Spese ristrutturazione detraibili 2017 730 casa elenco lavori edili

Spese ristrutturazione 2017 detraibili dalla dichiarazione dei redditi elenco lavori detrazione 50% edilizia, bagno, manutenzione straordinaria e ordinaria

Commenti 0Stampa

Le spese ristrutturazione detraibili 2017 che fruiscono della detrazione IRPEF pari al 50% o del 65% e quindi scaricabili dalla dichiarazione dei redditi 2017 con modello 730 o modello Unico, sono gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, di riqualificazione energetica, di ricostruzione a seguito di eventi calamitosi, lavori per l'abbattimento delle barriere architettoniche, per prevenire il rischio sismico e di atti illeciti, di bonifica amianto e lavori al fine di aumentare la sicurezza in casa evitando gli infortuni domestici, ecc.

 

Spese ristrutturazione detraibili 2017:

Spese ristrutturazione edili detraibili dalla dichiarazione dei redditi 2017:

  • Per le spese di ristrutturazione sostenute fino al 25 giugno 2012: spetta la detrazione al 36% per un limite massimo di spesa pari a 48.000 euro per unità immobiliare. 
  • Per le spese di ristrutturazione edilizia sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2017 con il cd. bonus ristrutturazioni 2017 spetta la detrazione pari al 50% per un limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare.
  • Per le spese sostenute dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2017 per eseguire interventi di adozione di misure antisismiche su immobili ad uso abitazione principale e produttivi ubicati in zone a rischio sismico e ad elevata pericolosità, spetta una detrazione pari al 65% fino al massimo importo di 96.000 euro ma anche di più, vedi le novità introdotte dalla legge di Bilancio bonus casa 2017.
  • Bonus condizionatori 2017 detrazione spese al 50% o 65% con e senza ristrutturazione.
  • Per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2017 per l'acquisto di mobili, a seguito di una ristrutturazione edile, di arredi con il cd. Bonus mobili ed elettrodomestici spetta detrazione pari al 50% per un limite di spesa pari a 10.000 euro da dividere in 10 quote annuali di pari importo.
  • Costi per gli interventi di risparmio energetico effettuati tra il 4 agosto 2013 ed il 31 dicembre 2017 spetta la detrazione del 65% con il cd. Ecobonus 2017.

     

Spese ristrutturazioni detraibili: a chi spetta la detrazione al 50%?

Spese ritrutturazione detraibili: Chi ha diritto alla detrazione? I beneficiari della detrazione sulle spese di ristrutturazione edile, mobili ed elettrodomestici e di risparmio energetico sono: 

Proprietario dell'immobile o Nudo proprietario;

Usufruttuario, affittuario o comodatario;

Soci di cooperative e di società semplici;

Imprenditori individuali a patto però che l'immobile oggetto della ristrutturazione e quindi della detrazione, non sia ad uso strumentale o merce.

La detrazione al 50% spetta inoltre anche al Coniuge; Parenti entro il III° grado e Affini entro il II° grado a condizione però che siano conviventi con chi possiede o detiene l’immobile al momento della comunicazione di inizio lavori, e che le spese, fatture e bonifici siano intestati a loro. Tale agevolazione spetta anche:

  • Se le autorizzazioni comunali sono intestate al proprietario dell’immobile e non al familiare che beneficia della detrazione;
  • Per chi acquista un immobile ristrutturato che rientra nello sconto fiscale, le quote residuali della detrazione sono trasferite automaticamente al nuovo acquirente, salvo diverso accordo con il venditore
  • A chi esegue i lavori di ristrutturazione in proprio, limitatamente alle spese di acquisto dei materiali utilizzati.
  • Immobili in successione: In caso di decesso da parte del proprietario che ha sostenuto i costi della ristrutturazione, le quote di detrazione non ancora fruite possono essere fruite dall'erede che riceve in successione l'immobile, a patto che ne abbia immediata disponibilità ance se lo stesso immobile non è la sua abitazione principale.
  • Trasferimento dell'affittuario o del comodatario: in caso di cessazione del contratto di locazione o di comodato, l'agevolazione continua ad essere fruita dall'inquilino che ha sostenuto le spese di ristrutturazione anche se ha lasciato l'abitazione.

 

In quante quote va divisa la spesa massima fino a 96.000 euro?

La detrazione 50% sulle spese di ristrutturazione va divisa in 10 quote annuali di pari importo, per un limite di spesa fino a 96.000 euro, a partire dall'anno in cui vengono sostenute le spese.

Per cui se i lavori sono iniziati nel 2016 la prima quota è detraibile a partire dalla dichiarazione dei redditi 2017 spese ristrutturazione, sia che si usi il modello 730 o Unico.

Esempio pratico: se la spesa sostenuta per eseguire lavori di ristrutturazione edilizia è complessivamente di 20.000 euro, la detrazione spetta sul 50%, pertanto, si ha diritto a scaricare dalla dichiarazione dei redditi massimo 10.000 euro che vanno poi ripartiti in 10 quote di pari importo, quindi 1.000 euro all'anno per 10 anni.

La spesa ristrutturazione detraibile in ciascuna dichiarazione di redditi è pari a 1.000 euro.

Per le spese di ristrutturazione effettuate entro il 31 dicembre 2011 la ripartizione della detrazione funziona in modo diverso, ossia: per i contribuenti sotto i 75 anni la detrazione va ripartita in 5 quote mentre per i contribuenti sopra gli 80 anni in tre rate annuali di pari importo. 

 

Elenco lavori edili detraibili dalla dichiarazione dei redditi 2017:

Le spese ristrutturazione detraibili 2017 sulle quali spetta la detrazione fiscale pari al 50% su un massimo di spesa di 96.000 euro sono secondo l'elenco lavori ristrutturazioni Agenzia delle Entrate:

1) Spese elencate alle lettere b), c) e d) dell’articolo 3 del Dpr 380/2001, nelle quali rientrano i lavori di manutenzione straordinaria, opere di restauro e risanamento conservativo, lavori di ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali a prescindere dalla categoria catastale stessa agevolazione spetta anche sulle loro pertinenze.

2) Spese elencate alle lett. a), b), c) e d) articolo 3 del Dpr 380/2001, nelle quali rientrano i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuate su tutte le parti comuni degli edifici residenziali. Pertanto, le spese di manutenzione ordinaria sono ammesse alla detrazione solo se sostenute per eseguire lavori che riguardano le parti comuni degli edifici residenziali.

3) Spese per la ricostruzione o ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, e quelli relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, anche a proprietà comune. 

Elenco Spese di ristrutturazione edilizia detraibili 2017: rientrano in questa tipologia tutti gli interventi volti a realizzare una modifica dell'organismo edilizio rispetto a quello esistente, per cui vi rientrano anche i lavori di demolizione e ricostruzione a patto di mantenere lo stesso volume e superficie di quello preesistente, salvo le innovazioni necessarie per adeguare l'edificio in tema di norme antisismiche.

Nello specifico, a titolo di esempio, riportiamo alcuni tipi di lavori agevolabili:

  • Costruzione dei servizi igienici più grandi rispetto alla superficie e al volume esistente.
  • Interventi che modificano la destinazione d'uso di edifici, in base alle leggi regionali e dalla normativa locale;
  • Interventi per trasformare i locali accessori in residenziali;
  • Lavori di ampliamento delle superfici.

 

Spese detraibili manutenzione ordinaria e straordinaria:

Quali sono i lavori di manutenzione ordinaria per i quali spetta l'agevolazione? Le spese di manutenzione ordinaria per cui spetta la detrazione del 50% sono solo quelle sostenute per eseguire lavori sulle parti comuni degli edifici residenziali per cui non spetta sulla singola unità familiare.

Elenco spese ristrutturazione detraibile lavori di manutenzione ordinaria: Rientrano in questa tipologia di lavori, tutti gli interventi edili effettuati per riparare, rinnovare e sostituire finiture degli edifici e per migliore, integrare o mantenere efficienti gli impianti tecnologici esistenti, come ad esempio:

  • Sostituzione dell'intera pavimentazione o parte di essa con relativa opera di finitura e conservazione;
  • Riparazione dell'impianto idraulico, idrico e smaltimento acque reflue;
  • Lavori di rivestimento e tinteggiatura dell'esterno senza alcuna modifica e rifacimento intonaco degli interni.
  • Rifacimento della pavimentazione esterna senza modifiche ai materiali.
  • Rinnovo delle impermeabilizzazioni per lo smaltimento dell'acqua piovana.
  • Riparazioni balconi e terrazze, recinzioni;
  • Sostituzione di alcune parti degli impianti tecnologici, degli infissi, serramenti e serrande senza modificare il tipo di infisso.

Elenco spese ristrutturazione agevolabili per lavori di Manutenzione straordinaria: In questa tipologia di spese rientrano tutti gli interventi eseguiti per rinnovare o sostituire parti dell'unità residenziale, le parti comuni e quelle strutturali dell'edificio, per realizzare per esempio un nuovo bagno o integrare impianti tecnologici purché non comportino modifiche nel volume, superficie e nella destinazioni d'uso.

Rientrano nei seguenti interventi agevolabili:

Lavori per la sostituzione di infissi esterni, serramenti, persiane con serrande, modificando anche il materiale o la tipologia di infisso;

Lavori per realizzare e adeguare opere accessorie e pertinenziali senza modificare il volume o la superficie e impianti ascensori, scale di sicurezza, canne fumarie;

Realizzazione ed integrazione di servizi igienico-sanitari

Lavori di chiusura o apertura interne senza modifiche dell'edificio o dello schema con cui sono distribuite le unità immobiliari.

Consolidamento delle fondamenta o sostituzione solai di copertura.

Rifacimento di scalini, scale o rampe;

Realizzare recinzioni, muri di cinta e cancellate;

Interventi di risparmio energetico.

 

Ape, IVA, bollo sono detraibili dal 730 e Unico?

Sono detraibili dal 730 e Unico anche le spese per l'esecuzione dei lavori:

Spese per le prestazioni professionali, per la progettazione, per la sicurezza impianti elettrici e a metano, acquisto dei materiali, compenso per le relazioni di conformità alla legge come ad esempio la certificazione energetica con il nuovo APE, spese per perizie e sopralluoghi, IVA, bollo e diritti di segreteria per le concessioni, autorizzazioni e comunicazione di inizio lavori, oneri di urbanizzazione e altri eventuali costi sempre relativi agli interventi di ristrutturazione agevolabili per cui spetta la detrazione.

Non sono invece detraibili le spese per trasloco e custodia dei mobili nel periodo in cui vengono eseguiti i lavori.

 

Restauro e risanamento conservativo 

Nella detrazione spese di restauro e risanamento conservativo rientrano tutti lavori edili che servono per mantenere nel tempo l'organismo edilizio. Sono interventi di restauro i lavori per restituire all'immobile un particolare valore architettonico, storico o artistico mentre sono interventi di risanamento conservativo i lavori per mantenere le opere originali, ad esempio la detrazione spese di restauro e risanamento conservativo spetta per i seguenti interventi:

  • Lavori per innovare le strutture verticali e orizzontali;
  • Lavori per far ripristinare l'aspetto storico-architettonico di un edificio;
  • Adeguare le altezze dei solai, mantenendo il rispetto dei volumi esistenti;
  • Aprire nuove finestre per favorire una maggiore aerazione dei locali.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti