Spesometro black list 2017, San Marino esonero agenzie di viaggio e PA

Spesometro black list e operazioni San Marino, fatture sotto i 3.000 euro agenzie di viaggio, commercianti al minuto esonero PA Pubblica Amministrazione

Stampa

La scadenza Spesometro 2017, è vicina, quella del 10 e 20 aprile 2017 è anche l'ultima volta per i soggetti obbligati alla comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA a dover inviare il modello polivalente annuale.

Con le modifiche apportate alla normativa dello spesometro con il decreto collegato alla Legge di Bilancio 2017, infatti, l'ex elenco clienti e fornitori a scadenza annuale, è stato trasformato dal legislatore, in uno strumento antievasione IVA costituito da due nuovi adempimenti le cd. comunicazioni IVA trimestrali 2017, una di fatture emesse e ricevute e l'altra delle liquidazioni periodiche IVA.

Della comunicazione IVA e del nuovo Spesometro ne abbiamo già parlato tanto in tanti nostri articoli, per cui oggi affronteremo l'ultima comunicazione dello spesometro con scadenza annuale ad aprile 2017 riguardante le operazioni IVA fino a 3.600 euro, a che punto è la proroga per le agenzie di viaggio, la PA impegnata già con lo split payment e le operazioni con i paesi black list e San Marino, visto le ultime novità introdotte alle materia.

 

A cosa serve lo spesometro?

Lo spesometro, fino adesso è stato una delle comunicazioni fiscali annuali obbligatorie che ha permesso all’Agenzia delle Entrate di disporre di un enorme banca dati attraverso la quale effettuare controlli incrociati fra contribuenti al fin di ridurre l'evasione fiscale dell'IVA.

In pratico, lo Spesometro serve a:

  • Controllare la coerenza tra il reddito dichiarato e gli acquisti effettuati dai soggetti obbligati alla comunicazione polivalente;
  • Verificare che tutte le fatture siano state emesse regolarmente al fine di evitare le cd. frodi carosello e la mancata fatturazione.

 

Che cos'è lo Spesometro?

Spesometrocos'è e come funziona. Lo spesometro è uno strumento in dote all'Agenzia delle Entrate che serve a far rilevare alcune informazioni utili per migliorare l'efficacia delle azioni di contrasto all'evasione fiscale in ambito IVA.

Più specificatamente, lo spesometro, è uno strumento di controllo atto a verificare le operazioni rilevanti ai fini IVA effettuate in un determinato anno d'imposta dai contribuenti titolari di Partita IVA.

Lo spesometro, introdotto nel 2010, ha subito nel corso degli anni dei vari aggiustamenti, all'inizio infatti dovevano essere comunicate tutte le operazioni rilevanti ai fini IVA al di sopra di due determinate soglie:

1) 3.600 euro al lordo IVA, se le operazioni venivano documentate da scontrino o ricevuta fiscale;

2) 3.000 euro se invece le operazioni erano soggette alla fattura.

Nel 2012, la normativa cambia e con lo Spesometro devono ora essere comunicate tutte le operazioni per le quali vige l'obbligo di emissione fattura, con il limite di 3.600 euro per quelle documentate da scontrino/ricevuta fiscale.

Nel 2017, lo Spesometro cambia ancora e diventa a partire dal 1° gennaio 2017, il nuovo spesometro 2017 con due nuove comunicazione IVA: la comunicazione IVA fatture emesse e ricevute e la comunicazione liquidazioni periodiche IVA.

Entro la scadenza spesometro 2017 del 10 aprile e del 20 aprile 2017, i contribuenti obbligati dovranno trasmettere per via telematica all'Agenzia delle Entrate, l'ultimo modello polivalente per la comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA effettuate nel corso del 2016.

 

Spesometro 2017 scadenza aprile:

Come abbiamo già detto sopra, il 2017, è l'ultimo anno in cui  contribuenti obbligati dovranno comunicare le operazioni rilevanti ai fini IVA fino a 3.600 euro se documentate da scontrino o ricevuta fiscale e tutte le fatture emesse e ricevute a prescindere dall'importo.

Lo spesometro 2017 anno 2016, è quindi l'ultima comunicazione polivalente, in quanto dalle operazione effettuate nel 2017 sono obbligatorie le comunicazionI IVA fatture e liquidazioni.

Spesometro 2017 scadenza aprile:

  • 10 aprile 2017: è la scadenza spesometro per gli operatori che liquidano l'IVA mensile;
  • 20 aprile 2017: è la scadenza spesometro per chi liquida l'IVA trimestrale.

 

Spesometro 2017: soggetti obbligati

Per questo ultimo Spesometro 2017 i soggetti obbligati all'invio entro la scadenza di aprile, sono: 

Società: Società di persone, Società di fatto che esercitano attività commerciale, Società di capitali, Società consortili, Società cooperative e di mutua assicurazione Imprese individuali;

Società estere: Società estere rappresentate in Italia; Stabili organizzazioni di soggetti non residenti, Soggetti non residenti che si sono identificati ai fini IVA, Rappresentanti fiscali di soggetti non residenti

Professionisti: Esercenti arti/professioni in forma autonoma o associata;

Imprese: Imprese familiari ed aziende coniugali, Imprese agricole di cui all’art. 2135 del C.c.;

Enti: Enti privati che svolgono esclusivamente o prevalentemente attività commerciale, Enti non commerciali

Nuove iniziative: Esercenti attività di impresa e/o di lavoro autonomo che aderiscono alle Nuove iniziative produttive;

Curatori fallimentari e commissari liquidatori;

Contribuenti in regime di contabilità semplificata ma non in regime dei Minimi;

Piccoli produttori agricoli, anche se non superano i 7 mila euro di vendite l’anno;

ASD: Associazioni e Enti associative sportive dilettantistiche: che pur avvalendosi del regime agevolato forfetario previsto dalla Legge 398/91 sono tenute alla comunicazione limitatamente alle operazioni effettuate nell’esercizio di attività commerciali. Le ASD con opzione per la 398/91 pertanto inviano solo i dati delle fatture emesse per pubblicità e sponsorizzazioni.

 

Spesometro soggetti esonerati:

I soggetti esonerati dallo spesometro sono:

  • Contribuenti nel Regime dei Minimi;
  • Contribuenti nel Regime Forfettario;
  • I non residenti con stabile organizzazione in Italia;
  • I curatori fallimentari e i Commissari liquidatori;

Per l'esonero Pubblica Amministrazione, agenzie di viaggio per le operazioni sotto i 3.000 euro e per le operazioni black list, ti rimandiamo ai prossimi paragrafi.

 

Spesometro Agenzie di viaggio: quando esonero?

Manca veramente poco alla scadenza spesometro 2017 di aprile e malgrado ciò sono tanti ancora i nodi che il Governo deve sciogliere, a partire dalle agenzie di viaggio e dei piccoli commercianti al minuto.

Fino adesso, infatti, queste categorie di contribuenti sono state esonerate dall'obbligo di comunicare le operazioni rilevanti ai fini IVA sotto i 3.600 euro.

Ad oggi però manca ancora il rinnovo della proroga da parte dell'Agenzia delle Entrate. 

Ultmo aggiornamento, confermata la proroga per le agenzie di viaggio.

 

Spesometro 2017 PA, Pubblica Amministrazione:

Con l'entrata in vigore del cd. split payment nella Pubblica Amministrazione, le PA sono state esonerate dall'obbligo di inviare il modello polivalente per la comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA.

Per il momento l'esonero spesometro PA è stato ufficializzato dall'Agenzia solo per quanto riguarda le fatture emesse e ricevute a partire dal 1° gennaio 2017 con obbligo di comunicazione IVA con il nuovo spesometro 2017 solo per quelle gestite al di fuori del Sistema di Interscambio, SdI.

Riguardo, invece, gli obblighi spesometro 2017 anno 2016 PA, è arrvata la proroga ufficiale.

 

Spesometro black list 2017 e San Marino

Spesometro balck list 2017 e San Marino: Dal momento che la comunicazione black list è stata abolita a partire dalle operazioni effettuate nel 2016, non devono essere comunicate neanche nel modello polivalente.

I quadri per la comunicazione dei dati delle operazioni intercorse tra soggetti residenti e soggetti residenti nei cd. paesi a fiscalità privilegiata, paesi black list con lo Spesometro, devono essere lasciate libere, e compilate solo per una questione di praticità.

Infatti, secondo quanto indicato all'articolo 4, comma 4, lettera d) del Dl 193/2016, nel modello devono essere indicati ancora per il 2016, le operazioni effettuate nei confronti di operatori residenti o domiciliati in Paesi black list, ma all'articolo 5 si dice che l'elenco black list è soppresso a partire dalle comunicazioni relative al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2016.

Spesometro 2017 e San Marino: la comunicazione delle operazioni effettuate tra soggetti residente e soggetti con residenza a San Marino, paese uscito dalla black list, è stata abolita a partire dalle operazioni effettuate a partire dal 1° gennaio 2017.

Per effetto dell’articolo 7-quater, comma 21, del D.L. 193/2016, cioè il decreto collegato alla Legge di Bilancio 2017 che ha di fatto modificato la normativa dello Spesometro e inaugurato la nuova comunicazione IVA 2017, è stato abolito dal 01/01/2017, l’obbligo di presentazione all’Agenzia delle Entrate della comunicazione relativa le operazioni di acquisto (senza Iva) effettuati presso operatori sammarinesi.

L’adempimento viene meno, quindi, per le operazioni annotate a partire dal 1º gennaio 2017 ma non per quelle effettuate nel 2016.

Vista la scadenza imminente del vecchio spesometro, l’amministrazione finanziaria, deve correre ai ripari e:

  • emanare il provvedimento di esonero spesometro 2017 anno 2016 per le agenzie di viaggio per le fatture sotto i 3.000 euro più Iva, fatto;
  • emanare il provvedimento di proroga esonero spesometro PA, fatto,
  • chiarisca gli obblighi spesometro e balck list, fatto, leggi esclusioni spesometro 2017 esonero e proroga.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?