Alimenti senza glutine gratuiti celiaci: cos'è e tetti di spesa 2018

Alimenti senza glutine per celiaci, cibi pronti e preparati celiachia nuovi tetti di spesa 2018 per i buoni digitali importi, cos'è e come funziona?

Stampa

Alimenti senza glutine gratuiti celiaci fissati i nuovi tetti di spesa 2018 per i buoni digitali in favore di uomini, donne e bambini affetti da celiachia.

A seguito dell'approvazione del nuovo decreto sull'assistenza celiaci da parte della Conferenza Stato-Regioni è stato garantito il proseguo della gratuità di determinati alimenti speciali per circa 200 mila celiaci presenti in Italia.

In base alla suddetta novità quindi, gli alimenti senza glutine per i celiaci, ivi inclusi piatti pronti e preparati, hanno diritto all'erogazione gratuita, sebbene con una riduzione media dei tetti di spesa del 19%.

Vediamo quindi alimenti senza glutine gratuiti per i celiaci cos’è e come funziona e cosa prevede il nuovo decreto assistenza celiaci e quali sono i nuovi importi con i nuovi tetti di spesa 2018 per i buoni digitali.

 

Alimenti senza glutine gratuiti per celiaci: novità

Alimenti senza glutine gratuiti per celiaci novità: approvato il nuovo decreto sull'assistenza celiaci da parte della Conferenza Stato-Regioni che conferma il proseguimento di un'importante agevolazione, quella degli alimenti senza glutine gratuiti per le persone affette da celiachia.

In base al nuovo decreto, quindi, i cibi per celiaci continuano ad essere gratuiti per circa 200mila celiaci in Italia malgrado il taglio sui nuovi tetti di spesa 2018 dei buoni cartacei o digitali, di un 19%, avvenuto con la revisione del Registro Nazionale degli alimenti senza glutine erogabili come conseguenza alle modifiche apportate dalla direttiva europea del 2013 che ha di fatto abolito i prodotti dietetici e dal calo dei prezzi dei prodotti senza glutine, del -7% in farmacia e -33% per quelli venduti nei supermercati.

Pur essendoci stata la riduzione del 19% degli importi dei buoni, rimane comunque garantita la copertura del 35% dell’apporto calorico giornaliero da carboidrati privi di glutine.
Grande soddisfazione per l’Associazione Italiana Celiachia (AIC) nei confronti del Ministero della Salute, perché insieme sono riusciti ad evitare tagli choc a spese delle famiglie italiane con celiaci, il prossimo obiettivo per entrambi, sarà la diffusione dei buoni digitali per celiaci.

Forse ti interessa anche: detrazione alimenti speciali 2018.

 

Alimenti senza glutine gratuiti: a chi spettano?

Chi ha diritto all’erogazione gratuita degli alimenti senza glutine? I cibi senza glutine gratis spettano a:

persone affette da celiachia;

persone affetta da dermatite erpertiforme.

 

Almeno senza glutine per celiaci: quali sono gratuiti?

Quali sono gli alimenti senza glutine per celiaci che sono gratuiti? Il diritto all’erogazione gratuita, in base al nuovo decreto, è per gli alimenti con le seguenti diciture:

  • senza glutine, specificatamente preparati per celiaci;
  • senza glutine, specificatamente preparati per persone intolleranti al glutine.

Ai fini dell’erogazione gratuita perché a carico del SSN, Servizio Sanitario Nazionale, sono inclusi nel Registro Nazionale presso il Ministero della Salute, anche le seguenti categorie di alimenti:

  • pane e affini, prodotti da forno salati;
  • pasta e affini; pizza e affini; piattaforma pronti a base di pasta;
  • preparati per basi pronte per dolci, pizza, pane;
  • prodotti da forno e dolciari;
  • cereali per la colazione.

 

Alimenti per celiaci: nuovi tetti di spesa 2018

In base al nuovo decreto sull'assistenza celiaci, quali sono i nuovi tetti di spesa 2018? I nuovi tetti di spesa 2018 per gli alimenti senza glutine per celiaci, sono stati modificati con l'approvazione del nuovo decreto sull'assistenza celiaci ed hanno subito una riduzione degli importi pari a circa il 19%, fatta eccezione per il tetto di spesa per i prodotti celiaci per la primissima infanzia che invece è aumentato da 45 a 56 euro.

Ricordiamo che i suddetti tetti di spesa alimenti senza glutine per celiaci che valgono esclusivamente per i titolari dei buoni erogati dal Servizio Sanitario Nazionale, devono essere intesi come importi mensili spettanti.

Tali importi., infatti, sono fissati in base ai LARN, ossia, i Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti per la popolazione stabiliti dalla Società di Nutrizione Umana, i cui importi sono decisi in funzione dell'età, del genere ed ai relativi fabbisogni calorici dei pazienti.

Tetti di spesa 2018 alimenti senza glutine per celiaci: ecco la tabella con nuovi importi che spettano al MESE:

Tetti di spesa massima 2018 alimenti senza glutine per celiacigenerefascia di età
56 euroMaschi/Femmineda 6 mesi a 5 anni
70 euroMaschi/Femmineda 6 a 9 anni

100 euro

Maschi

da 10 a 13 anni

90 euro

Femmine

da 10 a 13 anni

124 euro

99 euro

Maschi

Femmine

da 14 a 17 anni

110 euro

90 euro

Uomini

Donne

da 18 a 59 anni

89 euro

75 euro

Uomini

Donn

over 60

 

In base alla tabella sopra riportata si evince che i nuovi tetti di spesa mensile per celiaci nel 2018 prevede che:

  • la fascia di età da 6 mesi a 5 anni e dai 6 ai 9 anni, sale da 56 e 70 euro;
  • la fascia di età dai 10 ai 13 anni, il tetto della spesa massima aumenta a 100 euro per i maschi e 90 euro per le femmine;
  • la fascia di età dai 14 ai 17 anni è pari a 124 euro per i maschi e 99 euro per le femmine;
  • la fascia di età dai 18-59 anni è pari a 110 euro per gli uomini e 90 per le donne;
  • Per gli over 60, invece, il limite massimo di spesa mensile è pari a 89 euro per i maschi e 75 euro per le donne.

 

Buoni digitali celiachia 2018: cosa sono e quando arrivano?

Che cosa sono i buoni digitali celiachia 2018? I buoni digitali per celiaci sono i buoni cartacei rilasciati dal SSN attraverso le ASL per l'acquisto di alimenti, specificatamente formulati per persone intolleranti al glutine e resi elettronici con l'obiettivo di promuoverne la diffusione al fine di garantire una migliore, semplice e trasparente assistenza.

Buoni digitali per celiaci 2018 quando arrivano? 

  • Il Ministero della Salute, la Funzione Pubblica e l'AIC, stanno già lavorando alla dematerializzazione dei buoni cartacei che li trasformerà nei buoni digitali celiachia da utilizzare nelle parafarmacie, grande distribuzione, negozi di qualsiasi regione e da spendere anche al di fuori della Regione di residenza, cosa oggi impossibile con i buoni celiachia cartacei.

Ricordiamo che ad oggi, 2018, sono solo 4 le Regioni che hanno già attivato i buoni digitali celiachia.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?