Bonus disabili 2018 di 1900 euro: cos'è e come funziona, a chi spetta?

Bonus assistenza disabili di 1900 euro legge 104 per caregivers che assistono familiare over 80 anni novità TU detrazioni contributi part time e contributi

Stampa

Bonus disabili 2018 di 1900 euro: buone notizie per chi assiste un parente disabile in legge 104, dal 2018, potrebbero arrivare nuove agevolazioni e detrazioni fiscali per i disabili e per i familiari che assistono un parente dagli 80 anni in su. 

Tante infatti le novità previste dal nuovo Testo Unico in materia di caregivers familiari all’esame ora del Senato e nato dalla fusione di 3 Ddl presentati da 3 diversi parlamentari, Bignami, Angioni e De Pietro, che hanno come obiettivo comune, nuove misure a sostegno di chi deve assistere il familiare disabile attraverso il riconoscimento di nuove agevolazioni, detrazioni e bonus assistenza per anziani e disabili.

Vediamo quindi quali sono le novità bonus disabili 2018.

 

Bonus assistenza disabili 2018: cos’è?

Che cos’è il bonus assistenza disabili 2018? Il bonus disabili 2018, è una nuova agevolazione che rientra tra le misure previste dal nuovo Testo Unico, il cui testo è ora all'esame del Senato e che ha come obiettivo, il sostegno dei caregivers familiari

Chi sono i caregivers? I caregivers, sono coloro che assistono un parente disabile. Il termine deriva infatti dall'inglese e significa colui che si prende cura e fa riferimento ovviamente a tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato e/o disabile.

Il nuovo pacchetto di misure prevede una serie di nuove agevolazioni fiscali ed incentivi non solo per chi assiste un disabile ma anche per chi presta l’assistenza ad un familiare avente un’età pari o superiore a 80 anni di età.

In attesa di conoscere esattamente quale sarà il testo definitivo del nuovo Testo Unico legge 104 per i caregivers, andiamo a vedere che cos’è il bonus assistenza disabili 2018.

Innanzitutto va detto che il testo del decreto non è stato ancora approvato in via definitiva ma già il sottosegretario al welfare Biondelli, ha affermato che il nuovo Testo Unico, risultante dalla fusione di 3 provvedimenti presentati da 3 diversi parlamentari:

  • ddl 2048 De Pietro: “Misure in favore di persone che forniscono assistenza a parenti o affini anziani”.
  • ddl 2128 Bignami: "Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare".
  • ddl 2266 Angioni: "Legge quadro nazionale per il riconoscimento e la valorizzazione del caregiver familiare".

dovrebbe essere approvato entro la fine della legislatura, per cui entro il 2018.

Tutti e 3 i provvedimenti, si basano sul voler mettere in evidenza e sostenere l’importanza dei caregivers nella cura e nell’assistenza di familiari disabili in legge 104, e per farlo, oltre a confermare le vecchie agevolazioni fiscali legge per i disabili, introducono nuove misure: quali:

  • nuovo bonus disabili 2018 di 1900 euro l’anno, che a seconda dei casi, sarà sotto forma di:
    • contributo economico di 1.900 euro per chi assiste un familiare over 80;
    • detrazione fiscale da 1900 euro per chi assiste familiare disabile avente un'età pari o superiore agli ottanta anni;
  • nuovi contributi previdenziali figurativi per la pensione;
  • possibilità per il cavergiver di chiedere il part time e telelavoro da casa;
  • Riconoscimento della qualifica di caregiver familiare;
  • Tutela per malattie e assicurazione del caragiver;
  • Permessi Legge 104 per i caregiver familiari e i co.co.co.;
  • Ferie solidali per i caregivers.

Vediamo ora come funziona il nuovo bonus assistenza disabili 2018 di 1900 euro a favore dei caregivers familiari.

 

Bonus disabili 2018 di 1900 euro come funziona?

Come funziona il bonus disabili 2018 di 1900 euro l'anno per i caregives? In base alle prime indicazioni, il nuovo Testo Unico legge 104 per i caregivers, prevede l'introduzione di un nuovo beneficio fiscale per chi assiste un familiare disabile ai sensi della legge 104/92: il bonus disabili 2018 di 1.900 euro l'anno. 

Tale bonus disabili 2018, è quindi un bonus riservato a chi fa l'assistenza ad un parente disabile avente un'età pari o superiore agli 80 anni che viene riconosciuto e quindi erogato sotto forma di:

Bonus disabili 2018 detrazione fiscale di 1900 euro per chi assiste un familiare ottantenne: in questo caso, il bonus è riconosciuto al caregiver che assiste un familiare disabile ottantenne entro il terzo grado di parentela, qualora sia senza reddito o abbia un reddito ISEE inferiore a 25.000 euro l'anno. In questo caso, il bonus è erogato sotto forma di detrazione fiscale, ossia, in diminuzione dell'IRPEF pari al 19% delle spese sostenute per l’assistenza, fino a un tetto massimo di 10mila euro annui.

La detrazione fiscale di 1900 euro, si aggiunge quindi alle altre agevolazioni ed ai benefici fiscali già in vigore per l’assistenza di disabili e non autosufficienti già esistenti.

Ai fini dell'ottenimento della detrazione, il caregivers, dovrà presentare e conservare lo stato di famiglia contenente i nominativi della persona che assiste e dell'assistito e l'see.

Bonus disabili 2018 contributo di 1900 euro per chi assiste un familiare ottantenne: se il caregivers non ha reddito o risulta parzialmente o totalmente incapiente, ovvero, se l’imposta, supera il valore della detrazione, si ha diritto a ricevere il bonus disabili di 1900 euro dall’Inps in denaro a titolo di rimborso spese. Il bonus spetta per 1 anno.

 

A chi spetta il bonus disabili 1900 euro caregivers? Requisiti:

In base alle prime indicazioni, vediamo a chi spetta il bonus disabili di 1900 euro.

Il bonus, sotto forma di detrazione o contributo economico, spetta alle persone in possesso dei seguenti requisiti bonus disabili 2018 di 1900 euro:

  • Caregivers, ossia, a coloro che si prendono cura di un parente entro il terzo grado di parentela;
  • Il requisito fondamentale per ottenere il bonus disabili è che l'assistenza deve essere fatta nei confronti di un familiare disabile di almeno 80 anni, pari o superiore;
  • Il bonus disabili 2018, spetta come detrazione fiscale o contributo economico erogato dall'Inps;
  • Il bonus disabili sotto forma di contributo in soldi, è erogato dall'Istituto nazionale di previdenza sociale, nel caso in cui, il caregivers non abbia un reddito o che sia totalmente o parzialmente incapiente. Ciò significa che se la detrazione supera l'imposta, allora, i 1.900 euro di bonus, spettano in denaro;
  • Il bonus disabili sotto forma di detrazione fiscale, spetta invece quando il caregiver che presta l'assitenza ad un familiare over 80, è senza reddito o ha un reddito ISEE sotto la soglia di 25.000 euro annui. In questo caso, i 1.900 euro si sommano al vecchio limite di spesa per la detrazione fiscale 19%, facendo così salire la spesa massima a 10.000 euro;
  • Per richiedere l'agevolazione fiscale, il caregiver, deve essere in possesso dello stato di famiglia e dell'ISEE 2018.

 

Nuovo Testo Unico legge 104 caregivers: part time, qualifica, tutela e ferie

Oltra al bonus disabili 2018, il nuovo Testo Unico legge 104 caregivers, contiene altre importantissime novità per chi assiste il familiare ottantenne.

Ecco quali sono tutte queste novità:

  • Part time caregivers: chi assiste il parente disabile entro il terzo grado di parentela, è un lavoratore dipendente, può chiedere al datore di lavoro di poter trasformare in modo reversibile, il contratto di lavoro da full time a part time in misura non superiore al 50%, per una durata massima di 2 anni.
  • Riconoscimento della qualifica di caregiver familiare: in due disegni di legge su 3 presentati al Senato, emerge la necessità di definire, finalmente, la qualifica di caregiver, come di quella persona che si occupa di assistere un parente bisognoso di cure. 
    • Secondo il ddl Bignami, il caregivers è colui che si prende cura volontariamente e gratuitamente di un familiare o di un affine entro il 2° grado o di un minore affidato, qualora:
      • sia effettivamente convivente;
      • che il familiare bisognoso a causa di una malattia, infermità o disabilità, abbia un'invalidità civile al 100%;
      • che il familiare disabile abbia bisogno di un'assistenza  globale e continua ai sensi della Legge 104 per almeno 54 ore;
    • Secondo il ddl Angioni, invece, il caregiver familiare è la persona che volontariamente, in modo gratuito e responsabile, si prende cura di una persona non autosufficiente o comunque in condizioni di non potersi prendere cura di sé e quindi bisognose di un aiuto di lunga durata.
  • Contributi figurativi per i caregivers: Secondo il ddl Bignami, il caregiver familiare, deve avere diritto al riconoscimento da parte dello Stato ai contributi previdenziali figurativi, equiparati ai contributi lavoro domestico, per i periodi in cui l'assistenza è svolta in costanza di convivenza col disabile, a partire dal momento in cui è riconosciuto l'handicap grave del familiare assistito. Tali contributi, possono essere poi eventualmente sommati ai contributi già versati, ai fini dell'’Ape social.
  • Tutela malattie e assicurazione caragivers: secondo quanto previsto dal ddl Bignami, ai caregivers che si prendono cura del familiare disabile, lo Stato deve garantire il riconoscimento delle tutele per la malattia professionale Inail. Inoltre, al caregiver, dovrebbe essere riconosciuta un'assicurazione statale con rimborso delle spese sostenute, nei periodi coperti da malattia o infortunio.
  • Telelavoro per i caregivers: Il ddl citato sottolinea, poi, che chi si occupa dell’assistenza del familiare disabile ha diritto a rientrare nelle categorie protette [2], ai fini del riconoscimento del diritto al lavoro. Il diritto al lavoro deve essere garantito, su richiesta del lavoratore caregiver, anche utilizzando la modalità del telelavoro; se le mansioni non lo consentono, il datore di lavoro ha l’obbligo di assegnare al dipendente delle mansioni compatibili col lavoro a distanza.
  • Permessi Legge 104 per il caregiver familiare anche se co.co.co.: al fine di conciliare l’attività lavorativa con quella di cura e di assistenza, i permessi retribuiti Legge 104 sono estesi anche ai caregivers familiari, compresi coloro che sono assunti con contratto cococo.
  • Ferie solidali per i caregivers: al fine di garantire la conciliazione tra lavoro e assistenza, ci sarà l'istituzione presso le aziende, di un fondo ferie solidale, che consente ai lavoratori di donare ferie e permessi in eccedenza ai minimi previsti per legge ai caregivers,
  • Nuova detrazione fiscale per i caregivers: il nuovo Testo Unico legge 104 caregivers, oltre a prevedere l'introduzione del nuovo bonus assistenza disabili 2018 per i caregivers che assistono un familiare ottantenne, introducono anche una detrazione fiscale convertibile in credito d’imposta, per i caregivers: detrazione 50% per le spese sostenute per la cura del proprio assistito, fino ad un importo massimo di 1.000 euro annui.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili