Spese mediche 730 precompilato 2017: Opposizione Agenzia Entrate

Come opporsi all'utilizzo dati spese mediche 2017 nel 730 precompilato modello Agenzia delle Entrate cos'è e come funziona, compilazione modello e invio

Commenti 1Stampa

L'opposizione all'utilizzo dati spese mediche 2016 nel 730 precompilato 2017, è la procedura che consente ai cittadini di manifestare il diniego al consenso al trattamento dei propri dati di spesa medica e sanitaria da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Dall'anno scorso, infatti, sia per effetto della nuova Legge di Stabilità che del provvedimento del 31 luglio 2015 approvato dall'Agenzia, i medici privati e pubblici, strutture convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale che non convenzionate, ospedali e case di cura private, devono trasmettere entro il 28 febbraio 2017, tutti i dati di spesa per prestazioni, ticket, farmaci ecc, sostenute dai contribuenti nel corso del 2016.

Il contribuente, pertanto, che non vuole che tali dati siano utilizzati dall'Agenzia per elaborare il 730 precompilato, deve darne chiara manifestazione, vediamo come.

 

Spese mediche 2017 anno 2016: novità

A partire dalla dichiarazione dei redditi 2017, nel 70 precompilato e Unico precompilato, verranno inserite tra le spese mediche 2017 anno 2016 delle nuove voci di spesa sostenute dai contribuenti a proprio nome o per conto del familiare a carico, verranno comunicate all'Agenzia delle Entrate attraverso il "Sistema tessera sanitaria". Tale sistema, verrà quindi utilizzato da:

1) medici, ospedali, strutture sanitarie convenzionate con il SSN e private, per trasmettere i dati relativi a prestazioni, farmaci o ticket pagati dai contribuenti;

2) Agenzia delle Entrate per elaborare il 730 precompilato 2017 contenente per la prima volta le spese mediche detraibili, con il totale di spesa per ciascun tipo di prestazione sanitaria e il relativo rimborso spettante;

3) Contribuente: per verificare e consultare i suoi dati di spesa ed eventualmente manifestare l'opposizione all'utilizzo dei dati di tutte le spese mediche, di una sola parte o di un'unica spesa.

Tutte le informazioni di spesa sanitaria, dovranno essere rese disponibili all’Amministrazione finanziaria entro il 28 febbraio di ciascun anno, in modo tale che l'Agenzia abbia il tempo di elaborare i dati e di inserirli nel 730 precompilato entro il il 15 aprile.

Vedi anche: nuove spese mediche nel 730 precompilato 2017.

 

Utilizzo spese mediche 730 precompilato 2017 quali dati?

Quali dati spese mediche sono inseriti nel 730 precompilato? I dati che le strutture mediche sanitarie private che pubbliche, farmacie, medici convenzionati al SSN e privati, sono obbligati a comunicare all'Agenzia delle Entrate, entro il 28 febbraio di ciascun anno, sono:

Codice fiscale del contribuente o del familiare a carico cui si riferisce la spesa o il rimborso;

Codice fiscale o partita Iva e denominazione di chi ha erogato la prestazione sanitaria;

Data del documento di spesa ricevuta o fattura;

Tipologia di spesa: se ticket, farmaci, acquisto o affitto di dispositivi medici, servizi sanitari erogati dalle farmacie, farmaci per uso veterinario, visite mediche generiche e specialistiche, prestazioni chirurgiche ricoveri ospedalieri, ecc;

Importo della spesa o del rimborso;

Data del rimborso.

Una volta inviati i suddetti dati tramite Sistema tessera sanitaria 730 precompilato, l’Agenzia delle Entrate elabora l'elenco delle spese mediche, sanitarie e rimborsi, fatta eccezione di quelle per le quali il contribuente, ha manifestato l'opposizione tramite l’apposito modulo, e trasmette al “Sistema tessera sanitaria” la lista dei codici fiscali dei contribuenti interessati dal 730 precompilato e dei familiari a carico indicati nelle Certificazioni uniche ricevute.

Il “Sistema” fornirà, quindi per ciascun contribuente, i totali di spesa e di rimborsi aggregati in base al tipo di spesa e l'Agenzia provvederà a calcolare l'importo delle spese mediche e sanitarie detraibili da inserire nella dichiarazione dei redditi precompilata.

 

Verifica spese mediche detraibili nel 730 precompilato: come e da quando?

Come si fa a verificare l'importo totale e quali sono le spese mediche detraibili nel 730 precompilato? Il contribuente per controllare quali e quante sono le spese sanitarie inserite nella precompilata, per le quali spetta la detrazione o la deduzione fiscale, a suo nome o per conto del familiare a carico, deve accedere ai servizi telematici dell'Agenzia Fisconline o Entratel, se possiede il Pin Agenzia delle Entrate, ed entrare nell'apposita sezione 730 precompilato Agenzia delle Entrate.

Nella sezione oneri e spese, il contribuente può verificare le spese mediche e sanitarie sostenute da lui o per conto dei familiari a carico, e nello specifico:

  • Totale delle spese sanitarie automaticamente agevolabili e dei relativi rimborsi aggregati in base alle tipologie di spesa;
  • Totale delle spese sanitarie che potrebbero essere agevolabili in presenza di specifiche condizioni, come ad esempio l'acquisto o l'affitto di protesi che non rientrano tra i dispositivi medici Ce, cure termali, prestazioni di chirurgia estetica e dei relativi rimborsi aggregati in base al tipo di spesa.

In caso di spese mediche e sanitarie sostenute per il familiare a carico di più contribuenti, tali oneri saranno inseriti nelle loro precompilate in proporzione alla percentuale di carico.

La consultazione e la verifica spese nel 730 precompilato 2017 è a partire dal 15 aprile 2017, accedendo all'area autenticata del sito dell’Agenzia, il contribuente è in grado di verificare nel dettaglio tutte le spese sanitarie e rimborsi sostenuti nel corso del 2016 anche per il familiare a carico.

 

Opposizione utilizzo dati spese mediche 2017 anno 2016 cos'è e come funziona?

L'utilizzo dati spese mediche nel 730 precompilato, significa che alcuni dati relativi ai contribuenti, nello specifico, i dati delle spese sanitarie effettuate dai contribuenti nel corso del 2016, vengono inviati al Sistema Tessera Sanitaria, per essere elaborati dall'Agenzia delle Entrate ed inseriti nel 730 precompilato.

Ma se un cittadino non vuole che i suoi dati di spesa medica vengano utilizzati dall'Agenzia cosa deve fare? Può opporsi all'utilizzo di questi dati? Si, ogni cittadino può manifestare la sua chiara opposizione all'utilizzo da parte dell'Agenzia, dei dati delle spese mediche effettuate a suo nome o per conto dei familiari a carico, ricorrendo ad una procedura bene precisa. 

Cos'è e come funziona l'opposizione utilizzo spese mediche Agenzia delle Entrate? La procedura di opposizione, consente al contribuente di comunicare all'Agenzia che tutte, solo una parte o anche solo una spesa medica sostenuta da lui per suo conto o per il familiare a carico, non venga utilizzata per l'elaborazione del 730 precompilato. Per dichiarare l'opposizione ci sono 3 modi:

1) Scontrino parlante: in caso di acquisto di un farmaco, di un prodotto o di un dispositivo medico sanitario, il cittadino può richiedere che la spesa da lui effettuata non venga trasmessa all'Agenzia delle Entrate, come? Non comunicando per esempio al farmacista, il codice fiscale indicato sulla tessera sanitaria.

2) Opposizione dichiarata verbalmente: il cittadino può dichiarare la sua opposizione all'utilizzo del dato della spesa sanitaria, comunicandolo direttamente al medico o alla struttura sanitaria che deve trascrivere una apposita dicitura di opposizione sulla fattura o ricevuta. Tale procedura, non si applica alle spese mediche sostenute nel 2016.

3) Dichiarazione opposizione tramite Sistema Tessera Sanitaria: per dichiarare l'opposizione spese mediche 2017 sostenute nel 2016, il cittadino può accedere al Sistema Tessera Sanitaria tramite PIN 730 precompilato o Fisconline, e dal 1° al 28 febbraio 2017 comunicare l'eventuale opposizione per ciascuna spesa medica sostenuta. 

 

Modello opposizione dati Agenzia delle Entrate: compilazione e invio

Il modello opposizione dati spese mediche Agenzia Entrate, è il modulo che i contribuenti possono utilizzare per comunicare all'Amministrazione Finanziaria di non volere che le proprie spese mediche, o alcune di queste, vengano usate ed inserite nel 730 precompilato.

Come abbiamo visto nel paragrafo precedente, per dichiarare il diniego all'uso dei dati spese mediche 2017 anno 2016, il cittadino può decidere di non comunicare il proprio codice fiscale nello scontrino parlante, di accedere al Sistema tessera sanitaria e selezionare le voci di spesa da escludere.

L'Invio modello opposizione può avvenire nelle seguenti modalità:

  • Via e-mail presso l’indirizzo di posta elettronica che verrà pubblicato sul sito dell’Agenzia;
  • Telefonando al n° 848800444 da fisso, 0696668907 da cellulare, +390696668933 dall’estero;
  • Consegnando personalmente presso un qualsiasi ufficio territoriale delle Entrate il modello di richiesta di opposizione.

Nel caso in cui il contribuente scelga di utilizzare le prime due modalità, può sostituire anche il modello opposizione con una comunicazione in forma libera nella quale dovrà essere indicato il numero di documento e la scadenza. In caso di utilizzo del modello, va allegata copia del documento di identità.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti
Commenti 1

lu ciano paponi

7 novembre 2015 19:31

OTTIMA SEGNALAZIONE E MOLTO PRECISA GRAZIE