School bonus 2016 credito d'imposta Buona Scuola per chi fa donazioni

School bonus 2016 Buona Scuola prevede per chi fa erogazioni liberali a favore delle scuole anche nel 2016 e 2017 sconto credito di imposta pari al 65 e 50%

Commenti 0Stampa

Lo School bonus 2016 introdotto dal decreto "La Buona Scuola" prevede la possibilità per i contribuenti che effettuano erogazioni liberali in denaro a favore degli istituti scolastici, di ottenere un credito d'imposta, ossia, uno sconto fiscale pari al 65% per il 2015 e 2016, e al 50% per il 2017, da ripartire in 3 quote di pari importo per 3 anni.

Vediamo nel dettaglio cos'è e come funziona l'agevolazione, cosa prevede, a chi spetta e come fare a fruire di questa nuova opportunità.

 

School bonus buona scuola: cos'è?

Lo School Bonus 2016 è un'agevolazione prevista dal Dl La Buona Scuola, legge 107/2015 "Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione" pubblicata in GU del 15 luglio scorso.

Tale novità fiscale, consiste nella possibilità per i contribuenti che effettuano donazioni, ovvero, erogazioni liberali per la scuola al fine di realizzare nuove scuole, potenziare o effettuare opere di manutenzione di quelle esistenti, di ottenere uno sconto fiscale sotto forma di credito di imposta. 

A tali contribuenti, spetta un credito di imposta pari al 65% per le erogazioni liberali in denaro nel 2016, e al 50% per quelle che verranno effettuate nel corso del 2017.

 

Come fruire dell'agevolazione?

contribuenti che intendono fuire dell'agevolazione fiscale, credito d'imposta al 65% per il 2016, e 50% per il 2017, devono, secondo quanto stabilito dal comma 149 della suddetta legge, provvedere ad inviare specifica comunicazione telematica al MIUR, indicando:

  • le somme erogate a favore della scuola, ai sensi del comma 148;
  • la destinazione e l'utilizzo delle donazioni.

La comunicazione deve avvenire attraverso la sezione dedicata allo school bonus MIUR, il sito del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, nel rispetto delle disposizioni del codice in materia di protezione dei dati personali.

 

School bonus 2016: a chi e cosa spetta?

Chi sono i beneficiari del credito d'imposta school bonus 2016? I contribuenti che possono fruire dell'agevolazione del credito di imposta pari al 65% nel 2016 e al 50% fino al 31 dicembre 2017, sono:

  1. Contribuenti privati;
  2. Persone fisiche;
  3. Enti non commerciali;
  4. Titolari di reddito di impresa.

Cosa spetta? Spetta uno sconto fiscale da ripartire in 3 quote annuali di pari importo per 3 anni.

Per fruire dell'agevolazione, i contribuenti devono effettuare erogazioni liberali in denaro a favore degli istituti scolastici al fine di finanziarie opere di costruzione di nuove scuole, opere di manutenzione o potenziamento di quelle già esistente, aumentare l'occupabilità degli studenti. 

 

Erogazioni liberali a favore della scuola: come funziona il credito d'imposta?

Secondo quanto definito dall'articolo 1, comma 145 della legge 107/2015, le erogazioni liberali in denaro destinate agli istituti scolastici, per la realizzazione di nuove strutture, manutenzione e potenziamento di quelle esistenti, spetta un credito di imposta da dividere in 3 quote annuali di pari importo per 3 anni.

Per cui tutti i contribuenti che nel corso del 2016 e 2017 effettuano tali donazioni, possono fruire degli sconti fiscali.

Come funziona il credito d'imposta nello school bonus? Innanzitutto va ricordato che il credito di imposta, è riconosciuto per chi effettua donazioni in denaro a favore delle scuole per la realizzazione di nuove strutture scolastiche, la manutenzione e il potenziamento di quelle esistenti e per il sostegno di interventi per migliore l’occupabilità degli studenti, e non è cumulabile, per le stesse spese, con altri tipi di agevolazioni.

Riguardo alle spese agevolabili, il testo della legge pubblicata in GU, ha fissato un tetto massimo di 100 mila euro per ciascun anno.

Detto ciò, il credito va poi suddiviso in 3 quote annuali di pari importo ad esempio se è pari a 900, il contribuente può fruire dell'agevolazione nel 2016, 2017 e 2018 per un tetto massimo di 300 ogni anno.

Per i soggetti titolari di reddito d'impresa, il credito d'imposta, va sempre diviso in 3 quote in 3 anni, può essere utilizzato tramite compensazione in base a quanto stabilito dall'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni, e non è rilevabile ai fini delle IRPEF, IRES e IRAP. Per cui, il suddetto credito non concorre alla formazione della base imponibile ai fini delle imposte sul reddito e né delle relative addizionali regionali e comunali, e tantomeno alla determinazione del valore della produzione netta ai fini IRAP.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti