedono dei limiti retribuzione, oraria e di durata bene precisi;

5) l'utilizzatore che non provvede alla comunicazione preventiva è soggetto ad una sanzione;

6) il committente che supera i limiti compensi o di durata, è obbligato ad assumere full time e a tempo indeterminato, il prestatore.

 

Nuovi voucher Inps Presto 2017: dal 10 luglio

L'abrogazione dei voucher Inps 2017, è avvenuta per effetto del decreto legge n. 25 del 17 marzo 2017, che ha previsto l'abolizione degli articoli 48, 49 e 50 del Jobs Act, contenenti le regole e la disciplina per l’utilizzo dei buoni lavoro Inps.

Lo stesso decreto, ha poi riconosciuto la la possibilità per i committenti, di acquistare gli ultimi buoni lavoro entro il 17 marzo 2017 con l'obbligo di utilizzarli entro il 31 dicembre 2017.

Con l'entrata in vigore del suddetto decreto, è stata quindi ufficializzata l'abolizione dei voucher Inps 2017 e scongiurato il referendum del 28 maggio 2017 proposto dalla CGIL, referendum voucher 2017.

Con la nuova manovra correttiva 2017, il governo, ha introdotto i nuovi voucher Inps PrestO 2017 per le imprese, il Libretto Famiglia per le famiglie e la nuova comunicazione INPS lavoro occasionale 2017.

A partire dal 10 luglio 2017, si possono acquiastare i nuovi voucher PrestO 2017.

 

Voucher Inps 2017 PrestO: comunicazione Inps

Voucher Inps PrestO: come funziona la comunicazione Inps?

Diciamo subito che quello della comunicazione Inps, non è certo un adempimento nuovo, infatti, già con l'entrata in vigore del decreto legge 81/2015, uno dei decreti attuativi del Jobs Act, la normativa sul lavoro accessorio è stata modificata.

Le novità introdotte a partire dal 24 giugno dell'anno scorso, sono state:

- l'aumento del limite di reddito da 5 a 7.000 euro, in caso di più committenti;

- la possibilità di utilizzare i buoni lavoro per tutti i settori compreso quello agricolo e le PA;

- l'obbligo della comunicazione preventiva INPS per via telematica all'Inps da parte degli utilizzatori dei voucher.

Rispetto alle vecchi disposizioni, con i nuovi voucher Inps 2017 PrestO, la comunicazione Inps deve avvenire sempre entro 60 minuti prima dell'inizio della prestazione ma deve contenere più dati, come:

  • Dati anagrafici e identificativi del lavoratore occasionale;
  • Luogo di svolgimento della prestazione occasionale e oggetto della prestazione;
  • Data e ora di inizio e termine della prestazione occasionale;
  • Compenso pattuito per il lavoro occasionale svolto.

In passato, invece, la comunicazione Inps poteva essere resa anche tramite sms o posta elettronica alla sede dell'ispettorato del lavoro e dovevano essere forniti solo:

  • Dati anagrafici del dipendente;
  • Codice fiscale;
  • Luogo e durata della prestazione.

 

Voucher Inps 2017: cosa sono e come funzionano?

Vista l'imminente partenza dei nuovi voucher PrestO 2017, ossia, i buoni lavoro utilizzabili dalle imprese e il Libretto Famiglia 2017 cioé i buoni lavoro occasionale per le famiglie, andiamo a vedere in dettaglio cosa sono i voucher Inps e come funzionano.

I voucher Inps lavoro occasionale, sono il nuovo strumento di pagamento per retribuire le prestazioni di lavoro occasionale accessorio da parte delle aziende.

L’importo di ciascun voucher per le imprese è ora di 12 euro lordi mentre al lavoratore spettano 9 euro netti, comprendenti di contributi Inps e assicurazione INAIL.

I Voucher INPS, sono quindi una forma di pagamento della prestazione lavorativa occasionale accessoria, ovvero, per quelle attività che non vengono inquadrate da un contratto di lavoro perché svolte solo saltuariamente dal lavoratore.

I buoni lavoro permettono quindi di tutelare da una parte il prestatore, in quanto viene pagato con voucher da 12 euro lordi e al netto di 9 euro che corrisponde al compenso minimo di un’ora di prestazione.

Inoltre è garantita la copertura previdenziale presso l’INPS e quella assicurativa presso l’INAIL.

Il committente, ossia, l’azienda che acquista il voucher, attraverso l'acquisto e l'utilizzo dei voucher PrestO, è in regola con la legge italiana sia dal punto di vista dell’obbligo dei contributi previdenziali INPS che della copertura assicurativa INAIL per eventuali incidenti sul lavoro, evitando così il rischio di una vertenze circa la natura della prestazione che la stipula di vero e proprio contratto di lavoro.

E’ bene però ricordare che, lo svolgimento di prestazioni di lavoro occasionale accessorio anche se pagata con i voucher lavoro INPS, non dà diritto al lavoratore di fruire delle prestazioni a sostegno del reddito dell’INPS come l’indennità di disoccupazione, maternità, malattia, assegni familiari ecc., ma è riconosciuto ai fini del diritto alla pensione e della contribuzione volontaria, inoltre il lavoratore non deve rilasciare al committente la ricevuta prestazione occasionale.

Per quanto riguarda, invece, la durata e il periodo di validità di ciascun buono lavoro INPS, la validità massima per fruire dei buoni lavoro è di 24 mesi.

Buoni lavoro INPS PrestO: come funzionano? I voucher lavoro occasionale, sono dei buoni con i quali è possibile pagare l’attività svolta da disoccupati, cassaintegrati, lavoratori in mobilità e pensionati e dai lavoratori occasionali.

I nuovi voucher Inps 2017 PrestO, vengono quindi acquistati dall’azienda per via telematica sulla nuova piattaforma online dell'INPS, disponibile dal 10 luglio 2017, e pagati tramite modello F24, il lavoratore che effettua la prestazione, invece, viene pagato dall'INPS tramite bonifico bancario, entro il 15 del mese successivo.

  

Voucher PrestO 2017 da 9 euro/ora:

I Voucher PrestO 2017 Inps lavoro occasionale sono da 9 euro netti l'ora e servono a pagare la prestazione occasionale.

Il voucher PrestO ha un valore lordo di 12 euro in cui sono compresi:

  • contributi gestione separata Inps,
  • contributi INAIL e
  •  oneri gestionali,

Il valore di ciascun buono lavoro INPS è di 12 euro lordi mentre il corrispettivo netto della prestazione al lavoratore è di 9 euro e corrisponde al compenso minimo di un’ora di prestazione mentre se il voucher deve pagare per esempio l’intera giornata di lavoro al prestatore, il committente può acquistare buoni lavoro Inps multipli.

 

Voucher lavoro occasionale PrestO: chi li può acquistare?

Chi può utulizzare ed acquistare i voucher Inps PrestO 2017? 

Possono farlo:

  • solo le aziende con meno di 5 dipendenti a tempo indeterminato, fatta eccezione delle micro imprese operanti nel settore dell'estrazione mineraria in cave e torbiere, escavazione e lavorazione di materiale lapideo e agricoltura, quest'ultime solo se fino all’anno precedente, erano già iscritte agli elenchi dei lavoratori agricoli, per tutte le altre possibilità comunque di accedere ai nuovi voucher ma con modalità differenti nella retribuzione oraria.
  • Per il settore agricolo, il nuovo lavoro occasionale PrestO è attivabile per qualunque tipo di attività agricola, e non più solo quelle stagionali come in precedenza e scompare la seguente distinzione:
    • Aziende con volume d’affari superiore a 7.000 euro: prima dei nuovi ProntO, i voucher potevano essere acquistati solo se la prestazione era svolta da pensionati e studenti con meno di 25 anni di età, se regolarmente iscritti presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado, compatibilmente con gli impegni scolastici e quindi solo nei periodi di vacanze scolastiche mentre in qualunque periodo dell’anno, se lo studente è iscritto all’università, e dal 2013 per le attività stagionali anche i lavoratori in disoccupazione, mobilità o in cassaintegrazione
    • Aziende con volume d’affari inferiore a 7.000 euro: i vecchi buoni, potevano essere utilizzati da qualsiasi soggetto per qualsiasi tipologia di lavoro agricolo.

 

Voucher Inps ProntO: limiti di retribuzione e durata, novità disoccupati, pensionati, studenti

I Nuovi limiti di retribuzione annua con i nuovi voucher PrestO 2017 è di:

  • 5 mila euro l’anno per il datore di lavoro;
  • 5 mila euro l’anno per il lavoratore;
  • 2.500 euro l’anno, è la retribuzione massima per il lavoratore per singolo committente.

Detti limiti di retribuzione sono aumentati del 25%, e cioè fino a 6.250 euro l’anno, in favore delle seguenti categorie di lavoratori:

  • Pensionati: solo se titolari di un assegno pensionistico di vecchiaia o invalidità;
  • Studenti iscritti alle superiori o all'università, sotto i 25 anni;
  • Disoccupati;
  • Percettori di reddito d’inclusione o altre prestazioni di sostegno al reddito.

Nuovi limiti di durata lavoro occasionale con i voucher ProntO 2017, sono:

  • Orario di lavoro: prestazioni di durata superiore a 4 ore di lavoro consecutive al giorno;
  • durata lavoro occasionale: massimo 280 ore l'anno;
  • Diritto a riposi giornalieri e settimanali.
  • Retribuzione giornaliera non inferiore a 36 euro al giorno.

 

Acquisto voucher INPS 2017 PrestO solo sulla piattaforma Inps online:

L'unica modalità ammessa per le aziende, per acquistare i nuovi voucher Inps 2017 PrestO, è quella di utilizzare l'apposita piattafoma online dell'Inps, disponibile come annunciato dal Governo stesso, dal 10 luglio 2017.

Le aziende, per acquistare i voucher, dovranno registrarsi alla piattaforma INPS lavoro occasionale PrestO e poi pagare, il valore dei buoni, tramite modello f24.

Prima dello svolgimento della prestazione è obbligatoria la comunicazione preventiva Inps, e l'iscrizione alla piattaforma da parte del prestatore, in quanto, in base alla nuova legge, è la stessa INPS a pagare direttamente l'importo coperto dai voucher, tramite bonifico entro il 15 del mese successivo allo svolgimento della prestazione.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili