White List 2017 Prefettura iscrizione elenco: requisiti modulo domanda

White List Prefettura iscrizione 2017 elenco fornitori appalti pubblici servizi lavori per imprese di settori a rischio mafia modulo domanda requisiti

Commenti 0Stampa

L'iscrizione White list 2017 Prefettura di provinciale agli elenchi dei fornitori, prestatori di servizio ed esecutori di lavori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa, serve alle imprese che lavorano in settori a rischio infiltrazione, a velocizzare il rilascio di provvedimenti quali appalti pubblici, forniture di beni e servizi, finanziamenti e autorizzazione inizio attività sottesi alla richiesta della comunicazione informazione antimafia.

Ciò significa che i soggetti appaltanti non dovranno più richiedere la documentazione antimafia per le imprese iscritte alle White list.

 

White list Prefettura: cos'è e funziona, a cosa serve?

La White list Prefettura è un elenco istituito presso le prefetture provinciali, al quale possono registrarsi le imprese che lavorano nei settori considerati più ad alto rischio di infiltrazione mafiosa.

La Legge n. 190 del 6 novembre 2012 ed il D.P.C.M. 18 aprile 2013, pubblicato in G.U. il 15 luglio 2013 ed entrato in vigore il 14 agosto 2013, ha di fatto previsto l'istituzione, presso ogni Prefettura, dell'elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa, operanti nei settori considerati maggiormente a rischio (c.d. "White List").

L'iscrizione nell'elenco consente quindi sia alle imprese individuali che le società iscritte alla White list, di non dover richiedere e farsi rilasciare dalla prefettura la certificazione antimafia: informazione antimafia e comunicazione antimafia obbligatoria per poter partecipare alle gare di appalto pubbliche, per lavorare con amministrazioni ed enti pubblici, o con società private concessionarie d opere pubbliche. 

Le imprese che lavorano in questi settori, possono quindi presentare domanda di iscrizione solo se possiedono determinati requisiti e solo dopo aver eseguito i i dovuti controlli incrociati tra CED interforze del Ministero e Camera di Commercio.

 

Chi può iscriversi alla White list 2017? Requisiti imprese e condizioni:

Quali imprese possono iscriversi? Le imprese che possono presentare la domanda di iscrizione white list 2017 sono:

Imprese individuali e società che lavorano nei settori a rischio, individuati dall'art. 53 Legge 190/2012 White list Prefettura settori più a rischio:

Trasporto di materiali a discarica per conto terzi;

Trasporto e smaltimento di rifiuti per conto terzi;

Estrazione;

Fornitura e trasporto di terra, materiali inerti, calcestruzzo, bitume; 

Noli a freddo di macchinari e a caldo;

Fornitura di ferro lavorato;

Autotrasporti per conto terzi;

Guardiania dei cantieri;

Requisiti elenco White List: per potersi iscriversi negli elenchi White list della Prefettura, le imprese devono possedere determinati requisiti che sono: 

Attività lavorativa nei settori a rischio.

Avere sede legale, secondaria con rappresentanza stabile in Italia o essere Imprese straniere prive di sede secondaria.

Condizioni di accesso per le imprese: per poter essere iscritte agli elenchi White List le imprese, sottoposte a verifiche, non devono essere state oggetto di cause di decadenza, sospensione o divieto di cui all'art. 67 del Codice Antimafia né aver avuto tentativi di infiltrazione mafiosa tali da condizionare le scelte e l'esercizio dell'impresa.

 

Iscrizione White List Prefettura 2017: come fare e moduli domanda

Dove presentare la domanda? La domanda di iscrizione White list va presentata alla Prefettura della provincia in cui ha sede legale l'impresa interessata ad iscriversi agli elenchi fornitori appalti pubblici, forniture di servizi ed esecutori di lavori, per le imprese costituite all'estero la Prefettura competente è quella relativa alla sede stabile mentre per quelle straniere senza sede stabile in Italia, la domanda può essere inviata presso qualsiasi Prefettura d'Italia.

Da chi va prestata l'istanza di iscrizione white list 2017? La domanda, nella quale specificare il settore/settori in cui opera l'impresa e per cui è richiesta l'iscrizione, e che deve riguardare obbligatoriamente uno dei settori considerati a rischio infiltrazione mafiosa, deve essere effettuata dal titolare dell'impresa individuale o dal legale rappresentante in caso di società alla Prefettura provinciale di competenza territoriale o qualsiasi prefettura nel caso in cui l'impresa estera richiedente non abbia una sede stabile in Italia.

Modulo domanda iscrizione White List: per richiedere l'iscrizione occorre presentare alla Prefettura i seguenti modelli debitamente compilati:

Moduli iscrizione White list Prefettura di Roma fac simili:

Modello A Presentazione Istanza, diverso a seconda del tipo di società che richiede l'iscrizione agli elenchi.

Modello B Dichiarazione sostitutiva iscrizione CCIAA;

Modello C Dichiarazione sostitutiva familiari conviventi, da compilare per ciascun titolare.

Come presentare l'istanza? La domanda iscrizione White List Prefettura va inviate preferibilmente per via telematica scrivendo nell'oggetto la seguente dicitura: "richiesta iscrizione in white list" e poi il nome della ditta. La richiesta va inoltrata all'indirizzo di posta elettronica certificata della prefettura, oppure tramite fax o posta ordinaria.

Cosa succede dopo l'invio della domanda? La Prefettura provinciale una volta ricevuta la domanda, esegue controlli sull'imprese e sul titolare, se questi sono positivi dispone l'iscrizione dell'impresa nell'elenco pubblicato sul proprio sito internet mentre se negativi, il Prefetto rigetta l'istanza comunicando la notizia al richiedente.

Quanto dura l'iscrizione negli elenchi? La durata dell'iscrizione alla White list Prefettura è valida 12 mesi, finiti i quali, almeno 30 giorni prima della scadenza l'impresa se ancora interessata a rimanere iscritta agli elenchi deve darne comunicazione con l'apposito modello.

Perché presentare la domanda? Perchè richiedendo l'iscrizione alla White list 2017 le imprese che lavorano in settori a rischio infiltrazione mafiosa, possono velocizzare il rilascio di provvedimenti quali appalti pubblici, forniture di beni e servizi, finanziamenti e autorizzazione inizio attività sottesi alla richiesta della comunicazione informazione antimafia.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti