Bonus trasporti pubblici 2018: cos'è come funziona la detrazione 19%?

Detrazione trasporto pubblico 2018 19% costo abbonamento autobus treni Tpl regionali interregionali, cos'è e come funziona a chi e su cosa spetta lo sconto

Stampa

Bonus trasporti pubblici 2018, nella nuova Legge di Bilancio 2018, il cui testo è ancora in fase di limature e presto verrà presentato al Senato, vi è un’importante novità: l’inserimento di una nuova detrazione fiscale per chi acquista abbonamenti di autobus e treni del TPL, trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale.

Dopo anni di annunci, arriva finalmente la detrazione che consente la detraibilità dalle tasse, del 19% delle spese sostenute nel corso dell’anno per l’abbonamento trasporti per un importo massimo di spesa pari a 250 euro all'anno

Alla luce di questa novità prevista dalla legge di stabilità 2018, che ricordiamo non è stata ancora approvata, andiamo a vedere cos’è e come funziona il bonus trasporti 2018 chiamato anche bonus autobus 2018 o bonus treni 2018, come fruire dell’agevolazione, in base alle pochissime informazioni finora anticipate.

 

Bonus trasporti pubblici 2018: cos’è?

Ch cos’è il bonus trasporti 2018? Il bonus trasporti, bonus treno o bonus autobus 2018, è la nuova detrazione fiscale che il Governo Gentiloni, vorrebbe inserire nel testo della nuova Legge di Bilancio 2018, ancora in fase di limatura.

Se il bonus trasporti, o meglio la detrazione fiscale per gli abbonamenti al trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, venisse approvata in via definitiva, consentirebbe alle famiglia di detrarre dalle tasse, presentando ovviamente la dichiarazione dei redditi, il costo dell’abbonamento per un massimo del 19% su una spesa annua di 250 euro annui.

Un’altra novità che dovrebbe arrivare con la nuova Manovra 2018, sono i cd. buoni Tpl, per la prima volta in Italia. I buoni Tpl, in pratica sono delle agevolazioni fiscali che consentono di non far concorrere alla formazione del reddito del lavoratore dipendente, le somme rimborsate dal datore di lavoro o quelle direttamente spese, per l'acquisto di biglietti per bus e treni, allo stesso modo con cui avviene per i buoni pasto.

 

Bonus trasporti 2018: come funziona nuova detrazione abbonamenti autobus e treno?

Bonus trasporti 2018 come funziona la nuova detrazione fiscale per le spese trasporti pubblici treni ed autobus? Il bonus trasporti pubblici, come già accennato sopra, in pratica è una nuova agevolazione che prevede a partire dal 1° gennaio 2018, sempre se la norma sarà approvata in via definitiva, l’introduzione di una nuova detrazione abbonamenti pari al 19%.

Ciò significa che chiunque sostiene spese per acquistare un abbonamento a treni ed autobus del trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale, ha diritto alla detrazione in dichiarazione dei redditi.

Facciamo un esempio: se in una famiglia di 4 persone, si acquistano 4 abbonamenti, due per i figli e due per i genitori, la famiglia può detrarre dalle tasse, il 19% di ciascun abbonamento.

Una notizia questa molto importante, visto che da recente circolare dell'Agenzia delle Entrate, ha espressamente chiarito che il costo del trasporto scolastico per portare i figli a scuola, andata e ritorno, privato o pubblico, non rientrano tra le spese scolastiche detraibili come invece avviene per le spese mensa o per le gite scolastiche.

Ricordiamo comunque che aI fine di fruire della detrazione trasporti pubblici 2018, i cittadini, dovranno conservare la ricevuta di pagamento e poi indicare la spesa sostenuta nella dichiarazione dei redditi successiva all'anno di effettuazione della spesa, nell’apposita sezione con l’apposito codice che l’agenzia delle Entrate provvederà ad inserire nel nuovo modello 730 o modello Redditi , ex Unico.

 

Detrazione trasporto pubblico 2018: a chi e quanto spetta di sconto sul costo di abbonamento?

Dal 1° gennaio 2018, potrebbe diventare possibile fruire di una nuova detrazione 19% fino a 250 euro annui per l'acquisto di abbonamenti al Tpl, trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale.

Tale nuova agevolazione fiscale, è al momento è solo una proposta presentata all'interno della nuova Manovra 2018 e deve essere ancora approvata.

In attesa di vedere se questa proposta diventerà effettiva oppure no, vediamo, alla luce delle poche informazioni che si sanno fino adesso, a chi spetta la detrazione trasporto pubblico 2018?

  • Spetta a chi acquista un abbonamento per il treno: treni Tpl, trasporto pubblico locale, regionali ed interregionali;
  • a chi acquista una tessera autobus: autobus Tpl, trasporto pubblico locale, regionali ed interregionali.

Detrazione trasporto pubblico 2018 quanto spetta di sconto sul costo d abbonamento?

Spetta una detrazione al 19% su un massimo di spesa di 250 euro. Lo sonto Irpef quindi si calcola al 19% sul

  • Costo abbonamento treni;
  • Costi abbonamento autobus.

Ciò significa che se nel 2017 spendo 250 euro di abbonamento al treno, ho diritto a scontare dalla mia dichiarazione dei redditi dell'anno prossimo, 47,5 euro di costo abbonamento, e coè il 19% di 250 euro.

Sei un over 60, 65, 70 e oltre? Allora forse ti interessa sapere quali sono le agevolazioni senior 2018 sconti treni e autobus, cui hai diritto.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?