Bollo auto storiche 2018 e moto d'epoca calcolo e esenzione importo

Bollo auto e moto storiche 2018 calcolo Lazio Veneto Sicilia imposta per i veicoli da 20 anni e fino a 29, esenzione veicoli storici dopo i 30 anni

Stampa

Il bollo auto storiche 2018 e moto d'epoca è stato profondamente modificato con l'entrata in vigore della Legge di Stabilità 2015 che ne ha previsto l'esenzione solo per quelle con età pari o superiore a 30 anni mentre per i veicoli storici ventennali, ossia, quelli con età tra 20 e 29 anni sono soggette alla normale tassa automobilistica regionale di possesso.

Importante: non tutte le regioni hanno deciso di adottare le nuove misure per i veicoli storici ultraventennali, pertanto, si consiglia di verificare sul sito dell'ACI della propria regione, le modalità di applicazione del bollo auto veicoli storici tra 20 e 29 anni per il 2018.

Malgrado ciò, le varie sentenze emesse dalla Corte Costituzionale, hanno affermato che non è possibile effettuare alcuna modifica alla normativa nazionale, per cui anche le auto storiche dai 20 ai 29 anni devono sottostare alla legge nazionale e pagare il bollo auto.

 

Bollo auto storiche Sicilia Piemonte Lombardia:

A seguito delle nuove disposizioni sui veicoli storici con più di 20 anni, alcune Regioni hanno deciso di adottare con specifiche delibere, nuove tariffe bollo veicoli storici tra queste il Lazio, l'Abruzzo, la Campania, Calabria, Liguria, Molise, Puglia, Umbria, Valle D'Aosta, la provincia di Trento, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Marche, Sardegna.

Facciamo qualche esempio sulla base degli aggiornamenti dell'ACI di alcune regioni di Italia:

  • Regione Sicilia bollo veicoli storici: la Regione Sicilia con l'approvazione dell'art.50 della legge regionale del 17/03/2106 n.3 ha previsto per i veicoli storici dai 20 ai 29 anni di età il pagamento ridotto della tassa di circolazione annua ridotta: 75 euro per le auto storiche e 35 euro per le moto storiche. I veicoli trentennali, invece, pagano 25,82 euro se auto e 10,33 euro se moto.
  • Regione Piemonte: le auto storiche dai 20 ai 29 anni pagano la tassa automobilistica in misura ridotta del 10%. Esenti quelli trentennali.
  • Regione Lombardia: ha deciso che per le auto e moto con più di 20 anni se destinate solo ad uso e trasporto di persone, sono soggette al pagamento delle tasse automobilistiche regionali di circolazione in misura fissa pari a 30,00 euro per le auto e 20,00 euro per le moto a partire dal compimento dei 20 anni e che siano in regola con la normativa in materia di emissioni dei gas di scarico bollino blu auto. Alla luce di ciò:
    • Le auto ultraventennali e ultratrentennali in possesso del Certificato di Rilevanza Storica (CRS) sono esenti dal bollo;
    • Le auto con più di 20 anni ma con meno di 30 anni senza CRS, devono pagare la tassa di possesso in base ai kw e al grado di inquinamento;
    • Le auto e moto con più di 30 anni non in possesso di certificati di storicità pagano la tassa di circolazione solo se circolano su pubblica strada: 20 euro per le moto e 30 euro per le auto.

 

Bollo auto storiche Emilia Romagna Toscana e Regione Lazio:

Regione Emilia Romagna l'esenzione del bollo è stata mantenuta con la limitazione delle sole auto e moto di interesse storico dai 20 ai 29 anni iscritte all'ASI, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Federazione Motociclistica Italiana (FMI) se posti in circolazione, è dovuto il pagamento della tassa di circolazione annua per l’importo di € 25,82 per le auto e 10,33 per le moto.

Dal 2015 in poi, non è ricosciuta l'esenzione bollo auto per:

a) i veicoli storici sprovvisti di Certificato di rilevanza storico collezionistico;

b) i veicoli intestati a società poiché l'attuale legge nazionale prevede l'esclusione dal beneficio per i veicoli ad uso professionale”.

Regione Toscana sui veicoli ultraventennali l’ordinaria tassa automobilistica ridotta del 10%.

Regione Lazio bollo auto storiche: secondo quanto pubblicato sul sito dell'ACI regione Lazio bollo auto storiche con più di 20 anni è stato modificato come segue:

Con Legge Regionale n.11 del 29 luglio 2015 la Regione Lazio ha disposto che il Bollo auto e moto tra i 20 e i 29 anni è obbligatorio il pagamento del bollo ma vi è una riduzione sconto del 10% sulla tariffa.

Il requisito fondamentale per ottenere lo sconto, è il rilascio di specifica attestazione del veicolo da parte dell’ASI e per i motoveicoli, anche dalla FMI.

 

Esenzione bollo auto e moto storiche 2018 con più di 30 anni:

La nuova normativa sull'esenzione bollo auto veicoli storici è stata modificata con la Legge di Stabilità che ha previsto una distinzione tra le auto e moto pari o superiori a 30 anni e quelle tra 20 e 29 anni di età.

Prima dell'entrata in vigore delle nuove disposizioni, che ricordiamo si applicano dal 1° gennaio 2015, i veicoli storici ultraventennali e trentennali beneficiavano di una esenzione della tassa automobilistica, o in alcune regioni, del pagamento della tassa di circolazione.

Ora invece il sistema cambia per effetto della legge 23 dicembre 2014 n. 190 e nello specifico dell'articolo 1 comma 66 che ha introdotto nuovi limite all'esenzione:

Veicoli storici con più di 30 anni: l'esenzione dal bollo auto e moto rimane con le stesse modalità prescritte dalla legge 342/2000, ovvero, per i veicoli la cui costruzione risale a più di 30 anni fa e in questo caso la data di costruzione deve coincidere con l'anno della prima immatricolazione avvenuta in Italia o all'estero, a patto che non siano adibiti ad uso professionale o utilizzati nell'esercizio di attività di impresa, arti o professioni. 

Se l'auto o moto ha più di 30 anni, l'esenzione dal pagamento del bollo è automatica anche se il veicolo non risulta iscritto al registro storico, attenzione però che se il veicolo circola su strada pubblica è soggetto al pagamento di una tassa di circolazione forfettaria pari a: 28,40 euro per le auto e 11,36 euro per le moto che va pagata annualmente in un'unica soluzione.

Eventuali ritardi nel versamento della tassa, non sono sanzionabili in sede di controllo da parte delle Autorità competenti ma la ricevuta che ne dimostra il pagamento deve essere sempre a disposizione del conducente e mostrata in caso di controllo su strada da parte della Polizia.

 

Pagamento bollo auto e ravvedimento operoso:

Il pagamento del bollo auto e moto se ritardato o omesso, può essere regolarizzato dal contribuente attraverso il ravvedimento operoso, se questo viene effettuato entro l'anno:

  • Ravvedimento sprint: se il bollo autoveicoli 2018 è pagato entro 14 giorni dalla scadenza, il contribunte può sanare la violazione pagando una sanzione ridotta pari allo 0,1% per ogni giorno di ritardo, più gli interessi legali giornalieri pari allo 0,1% calcolati per ogni giorno di ritardo. Per sapere il nuovo tasso di interesse 2018, occorre attendere il nuovo decreto mef.
  • Ravvedimento breve: pagamento bollo scaduto da 15 giorni e pagato entro 30 giorni dalla scadenza originaria, si applica una sanzione pari all'1,5% + interessi di mora.
  • Nuovo Ravvedimento intermedio: pagamento bollo entro 90 giorni dalla scadenza, sanzione ridotta pari a 1,67% + interessi di mora.
  • Ravvedimento lungo: sanzione pari al 3,75%, se il versamento avviene dopo il 90° giorno ma non oltre un anno dalla scadenza del termine più gli interessi legali giornalieri.
  • Ravvedimento lunghissimo: pagamento oltre 1 anno viene applicata una sanzione pari al 30% della tassa dovuta più gli interessi di mora. Questo tipo di ravvedimento non è applicabile ai tributi comunali ma solo quelli di competenza dell'Agenzia delle Entrate, per cui il bollo auto non rientra nel nuovo tipo di ravvedimento.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili