Voucher telematici INPS 2017 obbligo per imprenditori e professionisti

Voucher lavoro telematicI Inps 2017 obbligo committenti imprenditori liberi professionisti come funziona procedura acquisto online buoni lavoro accessorio

Commenti 0Stampa

L'obbligo di usare e acquistare Voucher telematici INPS 2017 per committenti imprenditori e professionisti, è stato introdotto con il decreto 81/2015 insieme ad altre importanti novità tra cui l'aumento del compenso per i prestatori di lavoro accessorio che passa da 5000 a 7000 euro se con pluralità di committenti.

Vediamo quindi come funziona la nuova procedura telematica per i buoni lavoro, dove e come acquistare i voucher online tramite i canali dell'INPS, tabaccai, Servizio internet banking Intesa San Paolo e delle banche abilitate.

 

Voucher telematici INPS 2017 cosa sono?

voucher telematici INPS 2017 sono dei buoni lavoro dal valore di 10 euro che vengono acquistati e utilizzati attraverso la procedura on line dell'INPS, dei tabaccai, del servizio internet banking Intesa San Paolo e delle banche abilitate e che servono a regolamentare le prestazioni di lavoro accessorio, svolte in modo saltuario.

Tali prestazione sono quindi pagate tramite voucher in questo il committente, ossia, colui che commissione il lavoro, ha la possibilità di beneficiare di prestazioni di lavoro accessorio regolamentate, senza bisogno di stipulare alcun contratto ed il prestatore, ossia, colui che svolge il lavoro accessorio, può lavorare saltuariamente ed occasionalmente integrando il proprio reddito senza pagare ulteriori tasse, in quanto i buoni voucher lavoro INPS sono esenti dall'imposizione fiscale, non fanno perdere lo stato di disoccupazione e l'indennità NASPI,  e sono inoltre compatibili con i trattamenti pensionistici e i versamenti volontari.

L'unica accezione è che l'utilizzo di voucher per il prestatore, non dà diritto a prestazioni di sostengo al reddito INPS come la malattia, ANF, disoccupazione o maternità ecc.

 

Voucher telematico Inps da quando obbligo per committenti professionisti e imprenditori?

Fino all'entrata in vigore del decreto 81/2015, i voucher inps, potevano essere acquistati a prescindere dalla tipologia del committente sia per via telematica che direttamente presso i gli uffici postali o le sedi INPS.

Obbligo voucher telematico per imprenditori e liberi professionisti? A partire dal 1° gennaio 2017, dovrebbe venire introdotto l'obbligo per i committenti liberi professionisti o imprenditori, di utilizzare la sola modalità telematica per acquistare i voucher.

Per gli altri committenti non imprenditori, il voucher telematico INPS rimane invece una facoltà per cui il buono lavoro può essere acquistato presso gli Uffici Postali di tutta Italia. 

Inoltre, sempre Il Decreto Legislativo 24 giugno 2015, n. 81, ha introdotto all’art. 49, co. 3 un ulteriore obbligo quello di dover effettuare preventivamente, in caso di prestazioni di lavoro accessorio, una comunicazione prima dello svolgimento della prestazione.

Tale comunicazione da inviare per via telematica, sms o posta elettronica, alla direzione territoriale del lavoro competente, consiste nell'invio dei dati anagrafici e del codice fiscale del lavoratore, luogo e durata della prestazione, che ricordiamo non può essere superiore a 30 giorni successivi alla comunicazione, 60 minuti prima della prestazione.

Vediamo ora, nel prossimo paragrafo, come funziona nello specifico la procedura telematica.

 

Procedura di utilizzo voucher telematici Committenti:

La procedura di utilizzo voucher telematici INPS 2017 è costituita da 2 fasi:

1) Registrazione committente e

2) accreditamento prestatore, terminate le quali il prestatore riceve la INPS card Postepay, sulla quale verranno accreditati gli importi dei voucher attivati e utilizzati dal committente.

Vediamo in dettaglio come funziona per i committenti:

Registrazione committente: in questa prima fase il committente, obbligato ad utilizzare la procedura telematica professionisti e imprenditori, e in non obbligati, devono registrarsi al sito dell'INPS direttamente se dispongono del PIN dispositivo o tramite associazione di categoria autorizzate, attraverso le seguenti modalità:

  • Sportelli INPS: per cui recandosi presso gli uffici dell'Istituto;
  • Sito INPS: attraverso il seguente percorso Servizi Online - per il cittadino - Lavoro accessorio;
  • Contact center INPS/INAIL: chiamando al numero gratuito 803.164 per chi chiama da rete fissa o al numero 06164164 a pagamento per chi chiama da mobile .
  • Associazioni di categoria dei datori di lavoro.

 

Prestatore: come funziona la INPS card Postepay?

Vista la prima fase, passiamo ora a vedere come funziona la procedura voucher telematici per il prestatore:

Seconda fase: Accreditamento Prestatore: il prestatore, ossia, colui che presterà il lavoro accessorio per il committente deve registrarsi presso l'INPS attraverso le seguenti modalità:

  • Recandosi presso gli sportelli INPS;
  • Sito INPS: seguendo 3 tipi di percorso alternativi che sono:
    • Servizi Online - per tipologia di utente/Cittadino/Lavoro Accessorio;
    • Accedendo alla Sezione Come fare per utilizzare i buoni lavoro - Servizi Online - Accesso alla procedura telematica e alla procedura PEA tabaccai, sportelli bancari e uffici postali;
    • Accedendo alla sezione Informazioni - Lavoro accessorio area dedicata - Accesso ai servizi.
  • Chiamando il Contact center INPS/Inail al numero gratuito 803.164 per chi chiama da rete fissa o al numero 06164164 a pagamento per chi chiama da mobile.

Una volta accreditato, l'INPS invia a Poste Italiane i dati del prestatore, il quale riceve dalla Posta:

1) Una INPS Card chiamata Postepay virtual sulla quale verranno poi caricati gli importi dei voucher riferiti alla prestazioni di lavoro accessorio svolte per il committente. Per attivare la card e quindi ricevere il compenso, occorre effettuare un caricamento di almeno 5 euro;

2) tutto il materiale informativo sui voucher INPS.

N.B: per i prestatori che effettuano l'accreditamento tramite sito INPS, il contact center dell'Istituto effettuerà una verifica dei dati inseriti, che durerà circa 2 - 3 giorni, i quali verrano inviati a Poste Italiane che entro 25 giorni lavorativi provvederà ad inviare presso il domicilio del prestatore accreditato la INPS card (Postepay). 

 

Dove acquistare e come pagare i voucher telematici?

Per acquistare voucher telematici INPS 2017 i committenti possono rivolgersi a:

Buoni lavoro Banca Intesa San Paolo;

Banche autorizzate acquisto voucher INPS;

Tabaccai voucher INPS;

 Sito INPS: Una volta terminata la procedura di attivazione registrazione committente/prestatore, il committente deve versare, prima dell’inizio della prestazione, il valore complessivo dei buoni che verranno utilizzati, per cui per pagare i voucher telematici occorre effettuare:

  • modello F24: indicando nella sezione INPS il codice sede e il codice fiscale, nella causale LACC appositamente istituita;
  • conto corrente postale 89778229 intestato ad INPS DG LAVORO ACCESSORIO, il cui importo deve necessariamente essere un multiplo di 10. 
  • Pagamento on line www.inps.it, accedendo alla sezione Servizi OnLine/Portale dei pagamenti/Accedi al portale/Lavoro accessorio, e scegliendo se pagare con BancoPosta (BPOL) o Postepay, carta di credito VISA, VISA Electron, Mastercard. 

Sempre prima dell'inizio della prestazione, il committente deve effettuare anche la comunicazione all'INPS per via telematica, ai numeri contact center 803.164 - 06164164, o presso una sede INPS, della dichiarazione di inizio prestazione che intende compensare attraverso i buoni lavoro virtuali.

La dichiarazione deve indicare i Dati anagrafici e codice fiscale di ciascun prestatore; Data di inizio e fine dell’attività lavorativa e Luogo in cui verrà svolta la prestazione.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti