Bonus figli a carico: assegni familiari da 200, 150 e 100 euro

Bonus figli a carico cos'è, nuovi assegni familiari da 200 euro da 0 a 3 anni, bonus 150 euro figlio a carico fino a 18 anni e 100 euro fino a 26 anni

Stampa

Bonus figli a carico da 200, 150 e 100 euro per le famiglie che hanno almeno 1 figlio a carico fino a 26 anni. 

Questo è quello che scrivevamo ad aprile 2017: Ripartono i lavori della Commissione Finanze del Senato per valutare il testo del disegno di legge delega Lepri, al fine di introdurre una misura universale equa e certa che ridefinisca gli assegni familiari, le detrazioni figli a carico, i bonus bebè, nido, e tante altre agevolazioni attualmente in vigore.

Dopo diverso tempo, la Commissione Finanze, riprende quindi il discorso di introdurre dei nuovi assegni familiar per le famiglie con figli a carico che comprenda anche i lavoratori autonomi e le persone disagiate economicamente e senza lavoro, visto che la normatva attuale prevede il diritto agli ANF solo per i dipendenti e assimilati, tagliando fuori una buona fetta di famiglie con figli.

Vediamo quindi il bonus figli a carico 2017 come funziona, quanto spetta di assegni familiari, gli importi, i requisiti di reddito ISEE, qualora approvato.

Importante: vi ricordiamo che il bonus figli Natalizio NON è attivo in quanto è una proposta ferma ancora al Senato, tanto è che il provvedimento, alla data del 15 marzo 2017, risulta ancora in ESAME al Senato, ora però fonti governative confermano che nella legge di Blancio 2018, potrebbe trovare spazio il bonus figli a carico 2018 e il bonus bebè 2018.

Ultimo aggiornamento!!!! al Senato, la commissione Bilancio ha trovato un accordo per la proroga bonus bebè 2018 mentre gli emendamenti sui figli a carico, quali ad esempio l'aumento del limite di reddito per essere considerati fiscalmente a carico o il bonus figli, sono stati messi da parte perché privi di adeguata copertuta economica.

 

Bonus figli a carico: cos’è e come funziona?

Che cos’è il bonus figli a carico? Il bonus figli è una nuova misura universalistica a cui stava lavorando la Commissione Finanze al Senato con il disegno di legge delega presentato dal senatore Stefano Lepri ma che non è ancora stata approvata, per cui non è richiedeibile dalle famiglie.

Lo scorso aprile, come confermato dal relatore al provvedimento, Moscardelli, sarebbe dovuta esserci la discussione in aula, che purtoppo non è avvenuta.

Ancora da verificare, il nodo coperture, visto che la proposta di introdurre nuovi assegni familiari figli a carico aggiungerebbe 2 miliardi di euro, subito e poi altri 4 a regime, ai 19 che oggi lo Stato italiano paga per i vari assegni familiari, che però sarebbero riassorbiti dal nuovo strumento.

Questo bonus famiglie per chi ha uno o più figli a carico, porterebbe ad una vera e propria rivoluzione tra le agevolazioni fiscali per le famiglie, in quanto, qualora approvato, andrebbe ad annullare tutte le misure oggi previste, con un nuovo bonus figli a carico.

Bonus figli a carico: come funziona? Il nuovo bonus figli a carico, secondo quanto previsto dal disegno di legge Lepri e qualora approvato, prevede il diritto a percepire assegni familiari di importo variabile in base all'età del figlio:

  • Bonus figli a carico da 200 euro, per i bambini da 0 a 3 anni;
  • Bonus figli 150 euro, per ogni figlio a carico da 4 a 18 anni;
  • Bonus figli a carico di 100 euro al mese, fino al compimento dei 26 anni.

Gli importi ovviamente sono concessi qualora la famiglia rientri in certe limiti di reddito ISEE.

Ricordiamo ancora una volta che il bonus figli a carico non richiedibile in quanto NON ancora approvato ma come confermano fonti vicine al governo, il bonus figli potrebbe arrivare con la legge di Bilancio 2018.

Purtroppo le ultime notizie, vedono la proroga bonus bebè 2018 e non l'introduzione del bonus figli, rimandato a data da destinarsi.

Pertanto si esclude che il cd. bonus figli natalizio arrivi davvero a Natale, come dono a tutte le famiglie con figli.

 

Bonus figlio a carico da 200, 150 e 100 euro al mese a chi spetta? Requisiti:

A chi spetta il bonus figlio a carico da 200, 150 euro e 100 euro? Secondo quanto si evince dal disegno di legge Lepri, i requisiti per avere diritto ai nuoi assegni familiari, sono:

1) Avere uno o più figli a carico. Ricordiamo a tale proposito che la legge italiana prevede che un figlio può essere considerato fiscalmente a carico dei genitori solo se il suo reddito complessivo Irpef non supera i 2.840,51 euro annui, al lordo degli oneri deducibili. 

Per cui i figli possono essere considerati a carico, a prescindere dalla loro età, dal tipo di studi, dal tirocinio o dal fatto che conviva con i genitori o abiti all’estero o in un'altra casa.

Nel limite di 2.840,51 euro, devono essere considerati solo i redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo IRPEF, soggetto a tassazione ordinaria, con esclusione di quelli esenti come i redditi soggetti a tassazione separata, di quelli assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva come per esempio la cedolare secca sugli affitti.

2) Avere un reddito ISEE entro i 30.000 euro, per avere diritto alla misura intera del nuovo assegno;

3) Per le famglie con redditi tra 30.000 euro e 50.000 euro, la misura del bonus viene ridotta progressivamente fino al suo azzeramento.

In arrivo il prossimo anno, forse, la nuova detrazione fiscale cd. bonus nonni 2018.

 

Bonus figli a carico: importi

Quanto spetta alle famiglie con il bonus figli a carico?

Secondo il provvedimento dem, disegno di legge bonus figli 150 euro, tutte le misure attualmente in vigore per le famiglie come:

fatta eccezione delle detrazioni a carico per il coniuge e dei disabili, vengano sostituite dalla nuova misura universale riconosciuta attraverso i nuovi assegni familiari per chi ha almeno 1 figlio a carico fino a 26 anni.

Bonus figli a carco importi: l'importo riconosciuto alle famiglie beneficiarie, potrebbe essere il seguente:

  • Bonus 200 euro al mese fissi per ogni figlio a carico tra 0 e 3 anni;
  • Bonus 150 euro fino a 18 anni;
  • Bonus 100 euro al mese fissi per ogni figlio a carico tra 19 e 26 anni.

La misura intera dell'assegno sarebbe poi spettata per intero per i redditi ISEE fino alla soglia decrescendo progressivamente per i redditi più alti con la possibilità però di aumentare l'importo del bonus, in base al numero dei figli. 

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?