Bonus 100 euro pensionati sotto 500 euro: cosa prevedeva?

Bonus 100 euro pensionati con assegno pensione sotto a 500 euro, lavoratori dipendenti assimilati con redditi fino 26.000 euro non è passata, non approvata!

Stampa

Il bonus 100 euro pensionati con assegno pensione sotto i 500 euro e ai dipendenti, fu una delle ipotesi arrivate sul tavolo di Palazzo Chigi, a cui il Governo Renzi ha lavorato come misura da inserire nel piano di riduzione della pressione fiscale.

La misura però non venne approvata in via definitiva.

Vediamo quindi come sarebbe potuto essere il bonus 100 euro ai pensionati, se fosse stato definitivamente introdotto, a chi sarebbe spettato l'aumento, a quali pensionati.

 

Attenzione: il Bonus 100 euro ai pensionati sotto 500 euro, NON è MAI entrato in vigore!

Bonus 100 euro pensionati: cos’è e come funziona?

Bonus 100 euro pensionati: cos’è e come funziona? Il bonus 100 euro Renzi, è una delle tante idee da inserire nel piano di alleggerimento fiscale che dovrà essere varato prima dell’estate e a cui starebbe lavorando il Governo.

Questa nuova misura, che tanto nuova non è, non sarebbe altro che l’aumento di 20 euro, del bonus 80 euro che oggi viene riconosciuto ai lavoratori dipendenti, ai percettori di indennità Naspi, cassa integrazione e mobilità, colf e badanti.

La novità quindi starebbe nel fatto che il bonus 100 euro pensionati e dipendenti, potrebbe essere esteso anche alle pensioni minime, ossia, ai pensionati con un assegno pensione inferiore ai 500 euro.

A tale proposito, secondo vari rumors e secondo quanto affermato dai vari giornali, uno in particolare ”Il Messaggero”, non solo il Governo strade effettivamente valutando tale ipotesi, ma addirittura il Premier Renzi, avrebbe chiesto ai suoi uomini più fidati, di valutarne l’aspetto tecnico e di fattibilità reale per la concessione di un bonus 100 euro.

Putroppo il bonus, non verrà approvato ma al suo posto sono state introdotte diverse novità in tema di pensioni 2017.

 

Bonus 100 euro pensionati sotto i 500 euro:

Bonus 100 euro pensionati con assegno inferiore a 500 euro? Si, è questa la seconda parte del progetto, a cui stava lavorando l'anno scorso, il Governo Renzi, all’interno del piano per la riduzione della pressione fiscale in Italia.

Secondo questa ipotesi, il bonus 80 euro, aumentato a 100 euro, poteva essere allargato anche ai pensionati al minimo, ossia, a quelli con un assegno pensione mensile inferiore a 500 euro. 

Parliamo quindi di pensioni sociali, di reversibilità, pensioni minime ecc.

Ma quanto sarebbe costato il bonus 100 euro a pensionati e dipendenti?

Secondo le stime che circolano a Palazzo Chigi, l’eventuale decisione da parte del Governo Renzi, di aumentare il bonus per i lavoratori dipendenti sarebbe potuto costare alle casse dello Stato circa 2,4 miliardi + le risorse per la applicazione e messa in opera della seconda parte del piano, ossia, altri 2 miliardi per il bonus 100 euro ai pensionati al minimo.

Dove avrebbe trovato le risorse necessarie il Governo?

Da un’idea già paventata dallo stesso Premier Renzi, ossia, dallo slittamento del taglio IRES, con la riduzione aliquota dal 27.5 al 24% nel 2017 che da sola varrebbe circa 3,6 miliardi di euro.  Effettivamente, la riduzione Ires al 24% c'è stata con la Legge di Bilancio 2017.

Oltre a questi, il Tesoro, avrebbe poi dovuto trovare altri circa 800 milioni per attuare la misura.

Oltre all'aumento a 100 euro del bonus, anche altre misure come ad esempio:

1) la proposta di Enrico Zanetti, l'allora vice ministro dell'economia, favolrevole all'introduzione della famosa flat tax in Italia per la classe media con un'aliquota unica per i redditi che vanno da 27 mila a 75 mila euro. Operazione che secondo i calcoli, sarebbe costata più del bonus 100 euro, circa 10 miliardi.

2) la proposta da Alleanza Popolare, di aumentare le detrazioni per i figli a carico, specialmente per le famiglie che hanno più di 1 figlio.

 

Aumento bonus 80 euro a 100 euro: a chi sarebbe spettato?

A chi sarebbe spettato l'aumento del bonus 80 euro a 100 euro? In base a quanto scritto da Il Messaggero, nell’articolo “Il piano di Renzi: bonus a 100 euro e allargato alle pensioni minime” il progetto di aumentare il bonus 80 euro a 100 euro sarebbe spettato ai seguenti lavoratori:

  • Dipendenti e assimilati;
  • Cassa integrati;
  • Percettori di disoccupazione NASPI, mobilità, 
  • Colf e badanti ed in generale, ai lavoratori domestici.

L'ipotesi di probabile aumento bonus 100 euro per i dipendenti e assimilati, secondo il quotidiano, sarebbe però solo una parte del progetto, in quanto l’altra, riguarderebbe la possibilità di estendere il bonus anche pensionati, fino adesso esclusi dal bonus 80 euro.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili