EconomiaWeb

Sollecito Pagamento Fattura: modello editabile Lettera fac simile

Sollecito Pagamento Fattura: modello editabile Lettera fac simile

Sollecito pagamento fattura 2014 lettera fac simile professionista e azienda per richiedere pagamento prestazione, primo secondo terzo sollecito e interessi

Sollecito Pagamento Fattura: modello editabile Lettera fac simile

Il Sollecito di Pagamento di un Fattura è un modo per richiedere al debitore, il pagamento di una prestazione professionale, di un bene o di un servizio reso. Tale richiesta di pagamento, che deve essere effettuata tramite specifico modulo e specifica dicitura, consente di sollecitare l’adempimento senza ricorrere alle vie legali.

Prima di parlare si moduli e lettere di primo, secondo e ultimo sollecito, è importante ricordare quali sono i termini di emissione della fattura, di pagamento con la relativa scadenza e di applicazione degli interessi di mora da calcolare per quelle fatture pagate dal debitore oltre la scadenza.

 

Pagamento Fattura entro quanto tempo va emessa?

Innanzitutto, occorre dire che i tempi di emissione della fattura variano a seconda del bene, servizio o prestazione:

Vendita di Beni mobili: l’emissione della fattura deve avvenire alla consegna o la spedizione del bene.

Vendita Beni immobili: l’emissione della fattura deve avvenire alla stipula del contratto.

Prestazione di servizi: l’emissione della fattura da parte dell’azienda o del professionista che effettua la cessione deve coincidere con il pagamento, anche in acconto, del servizio o della prestazione.

 

Sollecito Pagamento Fattura 2014 2015 come farsi pagare?

Il Mancato Pagamento di una Fattura entro i termini previsti ovvero, entro 30 giorni dalla data di consegna delle merce o dalla data di ultimazione del servizio o della prestazione, è diventato, purtroppo, negli ultimi tempi una realtà per molti professionisti e aziende che si trovano sempre più spesso a vedersi costretti ad attivare delle procedure di recupero delle somme. 

Si ricorda inoltre che, il creditore, in caso di ritardato pagamento delle somme indicate nella fattura emessa a norma di legge, ha diritto anche al rimborso dei costi sostenuti per il recupero delle somme non pagate entro la scadenza, senza che sia necessario arrivare alla messa in mora della fattura. Tale rimborso, spetta per un importo forfettario di 40 euro a titolo di risarcimento del danno, al quale possono essere sommati eventuali costi aggiuntivi per l’assistenza per il recupero del credito.

Pertanto, il creditore verificata l’inadempienza da parte del debitore ad assolvere al pagamento della fattura emessa regolarmente, può decidere dopo la scadenza dei 30 giorni, di inviare tramite raccomandata A/r una lettera contenente il Sollecito di Pagamento della Fattura.

 

Tempi pagamento fatture:

Tempi pagamento fatture: Una volta emessa la fattura di cessione di beni, servizi o prestazioni, le somme ivi presenti, devono essere pagate entro uno specifico termine di scadenza, ovvero:

Fattura emessa a seguito dell’acquisto di beni e servizi: il pagamento delle somme relative alla fattura emessa, devono essere pagate dal debitore entro 30 giorni dalla data di ricevimento della stessa, ovvero a partire dalla data di consegna della merce o dalla data in cui è terminata la prestazione, fatta eccezione per i consumatori finali nell’ambito dei rapporti commerciali.

Fattura emessa per l’acquisto di prodotti deteriorabili: il termine di pagamento è entro 60 giorni dalla data di ricevimento della fattura.

Una Diversa pattuizione del termine per il pagamento della fattura, può esserci nelle operazioni commerciali tra imprese e/o tra professionisti. In questo caso, sono le parti che di comune accordo possono stabilire un termine per il pagamento superiore rispetto ai consueti 30 giorni. Se la scadenza del pagamento è oltre i 60 giorni, tale termine deve essere espressamente indicato con specifica clausola scritta. 

 

Pagamento Fattura oltre la scadenza: calcolo interessi 2014

Una volta superati i termini di scadenza del pagamento della fattura, ovvero, 30 giorni dalla sua emissione/ricezione, salvo diverso accordo tra imprese e professionisti,iniziano a maturare in automatico gli interessi di mora. Il tasso di tali interessi, viene deciso dalla Banca Centrale Europea (BCE) e reso noto, ogni 6 mesi, dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, attraverso la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Nello specifico, il tasso di interesse applicato alle transazioni commerciali per il primo semestre 2014 è aumentato dello 0,25%, per cui da gennaio a giugno 2014 il tasso da calcolare sugli interessi di mora pagamento fattura scaduta è pari all'8,25% mentre per i ritardi ultimo semestre 2013, il tasso da applicare è pari all'8,50%.

 

Come scrivere lettere sollecito pagamento fatture:

La Lettera di Sollecito di Pagamento della Fattura può essere redatta su specifici moduli fac simile facilmente reperibili in rete, oppure, su carta semplice, l’importante è che entrambi le soluzioni sia che vengano utilizzate dal professionista, del lavoratore autonomo o dell’impresa, debbono contenere i seguenti dati minimi:

Dati identificativi del soggetto che sollecita il pagamento.

Riferimenti concernenti l’importo, la fattura e la data della fattura (ovvero gli elementi utili a definire compiutamente il rapporto per cui viene richiesto il pagamento)

Indicazione del numero dei solleciti precedentemente inviati

Importante: Scrivere la dicitura: che in caso di mancato pagamento si farà ricorso alle vie legali.

 

Primo Sollecito Pagamento Fattura Lettera

Il primo sollecito di pagamento fattura, deve avere un carattere puramente informativo e gentile nei confronti del cliente, per questo motivo è meglio optare per l’invio della lettera tramite email o posta ordinaria. In caso di raccomandata con ricevuta di ritorno o lettera, è necessario applicare una marca da bollo da 2,00 euro, nel caso in cui s’indichi l’importo dovuto ma solo se questo è maggiore a 77,47 euro, è invece esente dal bollo, se si riporta esclusivamente l’indicazione del documento. 

Spett.Ditta/ Egr. Sig. XXXXXXXX
Via XXXXXXXXXXXX nr. XXXX
CAP XXXXX
P.I. 00000000000

Alla cortese attenzione del Responsabile Amministrativo Egr. Sig. ______

Raccomandata A.R. Data e Luogo --/--/201_

Oggetto: Primo sollecito di pagamento Fattura

Gentile cliente, da un controllo contabile ci risulta che la fattura n° del….. di euro……..scaduta il……., alla data odierna non risulta ancora da Voi pagata.

Vi preghiamo pertanto di regolarizzare al più presto la vostra posizione contabile, ricordandoVi a tal proposito che, tale pagamento può essere effettuato tramite bonifico bancario utilizzando il seguente IBAN di riferimento IT_____________ oppure, a mezzo assegno bancario o circolare.

Nel caso abbiate già provveduto al pagamento di quanto dovuto, vi preghiamo di ritenere nulla la nostra richiesta.

Vi ringraziamo per l’attenzione e vi porgiamo cordiali saluti.

Timbro e Firma del responsabile amministrativo o dell’Amministratore Unico.

 

Secondo Sollecito Pagamento Fattura Lettera 

Il secondo sollecito di pagamento fattura, contenente, questa volta, l’invito a saldare la fattura al più presto deve essere spedito sempre via email, fax o posta semplice ordinaria. Riguardo all’imposta di bollo, anche per questo, vigono le stesse regole del primo sollecito. 

Spett.Ditta/ Egr. Sig. XXXXXXXX
Via XXXXXXXXXXXX nr. XXXX
CAP XXXXX
P.I. 00000000000

Alla cortese attenzione del Responsabile Amministrativo Egr. Sig. ______

Raccomandata A.R. Data e Luogo --/--/201_

Oggetto: Secondo sollecito di pagamento Fattura

Gentile cliente,in riferimento alla nostra precedente lettera del ………………, rimasta priva di risposta, ci troviamo purtroppo costretti a sollecitarVi nuovamente il pagamento della fattura n° del….. di euro……..scaduta il……., non ancora da Voi saldata.

Vi preghiamo pertanto di regolarizzare al più presto la vostra posizione contabile, ricordandoVi a tal proposito che, tale pagamento può essere effettuato tramite bonifico bancario utilizzando il seguente IBAN di riferimento IT_____________ oppure, a mezzo assegno bancario o circolare.

Nel caso abbiate già provveduto al pagamento di quanto dovuto, vi preghiamo di ritenere nulla la nostra richiesta.

Vi ringraziamo per l’attenzione e vi porgiamo cordiali saluti.

Timbro e  Firma del responsabile amministrativo o dell’Amministratore Unico.

 

Lettera di recupero credito esempio ultimo sollecito pagamento fattura:

La lettera di recupero credito ultimo sollecito di pagamento fattura con la costituzione in mora, va effettuato necessariamente tramite lettera raccomandata A/r, indicando l’importo delle somme a credito ed applicando la marca da bollo da Euro 1,81 se dovuto, da annullare con inchiostro indelebile. 

Spett.Ditta/ Egr. Sig. XXXXXXXX
Via XXXXXXXXXXXX nr. XXXX
CAP XXXXX
P.I. 00000000000

Alla cortese attenzione del Responsabile Amministrativo Egr. Sig. ______

Raccomandata A.R. Data e Luogo --/--/201_

Oggetto: Ultimo sollecito di pagamento Fattura e Costituzione in Mora

Gentile cliente, con riferimento alla Nostra lettera del ………………., rimasta priva di risposta, Vi invitiamo a provvedere entro il termine di dieci giorni dalla ricezione della presente, al pagamento della fattura  n° del….. di euro……..scaduta il……., ovvero, al pagamento dell’importo complessivo di Euro ……………,00 (al netto della ritenuta d’acconto di Euro ………,00, che verserete a termini di legge).

Se anche la presente lettera non troverà riscontro, saremo costretti ad adire alle vie legali per il recupero delle suddette somme, Vi informiamo inoltre che la presente ha validità come atto di costituzione in mora ad ogni effetto di legge.

Vi ringraziamo per l’attenzione e vi porgiamo cordiali saluti.

Timbro e Firma del responsabile amministrativo o dell’Amministratore Unico

Modello Sollecito Pagamento fattura Editabile word:

Modello fac simile Lettera di Sollecito Pagamento fattura primo, secondo sollecito e costituzione in mora Editabile in formato word

Siti e link di riferimento ufficiale per Sollecito Pagamento Fattura: Termini di Pagamento nelle Transizioni Commerciali

 

Aggiornato il 11 settembre 2014 14:33

Ti è piaciuto questo articolo?

1 Commenti
marco
29 ottobre 2013 19:43
Molto utile grazie. Esiste un limite di tempo entro il quale va inviato il primo sollecito? Lo si può fare ad esenpio anche dopo 3 anni?
Lascia un commento
Nome (richiesto)
E-Mail (richiesto, non verrà visualizzata)
Sito Web (opzionale)
Commenti Codice Captcha