Spese Detraibili 730 2015 Unico: a nome contribuente, figli coniuge

Le Spese Detraibili 730 2015 e modello Unico sono oneri sostenuti dal contribuente entro limiti di soglia importo e percentuali variabili per voce di spesa

Commenti 1Stampa
Spese Detraibili 730 2015 Unico: a nome contribuente, figli coniuge

Le Spese Detraibili dichiarazione dei redditi 2015 detrazioni 730 e Unico, sono le spese che i contribuenti possono scaricare presentando la denuncia dei redditi annuale mediante la consegna del modello 730 e Unico 2015 si riferiscono alle spese sostenute, nel corso dell’anno d’imposta 2014, dal dichiarante sia nel suo interesse che per conto dei suo famigliari a carico.

 

Spese Detraibili 730 2015:

La detrazione è una spesa che il contribuente può sottrarre dall’imposta Irpef da pagare, ovvero, dal totale dell’imposta già calcolata sui redditi percepiti al netto delle deduzioni.

In altre parole, le spese detraibili sono spese che i contribuenti indicano nella Dichiarazione dei Redditi annuale, per poter beneficiare di "sconti" che riducono l’Irpef totale sulla quale pagare le tasse. Per fruire dell’agevolazione, pertanto, i contribuenti devono produrre, in sede di compilazione e consegna dei modelli, tutta una serie di documenti atti a certificare l’effettiva spesa sostenuta, quindi scontrini, fatture, ricevute, bonifici, assegni, che servono come documentazione fiscale da allegare alla dichiarazione dei redditi per il calcolo ai fini Irpef e la cui copia va conservata per i successivi 4 anni.

La possibilità di deduzione delle spese dall’imponibile Irpef che di detrazione dll’Imposta Ipef da pagare, fa sì che anche i contribuenti non obbligati alla presentazione del modello 730 e Unico, presentino lo stesso la denuncia dei redditi per beneficiare della deducibilità e detraibilità delle spese, entro specifiche soglie di limiti di importo e percentuali fissate annualmente dallo Stato per ciascuna tipologia di spesa che, per l’anno il 2015 è pari al 19% per le spese sanitarie, 50% per quelle sostenute per la ristrutturazione e 65% per interventi di risparmio energetico.

 

Cosa scaricare dalla Dichiarazione dei redditi? Spese:

Cosa scaricare dalla dichiarazione dei redditi? Con la dichiarazione dei redditi annuale, il contribuente tramite presentazione del modello 730 o Unico, a seconda della tipologia di lavoratore e pensionato, può per legge beneficiare di 2 agevolazioni per lui e per i famigliari fiscalmente a carico, che sono:

  • La Deduzione delle Spese: consente per alcune tipologie di voci di spesa come per esempio i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali, complementari e facoltativi, per le spese mediche generiche e specialistiche, per le erogazioni liberali ecc di poter essere sottratte entro un certo limite di importo, all’imponibile dell’Irpef, ossia, prima che venga calcolato l’ammontare dell’imposta sui redditi che il contribuente deve pagare.

  • La Detrazione delle Spese: consente per alcune tipologie di spesa come per esempio le spese di ristrutturazione edilizia, recupero storico, riqualificazione energetica degli edifici, spese funebri, canoni di locazione ecc, di essere portate a sottrazione dell’imposta totale che il contribuente deve pagare ai fini Irpef.

     

Spese: detrazioni figli a carico

Il contribuente, nella dichiarazione dei redditi annuale 2015 può scaricare oltre le spese effettuate nel suo interesse anche alcune tipologie di spese sostenute per i familiari fiscalmente a carico, come per esempio quelle effettuate per:

Coniuge: non legalmente separato ed effettivamente separato

Figli: naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati 

Altri familiari: Coniuge legalmente ed effettivamente separato, Nipoti, Genitori, Fratelli e Sorelle, Genitori adottivi, Generi e Nuore, Suoceri

Per tali spese, al dichiarante spetta una detrazione dall’imposta lorda, la cui misura varia però in funzione del reddito complessivo. 

Nello specifico per l’anno d’imposta 2014, sono considerati familiari fiscalmente a carico, i soggetti che non hanno posseduto redditi superiori a euro 2.840,51. Leggi le 730 2015 detrazioni familiari a carico.

Per il 2015 le detrazioni Irpef per i figli a carico: 950 euro, per ogni figlio dai tre anni in su 1.220 euro, per ogni figlio sotto i tre anni e 400 euro, l’importo aggiuntivo per ogni figlio portatore di handicap.

Inoltre, è stata introdotta una nuova casella per proteggere la privacy dei figli affidati e poter inserire solo il numero di quanti sono, senza indicare il loro codice fiscale.

Le Detrazioni per i famigliari a carico, non spettano per i redditi complessivi superiori a 95.000 euro.

 

Spese Detraibilli per il Coniuge a Carico

reddito complessivo sotto i 15.000,00 euro 800,00 

reddito complessivo superiore a 15.000,00 euro ma entro i 40.000,00 euro 690,00: misura fissa detrazione base

reddito complessivo superiore a euro 40.000,00 ma entro gli 80.000,00 euro

euro 690,00 (detrazione base) moltiplicato per il coefficiente derivante dal seguente calcolo: 80.000 - reddito complessivo 40.000/80.000

Le Detrazioni per i famigliari a carico, non spettano per i redditi complessivi superiori a 95.000 euro. 

 

Detrazione IRPEF al 19%:

Spese effettuate nell’interesse proprio o dei familiari fiscalmente a carico:

Spese sanitarie oltre la franchigia, se con scontrino fiscale: Le detrazioni le spese mediche sono del 19% sull’imposta dovuta. Se non viene superato predetta soglia, il contribuente non ha diritto alla detrazione spettante le spese sanitarie sostenute. Il limite massimo si spesa complessiva, è di 15.493,71 euro all’anno, da ripartire in 4 quote annuali di pari importo.Per aver diritto alle detrazioni sulla spesa sanitaria, occorre avere la documentazione attestante la prestazione medica, ovvero: fattura, parcella, ricevuta quietanzata o scontrino. Per l’acquisto di medicinali e farmaci, la detrazione spetta se la spesa è certificata da fattura o “scontrino parlante” con l’indicazione esatta della natura del farmaco, la qualità e la quantità dei prodotti acquistati e il codice fiscale del destinatario. Le prestazioni sanitarie, per le quali il contribuente ha diritto alla detrazione e alla deduzione sono:

Prestazioni chirurgiche e specialistiche

Analisi, radiografie, mammografie, colonscopia, rettoscopia, tac, risonanza magnetica, ricerche e applicazioni

Acquisto o affitto di protesi sanitarie

Prestazioni rese da un medico generico

Prestazioni rese nella medicina omeopatica

Ricoveri a seguito di operazione chirurgica o degenze: in caso di ricovero di una persona anziana presso un istituto, la detrazione spetta solo nella misura delle spese mediche e non sulla retta mensile o annuale.

Acquisto di farmaci

Acquisto di dispositivi medici qualora dallo scontrino o dalla fattura appositamente richiesta risulti il soggetto che sostiene la spesa e la descrizione del dispositivo medico contrassegnato dal marchio CE.

Spese relative all’acquisto o all’affitto di attrezzature sanitarie come aerosol, misuratore di pressione, sedia a rotelle ecc

Spese relative al trapianto di organi

Ticket pagati al Servizio sanitario nazionale.

Assistenza infermieristica e riabilitativa: fisioterapia, laserterapia ecc.

Prestazioni rese da personale in possesso della qualifica professionale di addetto all’assistenza di base o di operatore tecnico assistenziale esclusivamente dedicato all’assistenza diretta della persona.

Prestazioni rese da personale di coordinamento delle attività assistenziali di nucleo.

Prestazioni rese da personale con la qualifica di educatore professionale

Prestazioni rese da personale qualificato addetto ad attività di animazione e/o di terapia occupazionale.

Spese sanitarie per disabili senza limite di importo 

Spese per acquisto e riparazione veicoli per disabili: Limite massimo detraibile 18.075,99 euro per singolo veicolo

Spese per cani guida senza limite di importo 

Spese mantenimento cane guida:

Spese per istruzione secondaria e universitaria:

Spese per attività sportive

Spese per canoni di locazione

Spese per Asilo Nido: Limite importo massimo detrazione 632,00 euro all’anno 

Oneri dei contributi versati per il riscatto del corso di laurea 

Oneri Contributi obbligatori INAIL: Solo per le persone del nucleo familiare per l’assicurazione casalinghe

 

Spese effettuate dal contribuente:

Spese mediche sanitarie, funebri, interessi mutuo, veterinarie detraibili al 19%:

Spese sanitarie per patologie con esenzione SSN 

Spese funebri Limite

Spese per intermediazione immobiliare

Spese veterinarie

Interessi mutui ipotecari Acquisto Abitazione principale

Interessi per mutui ipotecari per l’acquisto di altri immobili

Interessi per mutui contratti dopo il 1997 per recupero edilizio

Interessi per mutui ipotecari stipulati per costruire l’abitazione principale:

Interessi per prestiti o mutui agrari: Non superiori a quelli dei redditi dei terreni dichiarati

Premi assicurazioni sulla vita e infortuni Solo per contratti di durata superiore ai 5 anni che non consentano la concessione di prestiti, il Limite importo massimo da portare a detrazione è di 630,00 euro.

Erogazioni Liberali: nuova detrazione pari al 26& se fatte a favore di ONLUS, partiti politici ecc.

 

Spese Canoni locazione

Canoni locazione inquilini a basso reddito: per contratti di immobili adibiti ad abitazione principali, spetta infatti la detrazione IRPEF pari a 300 euro, se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro e 150 euro, se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 ma non a 30.987,41 euro. Se il reddito complessivo è superiore a 30.987,41 euro non spetta alcuna detrazione. 

Canoni locazione abitazione principale per lavoratore dipendente che trasferisce la residenza per motivi di lavoro è prevista una detrazione di: 991,60 euro, se il reddito complessivo non supera i 15.493,71 euro e di 495,80 euro, se il reddito complessivo supera i 15.493,71 euro ma non i 30.987,41 euro.

Canoni locazione abitazione principale per giovani tra 20 e 30 anni detrazione di 961,60 euro contratto di locazione registrato e reddito complessivo fino a € 14.493,70.

Canoni alloggi sociali: dal 2014 al 2016 spetta la detrazione pari a 900 euro, se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro e 450 euro, se il reddito complessivo supera i 15.493,71 ma non i 30.987,41 euro. 

Canoni di locazione per gli studenti universitari fuori sede: copia contratto di locazione registrato e ricevute di pagamento canone, detrazione spetta nella misura del 19%, calcolabile su un importo non superiore a 2.633 euro. 

Contratti a canone convenzionato: spetta una detrazione di: 495,80 euro, se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro e di 247,90 euro, se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro ma non a 30.987,41 euro. 

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili

Lascia un commento
Contatti
Commenti 1

scolari gianfranco

1 maggio 2013 10:43

Non un commento ma una domanda.
Ai fini della detrazione del 50%,per lavori eseguiti fino al 30.06.2013,il rifacimento della impermeabilizzazione e posa piastrelle di una terrazza di proprietà ed uso di un singolo condomino è considerata come manutenzione ordinaria o manutenzine straordinaria e quindi in tale secondo caso detraibile dal reddito? Ed in caso positivo può essere detratta anche la spesa per l'acquisto delle piastrelle effettuato direttamente dal proprietario e se si il pagamento deve essere effettuato con bonifico bancario oppure in altra forma ed è sufficiente la conservazione della sola fattura? Grazie