Spesometro: cos'è e a cosa serve? Come funziona la comunicazione?

Spesometro 2017 cos'è e a cosa serve come funziona la comunicazione IVA nuovo strumento dell'Agenzia delle Entrate contro l'evasione fiscale dell'IVA?

Stampa

Spesometro 2017 cos’è e a cosa serve e come funziona la comunicazione? Lo spesometro è una delle comunicazioni obbligatorie che i soggetti titolari di partita Iva, imprese e lavoratori autonomi, sono tenuti ad inviare annualmente all’Agenzia delle Entrate.

Ora però, con l’entrata in vigore del nuovo spesometro, l’adempimento è stato trasformato in trimestrale con le due nuove comunicazioni IVA: fatture e liquidazioni periodiche. La prima, in deroga alla nuova normativa 2017, avrà per il primo anno di applicazione, una scadenza semestrale mentre la seconda sarà subito trimestrale.

 

Lo Speosometro: cos'è? 

Lo spesometro, è una delle comunicazioni obbligatorie che i soggetti titolari di partita Iva, imprese e lavoratori autonomi, sono tenuti ad inviare all’Agenzia delle Entrate

Dall’entrata in vigore dello Spesometro fino ad oggi, la normativa ha subito diverse modificazioni, nello specifico:

Articolo 21 del dl 78/2010 Spesometro: ha previsto a partire da 2010 l’entrata in vigore dello Spesometro e quindi dell’obbligo da parte dei soggetti titolari di partita IVA, ad esclusione di determinate categorie di contribuenti, di comunicare tutte le operazioni rilavanti ai fini IVA superiori alle suddette soglie:

  • 3.600 euro (lordo IVA), se documentate da scontrino / ricevuta fiscale;
  • 3.000 euro qualora soggette all’obbligo di fatturazione.

Articolo 2 comma 6 del Dl 16/2012 Spesometro: ha modificato la normativa prevedendo che a partire dal 2012, con lo Spesometro vengano comunicate tutte le operazioni per le quali è emessa fattura, con il limite di 3.600 euro per quelle documentate da scontrino/ricevuta fiscale.

Decreto 193/2016 collegato alla Legge di Bilancio 2017 convertito, con modificazioni, dalla legge 1° dicembre 2016 n. 225: ha abolito il vecchio Spesometro annuale e introdotto il nuovo Spesometro 2017 con le due nuove comunicazioni:

  • Comunicazione IVA trimestrale fatture;
  • Comunicazione liquidazioni periodiche IVA.

Decreto Milelleprorohe 2017: ha confermato per il solo Spesometro fatture 2017, la scadenza da trimestrale a semestrale, prorogandone ulteriormente la scadenza dal 25 luglio al 18 settembre 2017.

 

Spesometro 2017: come funziona?

Come abbiamo già detto, dal 2010, è stato introdotto nel nostro ordinamento lo Spesometro, e con lui, l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate tutte le operazioni rilevanti ai fini Iva, mediante la compilazione del modello polivalente.

Inizialmente, quindi, i contribuenti obbligati, dovevano solo comunicare all’Agenzia:

a) Le fatture di acquisto e vendite di beni e/o servizi di valore superiore a 3.000 euro;

b) Scontrini e ricevute fiscali superiori a 3.600 € 

Dal 1° gennaio 2012, invece, la normativa sullo Spesometro è cambiata diventando obbligatoria la comunicazione polivalente di tutte le operazioni rilevanti ai fini IVA, indipendentemente dal loro importo, per cui di tutte le fatture e le operazioni sopra i 3.600 euro per quelle senza obbligo di emissione di fattura.

Dal 2017 in poi, con il nuovo Spesometro 2017, i contribuenti devono comunicare i seguenti dati:

  • Spesometro fatture: è la comunicazione IVA trimestrale fatture emesse, ricevute, note di variazione e bolle doganali. In sede di riconversione in legge del decreto fiscale 193/2016 e con il decreto Milleproroghe, la scadenza per il primo anno di applicazione dello Spesometro fatture è semestrale con soli due invii: primo semestre entro il 18 settembre 2017 ed il secondo semestre entro il 28 febbraio 2018.
  • Spesometro liquidazioni periodiche IVA: i contribuenti devono comunicare entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo al trimestre, tutti i versamenti IVA effettuati per ogni trimestre.

 

Spesometro a cosa serve? 

A cosa serve lo Spesometro? Come abbiamo già detto, lo Spesometro è uno degli strumenti in dotazione al Fisco italiano per la lotta all’evasione e l'elusione fiscale, soprattutto quella relativa all’IVA, e in particolare il tax gap tra l’IVA dichiarata e l’IVA effettivamente versata.

A tal fine, lo Spesometro serve a:

  • Verificare se il reddito e gli acquisti, di un soggetto sono coerenti con i redditi dichiarati: stesso obiettivo del redditometro e dei controlli sui conti correnti;
  • Verificare l'emissione delle fatture allo scopo di ridurre le cd. frodi carosello, ossia, l'emissione di fatture false, di limitare i casi di mancata fatturazione a fronte di cessioni di beni e/o servizi.
  • Verificare in tempo reale, attraverso l'invio di tutti dati delle fatture emesse e ricevute e le liquidazioni IVA ossia, il cd. spesometro analitico 2017, i contribuenti che hanno versato l'IVA e quanti no.

 

Spesometro 2017 Agenzia delle Entrate: cos'è e a cosa serve?

In base ai chiarimenti sullo Spesometro 2017 Agenzia delle Entrate, i contribuenti devono comunicare:

  • con loSpesometro 2017 anno 2016: i dati di tutte le operazioni rilevanti ai fini IVA delle fatture e le operazioni oltre i 3.600 euro effettuate tramite scontrini e ricevute. Tale comunicazione, che deve avvenire tramite modello polivalente 2017, può essere presentata in forma analitica, indicando cioè le singole operazioni, o in forma aggregata, e cioè accorpando le operazioni effettuate nei confronti dello stesso cliente o fornitore. Esclusione Spesometro 2017 anno 2016 Agenzia delle Entrate: contribuenti nel regime forfettario, minimi, PA, commercianti solo per le operazioni sotto le 3.000 euro, IVA esclusa.
  • con lo Spesometro 2017 operazioni effettuate nel 2017
    • la comunicazione IVA delle fatture emesse e ricevute e 
    • la comunicazione liquidazioni periodiche IVA. 

Esonero nuovo Spesometro 2017: Forfettari e Minimi, PA solo per le fatture gestite con il SdI, produttori agricoli.

 

Spesometro 2017: modalità di invio e scadenze

Spesometro 2017 anno 2016 invio e scadenza: per quanto riguarda le operazioni rilevanti ai fini IVA effettuate nel corso del 2016 da dichiarare nel 2017, i contribuenti, devono inviare per via telematica il modello polivalente entro la seguente scadenza Spesometro 2017 anno 2016: 10 aprile per chi liquida l'IVA mensile e 20 aprile per chi liquida l'IVA trimestralmente.

Spesometro 2017 operazioni effettuate a partire dal 1° gennaio 2017:

  • le fatture emesse, le fatture ricevute e le relative note di variazione, vanno comunicate con il modello comunicazione IVA fatture ed software che l'Agenzia delle Entrate deve ancora approvare. La scadenza spesometro fatture 2017 è semestrale con 2 invii: primo semestre entro il 18 settembre 2017 ed il secondo semestre, entro il 28 febbraio 2018.
  • le liquidazioni periodiche IVA: vanno invece inviate all'Agenzia entro l'ultimo giorno del secondo mese successivo al trimestre, per cui entro: il 31 maggio, 18 settembre, 30 novembre e 28 febbraio 2018.

 

Sanzioni spesometro 2017 non presentato, omesso o in ritardo:

Le sanzioni Spesometro 2017 anno 2016:

Per i soggetti che non provvedono ad inviare l'elenco clienti e fornitori con le operazioni rilevanti ai fini IVA entro le scadenze fissate dall'Agenzia delle Entrate, sono previste ed applicate ai sensi dell’art. 21 del D.L. 78/2010. Tali disposizioni, fanno riferimento all’omissione in generale delle comunicazioni obbligatorie da effettuare all’Amministrazione Finanziaria, prevedendo che la trasmissione delle suddette con dati incompleti o non veritieri si applica la sanzione di cui all’articolo 11 del Decreto Legislativo 18 dicembre 1997, n. 471 e quindi: sanzione spesometro omesso o in ritardo da Euro 258 ed un massimo di Euro 2.065.

Resta ferma la facoltà per il contribuente che abbia commesso eventuali violazioni di beneficiare della definizione agevolata di cui all’art. 16 comma 3 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 ricorrendo al ravvedimento operoso spesometro che prevede la riduzione della sanzioni, qualora il contribuente provveda ad inviare il modello polivalente omesso e versi la sanzione ridotta e gli interessi di mora in base ai giorni di ritardata comunicazione tramite modello f24 e relativo codice tributo.

Sanzioni Nuovo Spesometro 2017

I contribuenti che omettono l'invio della comunicazione IVA fatture o dei dati di liquidazioni periodiche IVA, sono soggetti alle seguenti NUOVE sanzioni:

  • Spesometro fatture semestrale omesso o presentato in ritardo: per ogni fattura sanzione minimo 2 euro ad un massimo di 1.000 euro a trimestre (*)
  • Spesometro liquidazioni periodiche omesso, incompleto o infedele: sanzione minimo 500 euro a massimo 2.000 euro (*).

*La sanzione è ridotta alla metà se la trasmissione è effettuata entro i 15 giorni successivi alla scadenza prevista ovvero se, nel medesimo termine, è effettuata la trasmissione corretta dei dati.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?